Blog scacchi Regina Cattolica

Scacchi, partite commentate, lezioni e problemi di scacchi, arte e storia degli scacchi

  • Meta

  • agosto: 2017
    L M M G V S D
    « Apr    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  
  • Commenti recenti

    boedus su Nuovo indirizzo Circolo Scacch…
    Stelio Pazzaglia su Nuovo indirizzo Circolo Scacch…
    Marco Puleo su Kramnik – Anand, novità…
  • Articoli precedenti

Posts Tagged ‘partite commentate’

Campionato del Mondo di scacchi – WCC 2010 – Difesa slava

Posted by Arcobaleno su maggio 5, 2010

Campionato del Mondo di scacchi – WCC 2010

Veselin Topalov – Vishy Anand

1.d4 d5 2.c4 c6 3.Cf3 Cf6 4.Cc3 dxc4 Ancora una difesa slava, ogni Campionato del Mondo di scacchi ha il proprio match tematico.
5.a4 Af5 6.Ce5 e6 7.f3 c5 8.e4 Ag6 9.Ae3 cxd4 10.Dxd4 Dxd4 11.Axd4 Cfd7 12.Cxd7 Cxd7 13.Axc4 a6  14.Tc1 Rg8 15.h4 Fino a qui tutto già visto come nella partita n° 3
15… h5 La prima deviazione! In questo modo si impedisce al pedone bianco di avanzare ancora, 
16.Ce2 Ad6
17.Ae3 Ce5 ora che l’alfiere in g6 non rischia di essere scacchiato dalla sua posizione, è meglio usare la casa e5 per smistare i pezzi piuttosto che piazzarci un pedone che cederebbe la casa d5.
18.Cf4 ovviamente se il nero non prende provvedimenti per controllare la diagonale b8-h2 il cavallo in f4 gode di un avamposto ideale per tenere sotto scacco l’alfiere in g6 ed il pedone in h5.
18… Tc8 19.Ab3 Txc1+ 20.Axc1 Re7 21.Re2 Rc8 l’idea è quella di portarsi in c6 e poi in b6 per attaccare il pedone b2
22.Ad2 Topalov si appresta a difendere il pedone, il vantaggio del bianco non sembra sufficiente per vincere
22… f6 con la solita idea di attivare l’alfiere
23.Cxg6+ Cxg6 24.g3 Ce5 25.f4 Cc6 26.Ac3 Ab4 27.Axb4+ Cxb4 28.Td1 a causa delle case deboli b4 e d4 il bianco deve lottare per mantenere la parità
28… Cc6 29.Td2 g5 un idea interessante che mira ad aprire la colonna G
30.Rf2 30.Kf2!? un idea molto profonda tesa ad aprire la diagonale d1-h5
30… g4 31.Tc2 Td8 32.Re3 Td6  33. Rc5 Cb4 una difesa indiretta della minaccia Txh5 al quale seguirebbe lo scacco in d3 con conseguente cattura dell’alfiere indifeso 34. Rc7+ Rd8 35. Tc3 Re7 36. e5 Td7  37.exf6+ Rxf6 38.Re2 Cc6 39.Re1 Cd4 40.Ad1 a5 controllo del tempo raggiunto per entrambi i giocatori.
41.Rc5 Nf5 Catturare il pedone in a5 è troppo pericolo 42.Rc3 Cd4 43.Tc5 Cf5 44.Tc3  dopo una lunga schermaglia psicologica e strategica i due campioni del mondo si sono accordati per il pareggio 1/2-1/2

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Anand – Topalov | Sofia 2010 | quarta partita

Posted by Arcobaleno su maggio 3, 2010

Campionato del Mondo di scacchi 2010

Anand – Topalov

1.d4 Cf6 2.c4 e6 3.Cf3 d5 4.g3 dxc4 5.Ag2 Ab4+ 6.Ad2 a5 Topalov ripropone la variante catalana adottata nel match contro Kramnik. 
7.Dc2 Axd2+ 8.Dxd2 c6 l’idea è ostacolare l’azione dell’alfiere in g2 e preparare b5.
9.a4 b5 10.Ca3 l’idea dietro questa mossa non convenzionale è fare pressione sul pedone b5
 10… Ad7 11.Ce5 Cd5 12.e4 come spesso accade il cavallo d5 si rivela fondamentale per oscurare la visione dell’alfiere in g2, il pedone in e4 scaccia il cavallo nemico ma accorcia la linea di azione del proprio alfiere. 
12… Nb4 13.0-0 0-0 14.Tfd1 una continuazione tranquilla che prepara la spinta di sfondamento in d5
14… Be8 riprende il controllo della casa d5, ma al tempo stesso ostacola lo sviluppo della torre f8 ed il coordinamento dell’ottava traversa.
15.d5 su 15…f6 si può sacrificare un pezzo con 16.dxc6 Dxd2 17.Txd2 fxe5 18.axb5 il sacrificio sembra molto promettente, il nero non è obbligato ad accettarlo, ma in ogni caso il proprio lato di donna sarebbe disintegrato.
15… Dd6 16.Cg4 Dc5 17.Ce3 C8a6 completando il proprio sviluppo, anche se il lato di donna è assediato
18.dxc6 bxa4 19.Caxc4 Axc6 20.Rac1 il nero ha mantenuto il pedone di vantaggio, però è doppiato ed il bianco ha mantenuto l’attività dei pezzi, anche in questa quarta partita del Campionato del Mondo di scacchi il difensore è chiamato a dimostrare il valore del vantaggio materiale rispetto al vantaggio di sviluppo
20… h6 21.Cd6 per creare un avamposto sostenuto da un pedone in e5 e dall’altro cavallo in c4 Da7 
22.Cg4 ora che la regina nera è finita fuori gioco si creano i presupposti per sacrificare materiale sull’arrocco indebolito
22… Tad8 23. Cxh6+ gxh6 24.Dxh6  f6 25.e5 ridando luce all’alfiere
 25… Axg2 26.exf6 ottimo questa è la via più veloce per finire la partita Rxd6 27.Rxd6 Ae4 28.Txe6 Cd3 29.Tc2 Dh7 30.f7+ Dxf7 31.Rxe4 scegliendo la via che conduce alla via vittoria senza correre rischi
31… Df5 un errore che conduce forzatamente alla sconfitta 32. Re7 Qf7 33. Qg5+ Kh8 34. Rxf7 Rxf7 35. Qh6+ Kg8 36. Rc8+ Rf8 37. Rxf8
32.Te7 1-0 sarebbe potuto seguire Df7 33. Dg5+ Rh8 34. Txf7 Txf7 35. Dh6+ Rg8 36. Tc8+ Tf8 37. Txf8#

Dopo questa vittoria Anand è balzato al comando del match che conduce 2,5 ad 1,5 Topalov dispone di 8 partite per riequilibrare il punteggio.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Veselin Topalov – Viswanathan Anand 1ª partita campionato del mondo di scacchi

Posted by Arcobaleno su aprile 23, 2010

1.d4 la mossa che gli amanti dell’approccio strategico aspettavano, negli scontri diretti quando Topalov ha aperto con il pedone di re, non è mai riuscito a vincere una partita! Cf6 2.c4 g6 3.Cc3 la difesa Grunfeld è un apertura dinamica che probabilmente i teorici non si aspettavano, siamo alla prima partita del match e probabilmente era meglio esordire con una difesa più tranquilla.
3… d5 4.cxd5 Cxd5 5.e4 Cxc3 6.bxc3 Ag7 7.Ac4 c5 8.Ce2 Cc6 9.Ae3 0-0 10. 0-0 l’apertura giocata a cadenza blitz non riserva novità rispetto alla teoria classica. Topalov si era preparato in previsione del match con Kamsky,  Anand ce l’ha in repertorio dal 1988, ma non ha mai ottenuto buoni risultati con questa difesa.
10… Ca5 11.Ad3 b6 12.Dd2 e5  13.Ah6 cxd4 14.Axg7 Rxg7 15.cxd4 exd4 16.Tac1 Tutto già visto e collaudato, a questo punto Topalov aveva giocato 16.f4 contro Kamsky. L’arrocco indebolito del nero, la vulnerabiltà del pedone d4, il cavallo decentrato in a5, il ritardo di sviluppo sono fattori che compensano il pedone di svantaggio del bianco. Nella partita Karjakin-Calrsen furono giocate queste mosse 16.Tac1 Ab7 17.f4 Tc8 18.Txc8 Dxc8 19.f5 Cc6 20.Tf3 Ce5 21.Th3 Th8 22.f6+ Rg8 23.Dh6 Df8 24.Dxf8+Rxf8 e dopo poche mosse fu concordato il pareggio.
16… Qd6 17.f4 f6 18.f5 De5 Queste 18 mosse sono state giocate in 4 minuti
19.Cf4 g5 Il nero sembra aver raggiunto una buona posizione, anche se la regina non è il pezzo ideale per fare un blocco
20.Ch5+ Rg8 è una mossa strana, sembrava più logico andare con il re in h8 e lasciare la casa libera per la torre
21.h4 h6 22.hxg5 hxg5 23.Rf3 le classiche posizioni amate da Topalov, il re nero è ballerino e nell’aria vi è il sacrificio di cavallo in f6 per rimuovere le ultime difese dell’arrocco. 
24.Cxf6 un sacrificio vincente non facile da trovare per un umano!
24… Rxf6 25.Th3 Tg8 26.Th6+ Rf7 27. Th7+ Re8 28.Tcc7 Rd8 29.Ab5 mettendo in presa un altro pezzo! Dopo 29. … Dxb5 segue 30. Dxd4 Re8 31. The7+ Rf8 32. Df6#
29… Dxe4 30.Txc8+ Forzando Anand all’abbandono a 30. … Rxc8 seguirebbe 31. Dc1+ Cc6 32. Axc6! e crolla tutto. 1-0

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Variante Tarrash della difesa Francese

Posted by Arcobaleno su marzo 5, 2010

5 Settembre 2009 | Christian Gasperini – Niccoli Paolo | 5° Festival Internazionale di Scacchi “Città di Cattolica”

1.e4 e6 2.d4 d5 3.Cd2 c5 4.c3 siamo nella variante tarrash della difesa Francese Cc6 5.Cgf3 Cf6 6.e5 Cd7 7.Ad3 siamo giunti a questa posizione per mezzo di un insolito ordine di mosse, personalmente preferisco il set-up in cui il bianco sviluppa il Cg in e2 portando in f3 il cavallo di donna f6 nella linea principale il nero sviluppa l’alfiere in e7 o la regina in b6 8.exf6  questa è una valida soluzione, ma il bianco può anche scegliere di complicare per mezzo di Cg5!? un sacrificio che scatena un violento attacco contro il re, ove a tavolino non è facile trovare la difesa corretta Cxf6 9.0–0 Ad6 10.Te1 una novità rispetto alla collaudata 10. dxc5 che conduce ad un gioco incerto 0–0 11.dxc5 Axc5 12.Cb3 in una posizione simile si è giocata la spinta in b4, per aggredire il lato di donna del nero, ritengo che il bianco debba giocare attivamente sulle fasce per contrastare i pedoni neri in e6 e d5. Ad6 13.Ag5 è interessante contrastare l’alfiere in d6 per mezzo della manovra Ag5-Ah4-Ag3 Dc7 14.h3 un indebolimento non necessario era meglio proseguire con il piano teso a cambiare l’alfiere delle case scure h6 questa mossa ha una valenza diversa dalla spinta del bianco, poiché crea le premesse per una espansione sul lato di re, sostenuta dai pezzi pesanti 15.Ad2 non è la casa migliore e5 chiaramente la massa pedonale si mette in moto, i pezzi bianchi finiscono con l’intralciarsi tra di loro 16.Ac2 Ad7 17.Dc1 Ae8 il riciclo di questo alfiere lungo la diagonale e8-h5 è uno dei piani strategici del nero per liberarsi dell’alfiere cattivo, nella fattispecie era interessante avanzare il pedone in e4 per l’imitare l’azione del collega bianco 18.Af5 a5 offrendo la chance di complicare spingendo il pedone in c4, era interessante Ch5 con l’idea Cf4 e attacco al fragile arrocco del bianco 19.Dc2 strategicamente perdente a4 obbligando il bianco a rompere la comunicazione delle torri 20.Cc1 i pezzi si intralciano e non si vede un piano attivo e4 21.Ch4 g5 22.Ae6+ Rh7 23.Cf5 Ag6 24.Ce3 Tad8 era interessante anche Ac5 difendendo indirettamente il pedone d5, poiché se 25. Cxd5 Cxd5 26. Axd5 segue Axf2+ guadagnando la qualità 25.Dxa4 De7 era corretto aprire la posizione con la spinta in d4, considerato che dopo cxd4 Cxd4 l’equino è tabù per via dello scacco di scoperta in h2 26.Af5 De5 27.Axg6+ Rxg6 28.Cf1 g4 29.Cg3?? l’errore decisivo, dopo Ce2 il bianco si sarebbe difeso dalle spinte di rottura e sarebbe stato pienamente in partita gxh3 30.gxh3 Ch5 0-1

Nella posizione finale si poteva continuare a giocare opponendo una fantasiosa quanto sterile resistenza per mezzo di 31. Cd3, a gioco corretto il nero guadagna materiale, ma come dice il proverbio, “Non si vince la partita abbandonando”.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Topalov batte la difesa russa di Gelfand ed è campione a Linares 2010

Posted by Arcobaleno su febbraio 25, 2010

Ultimo turno del supertorneo di Linares 2010, Topalov cerca la vittoria contro Gelfand, per garantirsi il primo posto assoluto nel torneo.
1. e4 e5 2. Cf3 Cf6 3. Cxe5 d6 la difesa Petroff è l’arma preferita di Gelfand contro 1.e4, un apertura solida come il granitico israeliano.
4. Cf3 Cxe4 5. Cc3 Cxc3 6. dxc3 Ae7 7. Ae3 questa è la linea più popolare della difesa russa, 7.Af4 è molto più teorizzata, nella linea della partita sovente il bianco dispone della coppia degli alfieri contro Alfiere e cavallo, ciò gli permette di esercitare un pressione a lungo termine senza correre alcun rischio.
7. … 0-0 8. Dd2 Cd7 9. 0-0-0 con questo raddoppio dei pezzi pesanti sulla colonna ‘d’ si evita Ce5 o Cc5, ma il nero può sviluppare il cavallo in b6, con l’idea Ae6 e Cc4.
9. … Te8 Gelfand preferisce porre una torre sulla colonna aperta 10. h4 Topalov risponde nel modo più aggressivo, manifestando chiare intenzioni di giocare per vincere 10. … c6 11. h5! h6 la posizione è più o meno pari, il bianco ha un attacco sul lato di re, ma il nero ha il suo controgioco al centro e sul lato di donna.
12. Rb1 Cf6 13. Ad3 Topalov fa la mossa più logica, completando lo sviluppo.
13. … Ah8 consolidando la posizione, sarebbe stata interessante anche 13. … Ag4
14. Rdg1 Topalov sta preparando minuziosamente la spinta in g4, Gelfand è chiamato a svolgere un attento lavoro difensivo, ma la spinta in d5 e lo sviluppo del Cavallo in e4 sembrano rimedi semplici e naturali per fronteggiare l’attacco sull’ala.
14 … Cg4 15. Af4 Df6 16. Ch2 Gelfand ha giocato per impedire g4, ma Topalov non ha alcuna intenzione di rinunciarvi anche se ciò porta a semplificare la posizione, che in genere è favorevole a chi dispone di meno spazio.
16. … Cxh2 17. Txh2 Af5 18. Axf5 Dxf5 Il bianco sembra preferibile, il piano del nero è stato quello di scambiare i pezzi e di preparare un controgioco lungo la colonna aperta.
19. g4 De4 20. g5 hxg5 21. Axg5 La posizione di Topalov è superiore, Gelfand avrebbe fatto meglio ad evitare il cambio dei cavalli alla sedicesima mossa, trasferendo il cavallo in e5 avrebbe mantenuto una posizione attiva, anche se la sua scelta aveva seguito i dettami della logica. 21. … De2 confidando di pareggiare il finale, ma il bianco non rischia praticamente niente, mentre il nero è costretto a restare sulla difensiva.
22. Dxe2 Txe2 23. Ae3 ingabbiando la torre 23. … Txe3 prima o poi il nero era costretto a cedere la qualità 24. fxe3 Te8 25. Th3 Te6 26.c4 Ae7 Gelfand sta lottando con i denti, vorrebbe portare l’alfiere in e5 dominando le caselle centrali 27. Tf3 per penetrare in territorio nemico lungo la colonna ‘f’
27 … Te5 28.Tgf1 Txh5 29.Txf7 Te5 30.T7f3 Af6 31.c3 Te4 oltre ad una qualità in meno Gelfand si ritrova anche in zeinot
32. Txf6, una decisione drastica, forse Topalov temeva che Gelfand costruisse una fortezza lungo la sesta traversa per mezzo di Te6 e Rf7, o sta semplicemente speculando sulle ristrettezze di tempo del nero.
32. … gxf6 33. Txf6 Txe3 34. Txd6 Rf7 il finale di soli pedoni è degno di studio.
35. Rc2 Te2 36.Rb3 Re7 37.Td4 manca poco al controllo del tempo 37… c5 e se prima di cedere la qualità Topalov aveva una posizione vincente ora non è tutto così chiaro
38.Td3 b6 39.Ra3 Tc2 40.Td5 a5 41.Td3 Th2 42.b3 Topalov sta preparando Ra4, ma senza errori di Gelfand la partita terminerebbe in parità
42… Rc2 43.Ra4 Txa2 44.Rb5 Tb2 45.Rxb6 a4 46. Rxc5 Txb3 47. Td6 a3 48. c5 Re8 49.Th3 a2 50.Th8+ Re7 51.Ta8 Tb2 52.Rc7 Tc2 la posizione di Gelfand si è fatta difficile
53.c6 Tb2 54.c4 Tc2 55.Ta6 Tb2 56.c5 non ci sono più speranze di salvare il finale
57.Ta5 Tc2 58.Rb7 Tb2+ 59.Rc8 Re7 60.c7 Re8 61.Txa2 Txa2 62.Rb7 Grazie a questa combinazione finale, Topalov si è aggiudicato il match ed il torneo di Linares 2010 1-0

Posted in notizie, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Alexander Alekhine re degli scacchi

Posted by Arcobaleno su febbraio 6, 2010

Il nome di Alekhine viene immancabilmente associato a combinazioni geniali, e perciò risulta molto difficile scegliere una delle sue partite, perché molte di esse gli valgono l’iscrizione a buon diritto nella “Santissima Trinità” dei fantasisti degli scacchi (Morphy, Alekhine e Tal). La partita che segue è degna di nota per un unica mossa e non per le combinazioni che comunque non mancano. La mossa “misteriosa” svela il suo psicologico, strategico e combinatorio approccio agli scacchi.

Enevoldsen – Alekhine, Buenos Aires 1939

1. d4 Cf6 2. c4 e6 3. Cc3 Ab4 4. Dc2

La paternità di questa variante della difesa Nimzoindiana è attribuita a Capablanca. L’idea è semplice: non permettere al nero di danneggiare la struttura di pedoni bianchi. Tuttavia, il nero ha qualche compenso per la perdita della coppia degli alfieri: uno sviluppo veloce e armonico. Oggi questa variante è molto popolare e compare nel repertorio di quasi tutti i migliori giocatori che aprono 1. d4

4. … Cc6

I giocatori moderni giocano preferibilmente 4. … 0-0 oppure 4. … c5.

5. Cf3 d6 6. Ad2 e5 7. d5 Axc3 8. Axc3 Ce7 9. Ch4

Oggi tutti giocherebbero automaticamente 9. e4 seguita da Ae2 e 0-0, e cercherebbero di sfruttare il vantaggio della coppia degli alfieri. L’idea del bianco è di replicare a 9. … Cg6 con 10. Cf5, ma…

9. … Dd7!

Ecco la mossa “misteriosa” che mi ha spinto a commentare questa partita. Mossa che rende originale il gioco, perché contravviene le regole fondamentali dello sviluppo dei pezzi, dal momento che la donna soffoca il suo alfiere. Questo farebbe inorridire non solo Tarrash, ma anche molti giocatori contemporanei, soprattutto quelli che concepiscono il gioco degli scacchi dogmaticamente e che si disorientano facilmente di fronte a degli sviluppi insoliti. L’idea del nero è di impiegare 10. e4, cui seguirebbe 10. … Dg4. Il bianco si trova già in difficoltà, poiché voleva impedire Cg6, ma ora si trova a risolvere dei problemi concreti, come si dice, deve pensare con la sua testa!

10. g3 Dg4 11. Db3?!

Il bianco doveva considerare 11. b3

11. … Cg6 12. f3

Il cambio in g6 aprirebbe la linea ‘h’, sulla quale il povero Enevoldsen, considerando le doti di attaccante di Alekhine, non tarderebbe a patire le pene dell’inferno.

12. … Dd7 13. Cg2 0-0 14. e4 Dd8!

La donna nera ritorna nella sua posizione iniziale, ma adesso la casa d7 è libera per il cavallo.

15. Ce3 Cd7 16. Dc2 a5 17. Ag2 Cc5 18. 0-0 Ad7 19. b3 b5!

Comincia il gioco sul fianco di donna, e il bianco appare di nuovo disorientato.

20 Tad1?

Era meglio 20. cxb5

20. … b4 21. Ad2 Db8 22. Tb1 a4 23. h4

Il bianco comincia l’azione sull’ala di re, ma senza grandi possibilità di successo. Anzi, l'”azione” lo indebolisce. Non va 23. bxa4 Txa4 24. a3 a causa di 24. … b3 

23. … Ce7 24. g4 axb3 25. axb3 Ta3

L’avamposto in a3 assicura il dominio della colonna ‘a’ e la possibilità di conquistare la settima traversa. Naturalmente è debole anche il pedone in b3.

26. h5 Db6!

Adesso il bianco deve pensare alla diagonale g1-a7. La mossa del nero prepara il raddoppio delle torri sulla lina ‘a’.

27. Rh2 Tfa8 28. Tb2 c6!

Alekhine comincia a disseppellire le case deboli intorno al re bianco, questa manovra è solo un anello della catena nella partita “misteriosa”.

29. f4

Non capendo le intenzioni dell’avversario Enevoldsen continua il suo attacco, che altro effetto non produce se non quello di indebolire ulteriormente la posizione del suo re.

29. … exf4 30. Txf4 Ta1 31. dxc6?

Ripetutamente, come si dice nel gergo scacchistico, il bianco svela la sua natura di pollo, fino al punto di dimostrare di non aver capito niente della partita. Meglio del tratto del testo, che mette in azione i cavallo nero e rende micidiale la ritirata della donna in d8, era senza dubbio 31. Tf1

31. … Cxc6 32. Cd5 Dd8!

La donna nera è di nuovo nella sua casa di partenza, ma adesso minaccia di irrompere sul re bianco, circondato da una marea di punti deboli (g4, h4, la debolezza della prima traversa).

33. Ae3 Dh4+ 34. Ah3 Ce5 35. Axc5 dxc5 36. Df2 Th1+!!

Ed ecco la combinazione con cui Alekhine conclude una delle più strane partite nella sua carriera.

37. Rxh1 Dxh3+ e il bianco abbandona!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Astolfi Fausto – Mordini Stefano | Difesa Inglese

Posted by Arcobaleno su dicembre 11, 2009

 

mossa 23. muove il nero

 

5 Settembre 2009 – 5° Festival Scacchistico Internazionale Città di Cattolica
Astolfi Fausto (elo 1431) – Mordini Stefano (elo 1726)

1.c4 c5 2.Cc3 Cc6 3.e3 g6 4.g3 Ag7 5.Ag2 e6 6.Cge2 Cge7 7.0–0 0–0 entrambi i giocatori hanno scelto di non sbilanciarsi tenendo chiuso il centro 8.b3 doppio fianchetto dunque!  b6 Mordini non vuole essere da meno, ma era interessante conquistare l’iniziativa avanzando il pedone in d5, ciò gli avrebbe garantito maggiore spazio e quindi migliori possibilità di manovra 9.a3 Ab7 10.Ab2 Tb8 11.Dc2 a6 il gioco è pari dato che le posizioni sono pressoché speculari e nelle posizioni chiuse il tratto non è così vantaggioso come in quelle aperte 12.f4 probabilmente giocata per controllare la casa e5, ma era meglio spostare una torre in d1 nel tentativo di sostenere la spinta in d4 Cf5 13.Ah3 Dc7 14.Axf5 gxf5 15.Tab1 cedere l’alfiere di casa bianca non è stata una buona idea, i pedoni doppiati non sono un compenso adeguato in questa posizione in cui le case bianche di Astolfi sono una gruviera Ca5 16.Rf2 Dc6 17.Re1 Dg2 18.Tf2 tutto sommato il bianco stava reggendo la posizione, attaccare il pedone b6 per mezzo di Ca4 era una buona idea, ora invece il bianco perde un pedone Dh1+ 19.Tf1 Dxh2 20.d3 Ag2 21.Tf2 Dh3 22.Rd2 il bianco è in svantaggio di un pedone, ma la regina del nero è fuori gioco, Mordini dovrebbe aprire la posizione per valorizzare la coppia degli alfieri, allo stesso tempo deve far attenzione perché i pezzi del bianco sono raggruppati bene, mentre quelli del nero sono tutti scordinati d5 23.Tg1 alla scacchiera sarebbe stato eccitante sperimentare 23. Cxd5 exd5 24. Axg7 Rxg7 25. Tg1 dxc4 26. Dc3+ f6 27. Tgxg2 cxd3 28. Th2 Dg4 29. Rxd3 ed ora sarebbe stato il lato di re del nero ad essere una gruviera, il re bianco troverebbe al contrario, un comodo rifugio sul lato di donna d4 un errore, era necessario complicare il gioco per mezzo della cattura del pedone c4 ad esempio 23. … dxc4 24. Tgxg2 cxd3 ed il pedone non può essere catturato senza subire gravi conseguenze, se 25. Rxd3 Tbd8+ 26 Cd4 cxd4 27. Ce2 ed il re bianco non dispone più di un comodo rifugio! 24.exd4 cxd4 25.Cd1 Aa8 26.c5 un grave errore la cattura del pedone in d4 per mezzo dell’alfiere in b2 avrebbe riequilibrato il gioco bxc5 27.Dxc5 l’errore decisivo Cxb3+ ovviamente Fausto non si era accorto di questo doppio di cavallo 28.Rc2 Cxc5 0-1

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Una diabolica linea nella Difesa Francese

Posted by Arcobaleno su luglio 29, 2009

[White “robby80291”]
[Black “Immortale-SdM”]
[Result “0-1”]
[Termination “White resigned”]
[WhiteElo “2863”]
[BlackElo “2688”]
[ECO “C19”]

Ho giocato questa diabolica variante della Difesa Francese, nella partita finale di un torneo per corrispondenza; era un match ad eliminazione diretta, 16 giocatori ordinati in base al sistema di sorteggio svizzero, al giocatore con elo più alto spettava il colore bianco, ma in caso di pareggio passava il turno colui che giocava con i pezzi neri.

1.e4 e6 2.d4 d5 3.Cc3 Ab4 4.e5 c5 5.a3 Axc3+ 6.bxc3 Ce7 7.Dg4 Questa sortita di donna era la mossa preferita da Fischer nella variante Winaver della Difesa Francese Dc7 8.Dxg7 Tg 8 9.Dxh7 cxd4 10.Ce2 Cbc6 la cattura in e5 non è consigliabile, il bianco ottiene una partita preferibile dopo Af4 e cxd4 11.f4 dxc3 12.Dd3 Bd7 13.Dxc3 questa è la prima diramazione, in passato si optava quasi esclusivamente per 13.Cc3 Cf5 un altra idea era costituita dal immediato arrocco lungo 14.Tb1 questa torre è molto utile sulla colonna aperta, in certi casi il re nero si trasferisce in b8 dopo l’arrocco lungo per lasciare la colonna C alla torre, quindi si creano tatticismi basati lungo la colonna B. d4 l’idea è creare un avamposto in e3 prendendo possesso della casa d4 15.Dd3 è stata tentata anche Dc4, ma la pratica ha dimostrato che la regina deve rifugiarsi in d3 O-O-O ora si aprono nuove diramazioni 16.Tg1 le ultime novità in apertura suggeriscono c3, l’idea di questa mossa è far correre velocemente i pedoni del lato di re, inoltre da g3 la torre potrà controllare le case chiave della terza traversa Rb8 secondo la teoria delle aperture questa mossa costituisce un errore, la teoria consiglia Ae8, ma avevo in mente un piano alternativo, in una precedente partita per corrispondenza aveva dato frutti al mio avversario che in quella occasione giocava con i colori neri 17.g4 Ch4 18.Rg3 questa è un altra posizione chiave la spinta del pedone in f6 offre al nero un gioco molto attivo Ac8 l’idea è trasferire l’alfiere sulla casa b7, controllando la diagonale a8-h1 19.c3 dxc3 20.Dxc3 b6 21.a4 ci sono due idee dietro a questa mossa, la spinta del pedone in a5 con conseguente smantellamento del mio arrocco e quella giocata in partita, il computer è incapace di valutare correttamente questa infernale posizione, ma h3 è probabilmente la mossa migliore, anche se sottrae una casa all’alfiere di casa bianca, svincola la torre dalla difesa del pedone g4 Ab7 22.Aa3 Dd7 era fondamentale parare la prossima mossa del bianco 23.Ad6+ Ra8 i pezzi del nero sono tutti attivi, l’alfiere in d6 blocca al momento i miei pezzi pesanti, ma ho un dominio assoluto delle case bianche che mi offre un ottimo compenso in cambio del pedone 24.Td1 Tc8 25.Aa3 una sterile minaccia De8 26.Db2 sottraendosi dai tatticismi, ma permettendo al cavallo nero di conquistare la sua casa naturale in questa variante della Difesa Francese Ca5 27.Cd4 aumentando il controllo sulla casa f3 Cc4 28.Db4 negli attacchi contro il re la presenza di alfieri contrari favorisce l’attaccante, quindi catturare il cavallo in c4 è tecnicamente un suicidio strategico Ad5 catturare l’alfiere in a3 era possibile, ma considerata la passività dei pezzi bianchi ho preferito rinforzare la mia posizione piuttosto che sciogliere quella della bianco 29.Ac1 puntando ancora sulla coppia degli alfieri, ma rassegnarsi a giocare h3 offriva migliori prospettive di gioco attivo Tc5 ora il pedone a4 diventa un obiettivo, inoltre mi accingo a raddoppiare i pezzi pesanti 30.Rf2 Dc8 la minaccia è Cxe5 31.Db1 Cg6 32.Ad3 Df8 dato che il pedone h2 continua ad essere indifeso ho pensato che impossessarsi anche delle case nere sarebbe stata una buona idea! 33.h3 Th8 34.Rg1 Dg7 il mio avversario non ha alcun gioco attivo, in queste condizioni è facile mettere male i pezzi, da questa casa pensavo di attaccare il cavallo in d4 e controllare la diagonale h8-a1 35.Ce2 Ce7 36.Kh2 Rhc8 37.Nc3 Qh6 38.Ne4 R5c6 39.Nf6 Qh4 40.Be4 Rc5 41.Bd3 R5c6 42.Rf1 Rc5 43.Rd1 R5c6 44.Qa1 R6c7 45.Ne4 Na5 46.Be3 Rc2+ 47.Bxc2 Rxc2+ 48.Nd2 Nc4 49.Qd4 Qh7 50.f5 Nc6 51.Qf4 exf5 52.Kg1 fxg4 53.Qxg4 N4xe5 54.Qg8+ Qxg8 55.Rxg8+ Kb7 56.h4 Ra2 57.h5 Rxa4 58.Bf2 Ng4 59.Rg5 Be6 60.Nf3 Ra2 61.Bd4 a5 62.Rf1 a4 63.Bc3 Rc2 64.Ba1 a3 65.Nh4 Rc4 66.Nf5 Ka6 67.Nd6 Rb4 68.Ne8 Kb7 69.Nf6 Ne3 70.Rc1 Nf5 71.Rg4 Nfd4 72.Re4 Bf5 73.Re8 a2 74.Kf2 Rb1 75.Ree1 Nb3 76.Rxb1 axb1=Q 77.Rxb1 Bxb1 78.Bb2 Nd2 79.Ke1 Ne4 80.Nd5 Ng5 81.h6 Nh7 82.Kf2 Ba2 83.Nc3 Be6 84.Ne4 Ne7 {White resigned} 0-1

Commentiamola insieme!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »