Blog scacchi Regina Cattolica

Scacchi, partite commentate, lezioni e problemi di scacchi, arte e storia degli scacchi

  • Meta

  • ottobre: 2009
    L M M G V S D
    « Set   Nov »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  
  • Commenti recenti

    Marco Puleo su Kramnik – Anand, novità…
    Davide Aramis su Caruana Fabiano pareggia con M…
    aaa su Sacrificio di sgombero
  • Articoli precedenti

Tirare un bidone è come giocare a scacchi!

Posted by Arcobaleno su ottobre 20, 2009

confidence-la_truffa_perfetta

Un bidone di classe è come una rappresentazione in cui ognuno recita la propria parte.

E’ come giocare a scacchi devi prevedere ogni possibile mossa. Devi prevedere tutto!

Sono alcune delle massime espresse nel film “Confidence – La truffa perfetta”.

Schiantato dalla critica a me è piaciuto, poco importa che sia più adatto per una visione televisiva piuttosto che per una cinematografica.

Nel film vi sono vari riferimenti alla partita di scacchi, si narra che un buon giocatore debba prevedere anche 20 mosse di fila! 

Ogni maestro di scacchi possiede uno stile che lo contraddistingue dagli altri.

L’apertura della partita di scacchi è il vestito che indossiamo per affrontare il mediogioco, un gambetto o un apertura bizzarra mettono in risalto il nostro stile.

Questo è il discorso tra King e Jake Wig:

Allora che fai, tigre, freghi i soldi alla gente?
Ci vuole una certa tecnica per farlo.
Ah-ah. Insomma, ci vuole stile.
Eh. quello aiuta, non credi?
No no no lo stile è l’ultima cosa e ti spiego perché. Quando avevo la tua età, agli inizi, il mio primo vero colpo fu rapinare un tizio che si chiamava Chinatown Smith, ok?, niente di che, la mia parte era ottocento dollari. La prima cosa che faccio è comprarmi un vestito, giusto? Sembravo un figurino, era bianco. Sì era… era bianco… era bianco bianco… bianco-bianco-bianco-bianco-bianco! Oh!, mi stava da dio, amico, lo giuro, camminavo per strada e mi guardavano tutti, maschi e femmine.
Sì, non stento a crederlo.
E già. Comunque. Me lo metto per la prima volta, è ottobre, fa ancora caldo e noi ci stiamo rilassando a Malibu. E Chinatown Smith, eh?, ci becca, arriva in macchina con due scagnozzi e – bum-bum-bum, bum bum… bum! – sei di noi si mettono a riparo, poi torna la calma. Tutti si controllano da capo a piedi, e chi è l’unico che è stato colpito, indovina? E sai perché? Il vestito bianco. Io sono stato il primo che hanno visto, il primo a cui hanno mirato. Il primo che hanno colpito. Qual è la lezione, Jake?
Mai vestirsi di bianco in ottobre?
No. Che alcune volte, Jake, lo stile ti può uccidere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: