Blog scacchi Regina Cattolica

Scacchi, partite commentate, lezioni e problemi di scacchi, arte e storia degli scacchi

  • Meta

  • Commenti recenti

    Marco Puleo su Kramnik – Anand, novità…
    Davide Aramis su Caruana Fabiano pareggia con M…
    aaa su Sacrificio di sgombero
  • Articoli precedenti

Variante Tarrash della difesa Francese

Posted by Arcobaleno su marzo 5, 2010

5 Settembre 2009 | Christian Gasperini – Niccoli Paolo | 5° Festival Internazionale di Scacchi “Città di Cattolica”

1.e4 e6 2.d4 d5 3.Cd2 c5 4.c3 siamo nella variante tarrash della difesa Francese Cc6 5.Cgf3 Cf6 6.e5 Cd7 7.Ad3 siamo giunti a questa posizione per mezzo di un insolito ordine di mosse, personalmente preferisco il set-up in cui il bianco sviluppa il Cg in e2 portando in f3 il cavallo di donna f6 nella linea principale il nero sviluppa l’alfiere in e7 o la regina in b6 8.exf6  questa è una valida soluzione, ma il bianco può anche scegliere di complicare per mezzo di Cg5!? un sacrificio che scatena un violento attacco contro il re, ove a tavolino non è facile trovare la difesa corretta Cxf6 9.0–0 Ad6 10.Te1 una novità rispetto alla collaudata 10. dxc5 che conduce ad un gioco incerto 0–0 11.dxc5 Axc5 12.Cb3 in una posizione simile si è giocata la spinta in b4, per aggredire il lato di donna del nero, ritengo che il bianco debba giocare attivamente sulle fasce per contrastare i pedoni neri in e6 e d5. Ad6 13.Ag5 è interessante contrastare l’alfiere in d6 per mezzo della manovra Ag5-Ah4-Ag3 Dc7 14.h3 un indebolimento non necessario era meglio proseguire con il piano teso a cambiare l’alfiere delle case scure h6 questa mossa ha una valenza diversa dalla spinta del bianco, poiché crea le premesse per una espansione sul lato di re, sostenuta dai pezzi pesanti 15.Ad2 non è la casa migliore e5 chiaramente la massa pedonale si mette in moto, i pezzi bianchi finiscono con l’intralciarsi tra di loro 16.Ac2 Ad7 17.Dc1 Ae8 il riciclo di questo alfiere lungo la diagonale e8-h5 è uno dei piani strategici del nero per liberarsi dell’alfiere cattivo, nella fattispecie era interessante avanzare il pedone in e4 per l’imitare l’azione del collega bianco 18.Af5 a5 offrendo la chance di complicare spingendo il pedone in c4, era interessante Ch5 con l’idea Cf4 e attacco al fragile arrocco del bianco 19.Dc2 strategicamente perdente a4 obbligando il bianco a rompere la comunicazione delle torri 20.Cc1 i pezzi si intralciano e non si vede un piano attivo e4 21.Ch4 g5 22.Ae6+ Rh7 23.Cf5 Ag6 24.Ce3 Tad8 era interessante anche Ac5 difendendo indirettamente il pedone d5, poiché se 25. Cxd5 Cxd5 26. Axd5 segue Axf2+ guadagnando la qualità 25.Dxa4 De7 era corretto aprire la posizione con la spinta in d4, considerato che dopo cxd4 Cxd4 l’equino è tabù per via dello scacco di scoperta in h2 26.Af5 De5 27.Axg6+ Rxg6 28.Cf1 g4 29.Cg3?? l’errore decisivo, dopo Ce2 il bianco si sarebbe difeso dalle spinte di rottura e sarebbe stato pienamente in partita gxh3 30.gxh3 Ch5 0-1

Nella posizione finale si poteva continuare a giocare opponendo una fantasiosa quanto sterile resistenza per mezzo di 31. Cd3, a gioco corretto il nero guadagna materiale, ma come dice il proverbio, “Non si vince la partita abbandonando”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: