Blog scacchi Regina Cattolica

Scacchi, partite commentate, lezioni e problemi di scacchi, arte e storia degli scacchi

  • Meta

  • giugno: 2017
    L M M G V S D
    « Apr    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  
  • Commenti recenti

    boedus su Nuovo indirizzo Circolo Scacch…
    Stelio Pazzaglia su Nuovo indirizzo Circolo Scacch…
    Marco Puleo su Kramnik – Anand, novità…
  • Articoli precedenti

Posts Tagged ‘attività dei pezzi’

Anand – Topalov | Campionato del Mondo di scacchi 2010

Posted by Arcobaleno su aprile 27, 2010

Anand Viswanathan – Topalov Veselin

2ª partita Campionato del Mondo di scacchi 2010

1.d4 Cf6 2.c4 e6 3.Cf3 d5 4.g3 dxc4 5.Ag2 a6 Anand adotta una difesa catalana, arma che usa anche Topalov, dopo la prima partita i due GM danno prova di sfidarsi su terreni a noti ad entrambi, dopo le dichiarazioni di Danailov sembra che Anand e Topalov abbiano deciso di verificare su chi dei due conosce la variante di teoria più lunga.
6.Ce5 c5 7.Ca3 cxd4 8.Caxc4 Ac5 sembra che l’indiano voglia vendicarsi per non aver dimostrato di sapere conservare il vantaggio materiale nella prima partita. Il compenso è dato dalla maggiore attività sul lato di donna, il campione del mondo cercherà di frenare lo sviluppo dello sfidante, grazie alla pressione che l’alfiere g2 esercita sul pedone b7.
9.0-0 0-0 10.Ad2 Cd5 in questo modo si mura l’alfiere in g2 e si frena la spinta del pedone in b4. 
11.Tc1 Cd7 la scelta più comune che cerca di cambiare materiale per diminuire l’iniziativa del bianco 12.Cd3 una scelta interessante che frustra il piano del nero Aa7 13.Aa5 questa mossa tende a provocare la spinta in b6, che accecherebbe l’alfiere di casa nera e aprirebbe la diagonale per l’alfiere in g2
13… De7 non cadendo nelle provocazioni
14.Db3 una mossa come 14.Axd5 avrebbe permesso al nero di sciogliere la posizione dell’alfiere in c8 e della torre in a8, che avrebbero trovato nuove case di sviluppo.
14… Tb8 togliendo la torre dalla diagonale e come suggerito dall’ipermoderno Nimzowitsch
15.Da3 L‘offerta del cambio di donne è strabiliante, il bianco ha già un pedone in meno ed ora accetta di subire un impedonatura
15… Dxa3 sembra tutto ok per il nero, in realtà questa mossa che permette l’apertura della colonna b, accresce il vantaggio posizionale del bianco
16.bxa3 C7f6  17. Cce5 il cambio delle regine ha provocato un indebolimento della casa d6, ma questa mossa continua a mettere pressione al nero e ne ritarda lo sviluppo
17… Te8 18. Tc2 è corretto raddoppiare le torri sulla colonna aperta b6 19.Ad2 Ab7 20.Tfc1 Tbd8 liberando la casa all’alfiere di casa scura
21.f4 un altra mossa ipermoderna basata sulla superprotezione dell’avamposto
21… Ab8 22.a4 a5 23.Cc6 ora che tutto è pronto il campione del mondo invade la casa debole
23… Axc6 24.Txc6 h5 l’idea è creare debolezze attorno all’arrocco bianco
25.T1c4 Ce3 26.Axe3 dxe3 27.Af3 il lato di donna nero è un colabrodo, ora che il bianco ha evitato le minaccie di matto la posizione del nero pare priva di un reale controgioco, forse si può tentare 27. … Cd7 e 28. … e5
27… g6 stabilizzando la struttura pedonale sul lato di re
28.Txb6 Aa7  29.Tb3 Td4 30. Tc7 Ab8 31.Tc5 Anand ha saggiamente evitato il cambio delle torri che avrebbe alleggerito la pressione
31… Ad6 32.Txa5 da un pedone in più per Topalov si è passati ad un pedone in più per Anand
32… Tc8 33.Rg2 Tc2 34.a3 Topalov è in grande difficoltà, ha 11 minuti per eseguire ancora 7 mosse
34… Ta2 35.Cb4 Axb4 36.axb4 Cd5 portando pressione sul lato di donna del bianco! 37.b5 Taxa4 38.Txa4 Txa4 39.Axd5 exd5 40.b6 Ta8 41.b7 Tb8 42.Kf3 d4 al termine delle semplificazioni il bianco si ritrova con un finale vinto.
43.Re4 1-0 terminato lo zeinot Topalov si accorge che protrarre resistenza sarebbe inutile, il bianco vince facilmente portando il re a sostegno del pedone B, costringendo il re avversario a portarsi su tale lato, per poi andare a catturare i pedoni lasciati indifesi sul lato di re! Anche se il nero riuscisse a semplificare la posizione mangiando il pedone B e cambiando le torri, il bianco dopo avere eliminato i pedoni D ed E avversari, farà avanzare il proprio pedone E, conquistando il vantaggio di avere un pedone passato!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment »

Il gambetto di Alekhine nella Difesa Francese

Posted by Arcobaleno su agosto 6, 2009

 

I fantastici 4 alla zona 99

I fantastici 4 alla zona 99

Questa estate Daniel Matovic mi ha chiesto se sono capace di giocare contro il computer usando appositi book elettronici, in modo da creare velocemente un repertorio di aperture di cui conoscere le varie idee identificabili dalle catene pedonali. In passato ho giocato tante partite contro i processori elettronici, alcune di quelle partite le ho trascritte in un quaderno ed ogni tanto mi diverto a riprodurle sulla scacchiera da tavolo.

Ho giocato la partita che sto’ per commentare, il 17 Ottobre 1994, contro il software di scacchi Cyrus, che al tempo girava su un processore 486 a 66mhz, eravamo agli albori dei processori elettronici commercializzati su larga scala e non era difficile sconfiggere questi software per i giocatori professionisti; io avevo cominciato a giocare a scacchi da un paio di anni e per me era tutt’altro che facile.

1.e4 e6 2.d4 d5 3.Cc3 Cf6 4.Ag5 Ae7 5.e5 Cfd7 6.h4 questa mossa avvia l’attacco Alekhine nella Difesa Francese, al tempo in cui visse il Grande Maestro emigrato in Francia un sacrificio di questo tipo era molto insidioso, specialmente se a condurre i pezzi bianchi era il giocatore dotato del talento offensivo del Moscovita Axg5 7.hxg5 Dxg5 con gli sviluppi della teoria moderna si preferisce non catturare il pedone l’alfiere in g5, ma giocare 7. … h6 considerato che la semplificazione derivante dal cambio in e7 anche se lascia il nero con l’alfiere cattivo, lascia il bianco in ritardo di sviluppo, esattamente l’opposto di quello che si vuole ottenere per mezzo della sesta mossa; dopo 8. Ae3 c5 9. Dg4 Rf8 il nero ha perso l’arrocco, ma la pratica ha dimostrato che il nero ottiene buon gioco sul centro nel lato di donna! 8.Cb5, la teoria consiglia Ch3, con l’idea Cf4, al tempo avevo elaborato una mia teoria basata sulla spinta del pedone c3 che rafforza il centro e l’arrocco lungo, sicuramente molto rischiosa, ma in gioventù mi piaceva giocare sul filo del rasoio, la maturità scacchistica ha modificato profondamente il mio stile, ora il mio gioco è molto più chiuso, corro meno brividi… non so se questo è un bene od un male, il solo rilevarlo mi fa propendere per la seconda opzione! Ca6, meglio tornare immediatamente in d8 con la regina 9.c3 Dd8 10.Dh5 Cab8 ammettendo che l’ottava mossa è stata un errore, un altra idea consisteva nel sviluppare il cavallo in b6 prendendo il controllo della casa c4 11.f4 l’idea è aprire il centro a qualsiasi costo! a6 12.f5!? questa mossa presuppone il sacrificio di un pezzoil compenso c’è, forse non è sufficiente per vincere, ma al tempo il computer non era in grado di valutare la pericolisità di avere il re in mezzo alla scacchiera g6 13.Cxc7+ Dxc7 14.Dg5 Dh6 avrebbe permesso di recuperare un pedone dopo Dg7 exf5 15.Ad3 Db6 16.0–0–0 Cc6 17.Te1 fino a questo punto cyrus si era difeso bene, ma Da5 ora al posto di consolidare la posizione con Cd8 o Cf8 si mette a caccia di pedoni 18.e6 fxe6 restituire il pezzo con Cc5 offriva migliori prospettive di complicare il gioco 19.Txe6+ Rf8 Txg6 dava al bianco un vantaggio decisivo, ma al tempo non la vidi! 20.g4 Dxa2 l’errore decisivo, era importante ripiegare con Dd8 e dopo Dh6+ Rf7 gxf5 il gioco era complicato 21.gxf5 h5 22.fxg6 qui vinceva anche Dxg6 che minaccia matto in e8Da1+ 23.Ab1 il resto è pura accademia Rg7 24.Cf3 Td8 25.Txh5 Dxb2+ 26.Rxb2 Te8 27.Th7+ Rg8 28.Th8+ Rxh8 29.Dh6+ Rg8 30.Dh7+ Rf8 31.Df7# 1–0

Posted in scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Come sfruttare il vantaggio di sviluppo

Posted by Arcobaleno su dicembre 10, 2008

sacrificio di pedone

sacrificio di pedone

Nella seguente partita osserveremo due giocatori con un range da 2000 a 2100 punti elo, ad un giocatore esordiente la sua comprensione dovrebbbe essere più semplice rispetto ad una normale partita di GM.

Dopo 1.e4 d5 2.exd5 Cf6 3.c4 il nero può sacrificare efficacemente un pedone per mezzo di c6 4.dxc6 Cxc6 il bianco è in vantaggio di un pedone, ma soffre di ritardo di sviluppo, una malattia che se non presa in tempo conduce ad una lenta agonia 5.Cf3 e5 6.d3 e4 7.De2 Ag4 proseguendo a sviluppare i propri pezzi senza temere la perdita di un altro pedone poiché la sua cattura costerebbe al bianco un altro tempo 8.dxe4 Cd4 9.Dd3 Cxf3+ 10.gxf3 Dxd3 11.Axd3 Axf3 12.0–0 0–0–0 guadagnando un altro tempo. Il pedone in e4 sta per essere riconquistato 13.Ac2 Cxe4 14.Axe4 Axe4 i vantaggi del nero sono evidenti:

– Migliore struttura pedonale.

– Una maggiore sicurezza del re.

– Coppia degli alfieri.

15.Cc3 Af3 dopo Ad3 il nero guadagna un pedone gratis 16.Ae3 Td6 17.Tfc1 Tg6+ 18.Rf1 Tg2 19.Axa7 Txh2 20.Re1 Ab4 21.a3? Td8 ed il bianco si ritrova in una rete di matto L’attacco del nero ha avuto successo perché un insieme di elementi hanno giocato a suo favore:
– Iniziativa derivante dal vantaggio di sviluppo, controllo del centro e maggior attività dei pezzi nella zona della scacchiera dove è infervorata la battaglia.

Posted in partite | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »