Blog scacchi Regina Cattolica

Scacchi, partite commentate, lezioni e problemi di scacchi, arte e storia degli scacchi

  • Meta

  • agosto: 2009
    L M M G V S D
    « Lug   Set »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  
  • Commenti recenti

    Marco Puleo su Kramnik – Anand, novità…
    Davide Aramis su Caruana Fabiano pareggia con M…
    aaa su Sacrificio di sgombero
  • Articoli precedenti

Se qualcosa può andare male lo farà!

Posted by Arcobaleno su agosto 13, 2009

Tigre_di_Legno

La legge di Morphy è la più grossa consolazione per chi è abituato a perdere, a scacchi, come nella vita… ci sono centinaia di citazioni riguardanti il culto della sconfitta, tra le tante mi incuriosisce il teorema di Ginsberg:

  • Non puoi vincere.
  • Non puoi pareggiare.
  • Non puoi nemmeno abbandonare.

Mi sembra di essere incatenato al patibolo, obbligato a giocare a scacchi contro un boia capace di prevedere ogni spinta di reazione, con il re impossibilitato a muoversi dalla casa h1, l’arrocco lungo gli era stato precluso da una dominante regina ubicata nella casa d4.

In nostro aiuto accorre Freeman (LOL) con il suo approccio scientifico dei fatti ha osservato che tutte le più importanti filosofie che cercano di dare un significato alla vita sono basate sulla negazione di una parte del teorema di Ginsberg.

Per esempio:

  • Il capitalismo è basato sul presupposto che si possa vincere.
  • Il socialismo è basato sul presupposto che si possa pareggiare.
  • Il misticismo è basato sul presupposto che si possa abbandonare.

A me piace pareggiare, ma adoro vincere e detesto abbandonare, accetto il capitalismo con finalità socialiste e son più soggetto al misticismo di quanto non li sia al pragmatismo.

Il caos regna sovrano nella mia psiche, son figlio della Luna, amo la luce, ma mi piace vivere di notte.

Schiavo nella città di Equilibrium , schivo le emozioni deficitando del principio di reciprocità, soffro della sindrome di Paul Morphy, totalitarista ed ossessivo, eseguo le stesse mosse di apertura come un automa.

1. e4 e6

1. d4 Cf6

Il gioco magistrale mi ha costretto ad allargare la mia conoscenza del gioco, lo score non è l’unica finalità della partita, esiste lo stile nel condurre la lotta, sono accecato da una luce che mi sprona al miglioramento individuale al fine di essere in grado di offrire una decente partita ai Re e alle Regine seduti all’altro lato della scacchiera.

Tigre di Legno in movimento… con calma… ma implacabile!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: