Blog scacchi Regina Cattolica

Scacchi, partite commentate, lezioni e problemi di scacchi, arte e storia degli scacchi

  • Meta

  • ottobre: 2017
    L M M G V S D
    « Apr    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  
  • Commenti recenti

    boedus su Nuovo indirizzo Circolo Scacch…
    Stelio Pazzaglia su Nuovo indirizzo Circolo Scacch…
    Marco Puleo su Kramnik – Anand, novità…
  • Articoli precedenti

Archive for the ‘partite’ Category

Sofia 2010 | sesta partita Anand – Topalov

Posted by Arcobaleno su maggio 7, 2010

Sofia 2010

1.d4 Cf6 2.c4 e6 3.Cf3 d5 4.g3 Un altra difesa catalana, Anand vuol menare dove duole il dente di Topalov dxc4 5.Ag2 a6 adottando il seguito della seconda partita mentre lo scacco 5. … Ab4 era stato tentato nella quarta partita 6.Ce5 c5 
7.Ca3 cxd4 8.Caxc4 Ac5
  9.O-O O-O 10.Ag5 la prima deviazione in precedenza Anand aveva optato per 10.Ad2
10… h6 11.Axf6 Dxf6 12.Cd3 il nero è in ritardo di sviluppo come spesso accade quando si possiede il vantaggio della coppia degli alfieri in apertura
 12… Aa7 molti giocatori che hanno giocato questa posizione o similari, si proiettano a questo punto alla cattura del pedone b7 per mezzo di Ca5 o Cd6, ma questo non è coerente con la scelta di sacrificare il pedone in d4, che si basa sulla volontà di conquistare l’iniziativa pressando il lato di donna del nero.
13.Da4 Cc6 come sempre accade, il nero cerca di ostruire la diagonale all’alfiere in g2.
14.Tac1 e5 15.Axc6 b5 TOOOOOPALOVE!!! Lo stile inconfondibile del GM bulgaro che sceglie di restituire il pedone sacrificandone uno a sua volta per strappare l’iniziativa dalle mani del Campione del Mondo di Scacchi 16.Axb5 axb5 17.Dxb5 e4 con un gioco complicatissimo!
16.Dc2 Dxc6 17.Ccxe5 L’indiano che ha uno stile tagliente stilisticamente diverso, ma incisivamente simile a quello di Topalov ha rifiutato il controsacrificio optando per entrare in finale di partita. La debolezza del pedone in e2 è compensata dalla passività dell’alfiere in a7.
17… De4 18.Dc6 Ab7 19.Dxe4 Axe4 20.Tc2 Tfe8 21.Tfc1 f6 22.Cd7 Af5 23.C7c5 Ab6 se Topalov non avanza un pedone vuol dire che la mossa è propria sbagliata! Deve essergli bastata la legnata nei denti presa contro Kramnik in occasione del match di Elista, quando durante la prima partita partorì un 21. … g5!? mossa di per se interessante, ma l’indebolimento del lato di re fu una delle cause di sconfitta.
24.Cb7 minacciando Cd6 e Tc6. Al momento la debolezza del pedone e2 non è molto rilevante, se si cambiassero le torri e un paio di pezzi leggeri il nero rimarrebbe con un alfiere cattivo.
24… Ad7 Una buona mossa che chiude i varchi lungo la colonna C.
25.Cf4 Tab8 26.Cd6 Te5 27.Cc8 Aa5 28.Cd3 Te8 29.Ca7 Ab6 30.Cc6 Tb7 31.Ccb4 Anand ha manovrato per indurre Topalov in errore
31… a5 si muovono i pedoni 32.Cd5 a4 33.Cxb6 Txb6 34.Cc5 Af5 35.Td2 attaccando il pedone d4, la posizione sembra favorevole al bianco
 35… Tc6  36.b4 axb3 37.axb3 la pressione sul pedone e2 era un fattore dinamico, perché il pedone di per se non era debole, mentre il pedone d4 era una debolezza permanente, il cambio dei pedoni non può che favorire il nero
37… b4 38.Txd4 Txe2 39.Txb4 Ah3 40.Tbc4 Il bianco ha un pedone di vantaggio, ma la debolezza della prima traversa bianca è un compenso più che sufficiente per il nero
40… Td6 41.Te4 Anand possiede una grande tecnica dei finali, sicché il sacrificio di Topalov non è teso a pareggiare il finale, ma nello costringere il bianco a restare sulla difensiva per difendere il proprio re.
 41… Tb2 42.Tee1 Tdd2 43.Ce4 Td3 
43.Ce4 Td4 44.Cc5 Tdd2 45.Ce4 Td3 la via più incisiva per mantenere l’iniziativa 46.Tb1 Tdxb3 il pedone è stato recuperato, ma le chance di vittoria non sono elevate
47.Cd2 Tb4 48.f3 g5 Topalov’s move! 49.Txb2 Txb2 50.Td1 Rf7 51.Rf2 h5 52.Re3 Tc2 53.Ta1 Rg6 54.Ta6 Af5 55.Td6 Tc3+ la posizione è completamente pari, un campione del Mondo non può cappellare in tale posizione
56.Rf2 Tc2 57.Re3 Tc3+ 58.Rf2 Tc2 Un altra ripetizione di mosse ½-½ Il punteggio del match è aggiornato in 3,5 a 2,5 per Anand.

Annunci

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Campionato del Mondo di scacchi – WCC 2010 – Difesa slava

Posted by Arcobaleno su maggio 5, 2010

Campionato del Mondo di scacchi – WCC 2010

Veselin Topalov – Vishy Anand

1.d4 d5 2.c4 c6 3.Cf3 Cf6 4.Cc3 dxc4 Ancora una difesa slava, ogni Campionato del Mondo di scacchi ha il proprio match tematico.
5.a4 Af5 6.Ce5 e6 7.f3 c5 8.e4 Ag6 9.Ae3 cxd4 10.Dxd4 Dxd4 11.Axd4 Cfd7 12.Cxd7 Cxd7 13.Axc4 a6  14.Tc1 Rg8 15.h4 Fino a qui tutto già visto come nella partita n° 3
15… h5 La prima deviazione! In questo modo si impedisce al pedone bianco di avanzare ancora, 
16.Ce2 Ad6
17.Ae3 Ce5 ora che l’alfiere in g6 non rischia di essere scacchiato dalla sua posizione, è meglio usare la casa e5 per smistare i pezzi piuttosto che piazzarci un pedone che cederebbe la casa d5.
18.Cf4 ovviamente se il nero non prende provvedimenti per controllare la diagonale b8-h2 il cavallo in f4 gode di un avamposto ideale per tenere sotto scacco l’alfiere in g6 ed il pedone in h5.
18… Tc8 19.Ab3 Txc1+ 20.Axc1 Re7 21.Re2 Rc8 l’idea è quella di portarsi in c6 e poi in b6 per attaccare il pedone b2
22.Ad2 Topalov si appresta a difendere il pedone, il vantaggio del bianco non sembra sufficiente per vincere
22… f6 con la solita idea di attivare l’alfiere
23.Cxg6+ Cxg6 24.g3 Ce5 25.f4 Cc6 26.Ac3 Ab4 27.Axb4+ Cxb4 28.Td1 a causa delle case deboli b4 e d4 il bianco deve lottare per mantenere la parità
28… Cc6 29.Td2 g5 un idea interessante che mira ad aprire la colonna G
30.Rf2 30.Kf2!? un idea molto profonda tesa ad aprire la diagonale d1-h5
30… g4 31.Tc2 Td8 32.Re3 Td6  33. Rc5 Cb4 una difesa indiretta della minaccia Txh5 al quale seguirebbe lo scacco in d3 con conseguente cattura dell’alfiere indifeso 34. Rc7+ Rd8 35. Tc3 Re7 36. e5 Td7  37.exf6+ Rxf6 38.Re2 Cc6 39.Re1 Cd4 40.Ad1 a5 controllo del tempo raggiunto per entrambi i giocatori.
41.Rc5 Nf5 Catturare il pedone in a5 è troppo pericolo 42.Rc3 Cd4 43.Tc5 Cf5 44.Tc3  dopo una lunga schermaglia psicologica e strategica i due campioni del mondo si sono accordati per il pareggio 1/2-1/2

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Anand – Topalov | Sofia 2010 | quarta partita

Posted by Arcobaleno su maggio 3, 2010

Campionato del Mondo di scacchi 2010

Anand – Topalov

1.d4 Cf6 2.c4 e6 3.Cf3 d5 4.g3 dxc4 5.Ag2 Ab4+ 6.Ad2 a5 Topalov ripropone la variante catalana adottata nel match contro Kramnik. 
7.Dc2 Axd2+ 8.Dxd2 c6 l’idea è ostacolare l’azione dell’alfiere in g2 e preparare b5.
9.a4 b5 10.Ca3 l’idea dietro questa mossa non convenzionale è fare pressione sul pedone b5
 10… Ad7 11.Ce5 Cd5 12.e4 come spesso accade il cavallo d5 si rivela fondamentale per oscurare la visione dell’alfiere in g2, il pedone in e4 scaccia il cavallo nemico ma accorcia la linea di azione del proprio alfiere. 
12… Nb4 13.0-0 0-0 14.Tfd1 una continuazione tranquilla che prepara la spinta di sfondamento in d5
14… Be8 riprende il controllo della casa d5, ma al tempo stesso ostacola lo sviluppo della torre f8 ed il coordinamento dell’ottava traversa.
15.d5 su 15…f6 si può sacrificare un pezzo con 16.dxc6 Dxd2 17.Txd2 fxe5 18.axb5 il sacrificio sembra molto promettente, il nero non è obbligato ad accettarlo, ma in ogni caso il proprio lato di donna sarebbe disintegrato.
15… Dd6 16.Cg4 Dc5 17.Ce3 C8a6 completando il proprio sviluppo, anche se il lato di donna è assediato
18.dxc6 bxa4 19.Caxc4 Axc6 20.Rac1 il nero ha mantenuto il pedone di vantaggio, però è doppiato ed il bianco ha mantenuto l’attività dei pezzi, anche in questa quarta partita del Campionato del Mondo di scacchi il difensore è chiamato a dimostrare il valore del vantaggio materiale rispetto al vantaggio di sviluppo
20… h6 21.Cd6 per creare un avamposto sostenuto da un pedone in e5 e dall’altro cavallo in c4 Da7 
22.Cg4 ora che la regina nera è finita fuori gioco si creano i presupposti per sacrificare materiale sull’arrocco indebolito
22… Tad8 23. Cxh6+ gxh6 24.Dxh6  f6 25.e5 ridando luce all’alfiere
 25… Axg2 26.exf6 ottimo questa è la via più veloce per finire la partita Rxd6 27.Rxd6 Ae4 28.Txe6 Cd3 29.Tc2 Dh7 30.f7+ Dxf7 31.Rxe4 scegliendo la via che conduce alla via vittoria senza correre rischi
31… Df5 un errore che conduce forzatamente alla sconfitta 32. Re7 Qf7 33. Qg5+ Kh8 34. Rxf7 Rxf7 35. Qh6+ Kg8 36. Rc8+ Rf8 37. Rxf8
32.Te7 1-0 sarebbe potuto seguire Df7 33. Dg5+ Rh8 34. Txf7 Txf7 35. Dh6+ Rg8 36. Tc8+ Tf8 37. Txf8#

Dopo questa vittoria Anand è balzato al comando del match che conduce 2,5 ad 1,5 Topalov dispone di 8 partite per riequilibrare il punteggio.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Fide World Chess Championship Anand-Topalov Sofia 2010 partita n° 3

Posted by Arcobaleno su maggio 2, 2010

Topalov Anand Sofia 2010

Terza partita Campionato del Mondo di scacchi Sofia 2010

Topalov Vs. Anand

1.d4 d5 Anand rimette nel cassetto la difesa Grunfeld demolita da Topalov nella prima partita 2.c4 c6 3.Cf3 Cf6 4.Cc3 dxc4 5.a4 evitando la variante più violenta, che si sarebbe avuto con 5. e5 b5, un vero sacrificio di pedone, in linea con le prime due partite di questo incandescente match di Sofia.
5… Af5 6.Ce5 e6 7.f3 c5 si poteva tentare anche la più violenta 7. … Ab4, anche se è stata analizzata molto in profondità, Anand preferisce destabilizzare il cavallo in e5.
8.e4 Ag6 9.Ae3 cxd4 10.Dxd4 Dxd4 11.Axd4 Cfd7 12.Cxd7 l’idea è quella di paralizzare lo sviluppo del lato di re nero, il pedone g7 ha bisogno di protezione Cxd7 
13.Axc4 a6 14.Tc1 Il match del Campionato del Mondo di scacchi disputato da Topalov contro Kramnik era proseguito con 14.Re2 Tg8 15.Thd1 Tc8 16.b3 Ac5 17.a5 Re7 18.Ca4 Ab4 che risolse in una veloce patta.
14… Tg8 liberando l’alfiere in f8
15.h4 h6 16.Re2 Topalov sceglie di portare il re in battaglia, anche se non siamo ancora giunti in finale.
16… Ad6 con l’idea di giocare Re7 e contrastare l’azione centrale del re bianco, in queste due partite le schermaglie psicologiche tra i due GM sono state evidenti, sembra un duello del 1800 giocato sulla scacchiera.
17.h5 Ah7 18.a5 il lato di donna è stato fissato, Topalov dovrà fare attenzione a che il suo pedone non diventi un bersaglio!
18… Re7 19.Ca4 f6  Anand ha giocato quelle che all’apparenza sembrano tante mosse inutili, prima di formare quello che fin dall’inizio sembrava il corretto setup difensivo, in realtà aveva evitato di dare punti di riferimento a Topalov cercando di non fissare la catena pedonale, massimizzando la libertà di movimento dei propri pezzi 20.b4 catturare il pedone è pericolosissimo, 20. … Axb4 21. Tb1 Axa5 22. Cc5 b5 23. Axe6 Cxc5 24. Axg8 Axg8 è solo una delle varianti in cui Topalov si troverebbe a sguazzare 
20… Tgc8 21.Ac5 Axc5 22.bxc5 Rc7 la posizione del bianco ha perso tutto il suo veleno, non è possibile salvare il pedone c5 evitando la ripetizione di mosse 23.Thd1 Cxc5 24. Aa2 Tac8 25. Cb6 e dopo Ca4 ci si proietta alla ripetizione di mosse.
23.Cb6  Td8 24.Cxd7 Tdxd7  25.Ad3 Ag8 26.c6 dopo 26. … Txc6 27. Txc6 bxc6 28. Tb1! il bianco occuperà l’unica colonna aperta proiettandosi a giocare attivamente con Tb6.
26… Td6 dando supporto al pedone in a6
27.cxb7 Txb7 28.Tc3 Af7 29.Re3 Ae8 il bianco vorrebbe irrompere nella settima e nell’ottava traversa, con l’idea di conquistare il pedone in a6 e farsi un pedone passato, il nero al contrario vuole portare in gioco l’alfiere che al momento è fuori dal gioco.
30.g4 e5 31.Thc1 Ad7 32.Tc5 Ab5
33.Axb5 axb5 questo cambio evidenzia la verità del proverbio:- I finali di torri sono tutti patti! 34.Tb1 b4 35.Tb3 Ta6 36.Rd3 Tba7 37.Txb4 Txa5 38.Txa5 Txa5 39.Tb7 Rf8 40.Re2 Ta2+ 41.Re3 Ta3+ (1) 42.Rf2 Ta2+  43.Re3 Ta3+ (2) 44.Rf2 Ta2+ 45.Re3 Ta3+ (3) 46.Rf2  qui la posizione è stata dichiarata patta per ripetizione di mosse, come si può notare dai numeri tra parentesi, la posizione era stata ripetuta già in occasione dell’esecuzione della 45ª mossa da parte di Anand. 


Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Anand – Topalov | Campionato del Mondo di scacchi 2010

Posted by Arcobaleno su aprile 27, 2010

Anand Viswanathan – Topalov Veselin

2ª partita Campionato del Mondo di scacchi 2010

1.d4 Cf6 2.c4 e6 3.Cf3 d5 4.g3 dxc4 5.Ag2 a6 Anand adotta una difesa catalana, arma che usa anche Topalov, dopo la prima partita i due GM danno prova di sfidarsi su terreni a noti ad entrambi, dopo le dichiarazioni di Danailov sembra che Anand e Topalov abbiano deciso di verificare su chi dei due conosce la variante di teoria più lunga.
6.Ce5 c5 7.Ca3 cxd4 8.Caxc4 Ac5 sembra che l’indiano voglia vendicarsi per non aver dimostrato di sapere conservare il vantaggio materiale nella prima partita. Il compenso è dato dalla maggiore attività sul lato di donna, il campione del mondo cercherà di frenare lo sviluppo dello sfidante, grazie alla pressione che l’alfiere g2 esercita sul pedone b7.
9.0-0 0-0 10.Ad2 Cd5 in questo modo si mura l’alfiere in g2 e si frena la spinta del pedone in b4. 
11.Tc1 Cd7 la scelta più comune che cerca di cambiare materiale per diminuire l’iniziativa del bianco 12.Cd3 una scelta interessante che frustra il piano del nero Aa7 13.Aa5 questa mossa tende a provocare la spinta in b6, che accecherebbe l’alfiere di casa nera e aprirebbe la diagonale per l’alfiere in g2
13… De7 non cadendo nelle provocazioni
14.Db3 una mossa come 14.Axd5 avrebbe permesso al nero di sciogliere la posizione dell’alfiere in c8 e della torre in a8, che avrebbero trovato nuove case di sviluppo.
14… Tb8 togliendo la torre dalla diagonale e come suggerito dall’ipermoderno Nimzowitsch
15.Da3 L‘offerta del cambio di donne è strabiliante, il bianco ha già un pedone in meno ed ora accetta di subire un impedonatura
15… Dxa3 sembra tutto ok per il nero, in realtà questa mossa che permette l’apertura della colonna b, accresce il vantaggio posizionale del bianco
16.bxa3 C7f6  17. Cce5 il cambio delle regine ha provocato un indebolimento della casa d6, ma questa mossa continua a mettere pressione al nero e ne ritarda lo sviluppo
17… Te8 18. Tc2 è corretto raddoppiare le torri sulla colonna aperta b6 19.Ad2 Ab7 20.Tfc1 Tbd8 liberando la casa all’alfiere di casa scura
21.f4 un altra mossa ipermoderna basata sulla superprotezione dell’avamposto
21… Ab8 22.a4 a5 23.Cc6 ora che tutto è pronto il campione del mondo invade la casa debole
23… Axc6 24.Txc6 h5 l’idea è creare debolezze attorno all’arrocco bianco
25.T1c4 Ce3 26.Axe3 dxe3 27.Af3 il lato di donna nero è un colabrodo, ora che il bianco ha evitato le minaccie di matto la posizione del nero pare priva di un reale controgioco, forse si può tentare 27. … Cd7 e 28. … e5
27… g6 stabilizzando la struttura pedonale sul lato di re
28.Txb6 Aa7  29.Tb3 Td4 30. Tc7 Ab8 31.Tc5 Anand ha saggiamente evitato il cambio delle torri che avrebbe alleggerito la pressione
31… Ad6 32.Txa5 da un pedone in più per Topalov si è passati ad un pedone in più per Anand
32… Tc8 33.Rg2 Tc2 34.a3 Topalov è in grande difficoltà, ha 11 minuti per eseguire ancora 7 mosse
34… Ta2 35.Cb4 Axb4 36.axb4 Cd5 portando pressione sul lato di donna del bianco! 37.b5 Taxa4 38.Txa4 Txa4 39.Axd5 exd5 40.b6 Ta8 41.b7 Tb8 42.Kf3 d4 al termine delle semplificazioni il bianco si ritrova con un finale vinto.
43.Re4 1-0 terminato lo zeinot Topalov si accorge che protrarre resistenza sarebbe inutile, il bianco vince facilmente portando il re a sostegno del pedone B, costringendo il re avversario a portarsi su tale lato, per poi andare a catturare i pedoni lasciati indifesi sul lato di re! Anche se il nero riuscisse a semplificare la posizione mangiando il pedone B e cambiando le torri, il bianco dopo avere eliminato i pedoni D ed E avversari, farà avanzare il proprio pedone E, conquistando il vantaggio di avere un pedone passato!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment »

Veselin Topalov – Viswanathan Anand 1ª partita campionato del mondo di scacchi

Posted by Arcobaleno su aprile 23, 2010

1.d4 la mossa che gli amanti dell’approccio strategico aspettavano, negli scontri diretti quando Topalov ha aperto con il pedone di re, non è mai riuscito a vincere una partita! Cf6 2.c4 g6 3.Cc3 la difesa Grunfeld è un apertura dinamica che probabilmente i teorici non si aspettavano, siamo alla prima partita del match e probabilmente era meglio esordire con una difesa più tranquilla.
3… d5 4.cxd5 Cxd5 5.e4 Cxc3 6.bxc3 Ag7 7.Ac4 c5 8.Ce2 Cc6 9.Ae3 0-0 10. 0-0 l’apertura giocata a cadenza blitz non riserva novità rispetto alla teoria classica. Topalov si era preparato in previsione del match con Kamsky,  Anand ce l’ha in repertorio dal 1988, ma non ha mai ottenuto buoni risultati con questa difesa.
10… Ca5 11.Ad3 b6 12.Dd2 e5  13.Ah6 cxd4 14.Axg7 Rxg7 15.cxd4 exd4 16.Tac1 Tutto già visto e collaudato, a questo punto Topalov aveva giocato 16.f4 contro Kamsky. L’arrocco indebolito del nero, la vulnerabiltà del pedone d4, il cavallo decentrato in a5, il ritardo di sviluppo sono fattori che compensano il pedone di svantaggio del bianco. Nella partita Karjakin-Calrsen furono giocate queste mosse 16.Tac1 Ab7 17.f4 Tc8 18.Txc8 Dxc8 19.f5 Cc6 20.Tf3 Ce5 21.Th3 Th8 22.f6+ Rg8 23.Dh6 Df8 24.Dxf8+Rxf8 e dopo poche mosse fu concordato il pareggio.
16… Qd6 17.f4 f6 18.f5 De5 Queste 18 mosse sono state giocate in 4 minuti
19.Cf4 g5 Il nero sembra aver raggiunto una buona posizione, anche se la regina non è il pezzo ideale per fare un blocco
20.Ch5+ Rg8 è una mossa strana, sembrava più logico andare con il re in h8 e lasciare la casa libera per la torre
21.h4 h6 22.hxg5 hxg5 23.Rf3 le classiche posizioni amate da Topalov, il re nero è ballerino e nell’aria vi è il sacrificio di cavallo in f6 per rimuovere le ultime difese dell’arrocco. 
24.Cxf6 un sacrificio vincente non facile da trovare per un umano!
24… Rxf6 25.Th3 Tg8 26.Th6+ Rf7 27. Th7+ Re8 28.Tcc7 Rd8 29.Ab5 mettendo in presa un altro pezzo! Dopo 29. … Dxb5 segue 30. Dxd4 Re8 31. The7+ Rf8 32. Df6#
29… Dxe4 30.Txc8+ Forzando Anand all’abbandono a 30. … Rxc8 seguirebbe 31. Dc1+ Cc6 32. Axc6! e crolla tutto. 1-0

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Scacchi alla cieca | A. Alekhine-F. Sämisch | La partita dei maestri

Posted by Arcobaleno su marzo 9, 2010

Alekhine è unanimemente riconosciuto come il giocatore di scacchi alla cieca più forte di ogni epoca, Sämisch Friedrich (1896-1975), lo considerava”tecnicamente perfetto, veloce e sicuro”. Molti storici etichettarono Sämisch come il miglior giocatore tedesco di scacchi alla cieca, anche se il proprio record di partite giocate e vinte contemporaneamente era di solo 10 partite. 

La partita seguente è una gemma giocata da questi due campioni la cui passione per il gioco era evidente!
A. Alekhine-F. Sämisch B30
Berlino,1923

Non posso sottrarmi dal commentarla alla cieca.

1.e4 c5 2.Cf3 Cc6 3.Ae2 una delle mosse preferite da Karpov nella difesa siciliana e6 4.0–0 d6 5.d4 cxd4 6.Cxd4 Nf6 seppure con altro ordine di mosse la posizione è una delle linee principali della moderna teoria delle aperture 7.Af3 ai giorni nostri si preferisce difendere il pedone centrale sviluppando il cavallo in c3, Alekhine voleva giocare un astuto tranello Ce5 8.c4 il pedone è intoccabile, poiché alla sua cattura seguirebbe 8.Da4+ ed il cavallo in c4 farebbe una brutta fine 8. … Cxf3+ 9.Dxf3 Ae7 10.Cc3 0–0 11.b3 Cd7 l’inizio di un piano dubbio 12.Ab2 Af6 la scelta di contrastare la lunga diagonale non è delle più felici, sarebbe stato più interessante cercando un controgioco basato sulle spinte in b5 e in d5 13.Tad1 a6 14.Dg3 Dc7 15.Rh1 sottraendosi dallo scacco intermedio Dc5+ 15. … Td8 16.f4 b6 con la coppia degli alfieri bisogna aprire la posizione, ma il nero è in ritardo di sviluppo, al nero manca il cavallo in f6 che difende l’arrocco, la torre in a8 e l’alfiere in c8 sono inoperosi 17.f5 Ae5 un errore praticamente decisivo 18.fxe6!! Un geniale sacrificio di regina Axg3 19.exf7+ Rh8 20.Cd5! 1–0

La minaccia è 20. … Da7 21. Cxe6 con minaccia di matto in g7 e cattura della torre in d8 alla quale seguirebbe la promozione del pedone in f8.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Variante Tarrash della difesa Francese

Posted by Arcobaleno su marzo 5, 2010

5 Settembre 2009 | Christian Gasperini – Niccoli Paolo | 5° Festival Internazionale di Scacchi “Città di Cattolica”

1.e4 e6 2.d4 d5 3.Cd2 c5 4.c3 siamo nella variante tarrash della difesa Francese Cc6 5.Cgf3 Cf6 6.e5 Cd7 7.Ad3 siamo giunti a questa posizione per mezzo di un insolito ordine di mosse, personalmente preferisco il set-up in cui il bianco sviluppa il Cg in e2 portando in f3 il cavallo di donna f6 nella linea principale il nero sviluppa l’alfiere in e7 o la regina in b6 8.exf6  questa è una valida soluzione, ma il bianco può anche scegliere di complicare per mezzo di Cg5!? un sacrificio che scatena un violento attacco contro il re, ove a tavolino non è facile trovare la difesa corretta Cxf6 9.0–0 Ad6 10.Te1 una novità rispetto alla collaudata 10. dxc5 che conduce ad un gioco incerto 0–0 11.dxc5 Axc5 12.Cb3 in una posizione simile si è giocata la spinta in b4, per aggredire il lato di donna del nero, ritengo che il bianco debba giocare attivamente sulle fasce per contrastare i pedoni neri in e6 e d5. Ad6 13.Ag5 è interessante contrastare l’alfiere in d6 per mezzo della manovra Ag5-Ah4-Ag3 Dc7 14.h3 un indebolimento non necessario era meglio proseguire con il piano teso a cambiare l’alfiere delle case scure h6 questa mossa ha una valenza diversa dalla spinta del bianco, poiché crea le premesse per una espansione sul lato di re, sostenuta dai pezzi pesanti 15.Ad2 non è la casa migliore e5 chiaramente la massa pedonale si mette in moto, i pezzi bianchi finiscono con l’intralciarsi tra di loro 16.Ac2 Ad7 17.Dc1 Ae8 il riciclo di questo alfiere lungo la diagonale e8-h5 è uno dei piani strategici del nero per liberarsi dell’alfiere cattivo, nella fattispecie era interessante avanzare il pedone in e4 per l’imitare l’azione del collega bianco 18.Af5 a5 offrendo la chance di complicare spingendo il pedone in c4, era interessante Ch5 con l’idea Cf4 e attacco al fragile arrocco del bianco 19.Dc2 strategicamente perdente a4 obbligando il bianco a rompere la comunicazione delle torri 20.Cc1 i pezzi si intralciano e non si vede un piano attivo e4 21.Ch4 g5 22.Ae6+ Rh7 23.Cf5 Ag6 24.Ce3 Tad8 era interessante anche Ac5 difendendo indirettamente il pedone d5, poiché se 25. Cxd5 Cxd5 26. Axd5 segue Axf2+ guadagnando la qualità 25.Dxa4 De7 era corretto aprire la posizione con la spinta in d4, considerato che dopo cxd4 Cxd4 l’equino è tabù per via dello scacco di scoperta in h2 26.Af5 De5 27.Axg6+ Rxg6 28.Cf1 g4 29.Cg3?? l’errore decisivo, dopo Ce2 il bianco si sarebbe difeso dalle spinte di rottura e sarebbe stato pienamente in partita gxh3 30.gxh3 Ch5 0-1

Nella posizione finale si poteva continuare a giocare opponendo una fantasiosa quanto sterile resistenza per mezzo di 31. Cd3, a gioco corretto il nero guadagna materiale, ma come dice il proverbio, “Non si vince la partita abbandonando”.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Topalov batte la difesa russa di Gelfand ed è campione a Linares 2010

Posted by Arcobaleno su febbraio 25, 2010

Ultimo turno del supertorneo di Linares 2010, Topalov cerca la vittoria contro Gelfand, per garantirsi il primo posto assoluto nel torneo.
1. e4 e5 2. Cf3 Cf6 3. Cxe5 d6 la difesa Petroff è l’arma preferita di Gelfand contro 1.e4, un apertura solida come il granitico israeliano.
4. Cf3 Cxe4 5. Cc3 Cxc3 6. dxc3 Ae7 7. Ae3 questa è la linea più popolare della difesa russa, 7.Af4 è molto più teorizzata, nella linea della partita sovente il bianco dispone della coppia degli alfieri contro Alfiere e cavallo, ciò gli permette di esercitare un pressione a lungo termine senza correre alcun rischio.
7. … 0-0 8. Dd2 Cd7 9. 0-0-0 con questo raddoppio dei pezzi pesanti sulla colonna ‘d’ si evita Ce5 o Cc5, ma il nero può sviluppare il cavallo in b6, con l’idea Ae6 e Cc4.
9. … Te8 Gelfand preferisce porre una torre sulla colonna aperta 10. h4 Topalov risponde nel modo più aggressivo, manifestando chiare intenzioni di giocare per vincere 10. … c6 11. h5! h6 la posizione è più o meno pari, il bianco ha un attacco sul lato di re, ma il nero ha il suo controgioco al centro e sul lato di donna.
12. Rb1 Cf6 13. Ad3 Topalov fa la mossa più logica, completando lo sviluppo.
13. … Ah8 consolidando la posizione, sarebbe stata interessante anche 13. … Ag4
14. Rdg1 Topalov sta preparando minuziosamente la spinta in g4, Gelfand è chiamato a svolgere un attento lavoro difensivo, ma la spinta in d5 e lo sviluppo del Cavallo in e4 sembrano rimedi semplici e naturali per fronteggiare l’attacco sull’ala.
14 … Cg4 15. Af4 Df6 16. Ch2 Gelfand ha giocato per impedire g4, ma Topalov non ha alcuna intenzione di rinunciarvi anche se ciò porta a semplificare la posizione, che in genere è favorevole a chi dispone di meno spazio.
16. … Cxh2 17. Txh2 Af5 18. Axf5 Dxf5 Il bianco sembra preferibile, il piano del nero è stato quello di scambiare i pezzi e di preparare un controgioco lungo la colonna aperta.
19. g4 De4 20. g5 hxg5 21. Axg5 La posizione di Topalov è superiore, Gelfand avrebbe fatto meglio ad evitare il cambio dei cavalli alla sedicesima mossa, trasferendo il cavallo in e5 avrebbe mantenuto una posizione attiva, anche se la sua scelta aveva seguito i dettami della logica. 21. … De2 confidando di pareggiare il finale, ma il bianco non rischia praticamente niente, mentre il nero è costretto a restare sulla difensiva.
22. Dxe2 Txe2 23. Ae3 ingabbiando la torre 23. … Txe3 prima o poi il nero era costretto a cedere la qualità 24. fxe3 Te8 25. Th3 Te6 26.c4 Ae7 Gelfand sta lottando con i denti, vorrebbe portare l’alfiere in e5 dominando le caselle centrali 27. Tf3 per penetrare in territorio nemico lungo la colonna ‘f’
27 … Te5 28.Tgf1 Txh5 29.Txf7 Te5 30.T7f3 Af6 31.c3 Te4 oltre ad una qualità in meno Gelfand si ritrova anche in zeinot
32. Txf6, una decisione drastica, forse Topalov temeva che Gelfand costruisse una fortezza lungo la sesta traversa per mezzo di Te6 e Rf7, o sta semplicemente speculando sulle ristrettezze di tempo del nero.
32. … gxf6 33. Txf6 Txe3 34. Txd6 Rf7 il finale di soli pedoni è degno di studio.
35. Rc2 Te2 36.Rb3 Re7 37.Td4 manca poco al controllo del tempo 37… c5 e se prima di cedere la qualità Topalov aveva una posizione vincente ora non è tutto così chiaro
38.Td3 b6 39.Ra3 Tc2 40.Td5 a5 41.Td3 Th2 42.b3 Topalov sta preparando Ra4, ma senza errori di Gelfand la partita terminerebbe in parità
42… Rc2 43.Ra4 Txa2 44.Rb5 Tb2 45.Rxb6 a4 46. Rxc5 Txb3 47. Td6 a3 48. c5 Re8 49.Th3 a2 50.Th8+ Re7 51.Ta8 Tb2 52.Rc7 Tc2 la posizione di Gelfand si è fatta difficile
53.c6 Tb2 54.c4 Tc2 55.Ta6 Tb2 56.c5 non ci sono più speranze di salvare il finale
57.Ta5 Tc2 58.Rb7 Tb2+ 59.Rc8 Re7 60.c7 Re8 61.Txa2 Txa2 62.Rb7 Grazie a questa combinazione finale, Topalov si è aggiudicato il match ed il torneo di Linares 2010 1-0

Posted in notizie, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

I pericoli dello Zeinot

Posted by Arcobaleno su febbraio 23, 2010

Il seguente incontro può benissimo rientrare tra le curiosità scacchistiche. Timman, che stava brillantemente capeggiando la classifica, inaspettatamente ha commesso un’inspiegabile svista ed è rimasto con una qualità di meno. Le sorti della partita sembravano decise, quando ecco sono cominciati i miracoli. Ljubojevic, che evidentemente non si trovava nella forma migliore, pian piano ha complicato i suoi problemi, sino a farsi sedurre da una combinazione che l’avversario ha abilmente demolito.

Ljubojevic – Timman / Bugojno 1984

1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. 0-0 Cxe4 siamo nella variante aperta della partita spagnola. 6. d4 b5 7. Ab3 d5 8. dxe5 Ae6 9. c3 oltre a tale spinta di pedone che mira ad evitare il cambio dell’alfiere di casa bianca, si può giocare anche 9. Cbd2 e 9. Ae3.

9. … Ac5 10. Cbd2 0-0 11. Ac2 Af5 12. Cb3 Ag6 qui è stato sperimentato anche 12. … Ag4, ma nella 14ª partita del match per il campionato mondiale – Bagujo 1978, Karpov ottenne un finale nettamente superiore dopo 13. h3 Ah5 14. g4! Ag6 15. Axe4 dxe4 16. Cxc5 exf3 17. Af4 Dxd1 18. Taxd1

13. Cfd4 Axd4 14. cxd4 meglio di Cxd4 che andrebbe incontro alla risposta 14. … Dd7!

14. … a5 15. Ae4 a4 16. Cc1 a3 17. bxa3 dopo 17. b3 è forte 17. … f6! con gioco promettente per il nero, come ha dimostrato la 6ª partita del match per il campionato mondiale – Merano 1981

17. … Txa3 18. Ab3! si può giocare anche 18. Ce2, ma il bianco non teme l’intrusione del cavallo in c3 e destina il proprio cavallo al punto c5

18. … Cc3 favorevole al bianco è 18. … f6 19. exf6 Cxf6 20. Cd3

19. Dd2 b4 20. Cd3 Come difendersi contro la minaccia Cxb4 e contro l’occupazione della casa c5? Il sistema più radicale sarebbe 20. … Axd3 21. Dxd3 Da8 con possibilità di controgioco; Timman decide invece di guadagnare un pedone 

20. … Cxa2? 21. Cc5 dopo questa semplice mossa al nero non rimane che perdere la qualità poiché se 21. … Cc3 22. Txa3 bxa3 23. Dxc3 si perderebbe un pezzo

21. … Txb3 22. Cxb3 Cc3 23. Cc5 h6 24. f3 il bianco è in zeinot ed incomincia a giocare mosse difensive, era meglio continuare con 24. Ta6! con successivo raddoppio delle torri lungo la colonna ‘A’. 

24. … De7 25. Tfc1 Tb8 26. Te1 Ljubojevic continua a mancare il colpo del ko, era meglio 26. Ca6 Ta8 27. De1! con la minaccia 28. Cxb4 

26. … Rh7 27 h3?! Un altra imprecisione

27. … Tb5 28. Db2 Dh4 29. Af2 Df4 30. e6 cercando di intraprendere qualcosa di attivo

30. … fxe6 31. Cxe6 Dd6 32. Ta8 Cb8 33. Ta7 entrando in una combinazione semplificativa era logica 33. g4! seguita da Rg2 ed eventualmente Ag3

33. … Ca6 34. Txa6?! Dxa6 35. Cxc7 Da3! 36. Dxa3 bxa3 37. Cxb5 Cxb5 38. Ta1 Ad3 39. Ae3 od anche 39. Ae1!?

39. … Ac4 40. Ac1? Si poteva continuare a lottare solo con 40. Rf2 e 41 Re1, è terminato lo zeinot, ma la vittoria è sfumata proprio sul filo di lana.

40. … Cxd4 41. Axa3 se 41. Txa3? sarebbe seguito Ce2+

41. … Cc2 42. Ab2 1/2-1/2


Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Veselin Topalov – Vugar Gashimov 1° Turno Linares 2010

Posted by Arcobaleno su febbraio 15, 2010

1.d4 Probabilmente Topalov non è in vena per provare a spezzare la difesa russa, che Gashimov adotta contro 1. e4.
1 … d5!? Piccola sorpresa, Gashimov, non è solito abbandonare la sua difesa Benoni.
2.c4 c6 3.Cf3 Cf6 4.e3 Esimendosi da 4. Cc3, che avrebbe permesso 4 … dxc4, una popolare apertura che produce una solida difesa per il nero.
4 … a6 Prendendo i contorni della Slava Chebanenko. 4 … Af5 è più frequente, ma Topalov ha già usato questa variante, nel match per il campionato del mondo 2006 contro Kramnik. È possibile anche 4 … e6, virando verso la variante di Merano.
5.Dc2 Una mossa flessibile che non rivela dove galopperà il cavallo in b1. In partite blitz, Topalov ha provato 5. Cbd2, e 5. Ad2!?
5 … g6 Mantiene le opzioni per lo sviluppo dell’alfiere delle case chiare, 5 … Ag4 è stata giocata da Kasparov in diverse partite.
6.Ad3 Ag7 7.OO 8.Cbd2 OO Le alternative erano 8. Cc3 e 8. b3.
8 … Cbd7 con l’idea di spingere in e5 o in c5
9.cxd5 Una mossa piuttosto modesta, il bianco vuole giocare b3, senza preoccuparsi delle spinte di reazione del nero.
9 … cxd5 sarebbe stato interessante 9 … Nxd5, che forza mosse del tipi 10. a3 a cui potrebbe seguire 10 … e5!?
10.b3 Cb8 Un originale manovra sulla falsa riga della “Spagnola Breyer”, che intende ricollocare il cavallo nella casa c6, dal quale avrà più influenza sul centro.
11.Aa3 Cc6 12.Tac1 Ae6 13.Db2 Sembra una buona idea spostarsi dalla colonna C perché presto il nero posizionerà una torre in c8 e potrebbe portare la regina in a5 per attaccare l’alfiere in a3, ora rimane il problema dell’inattivo cavallo in d2.
13 … Te8 superproteggendo il pedone in e7
14.h3 Tc8 15.Tc2 Af5 Gashimov vuole cambiare l’alfiere di casa chiara per assicurarsi un avamposto in e4.
16.Axf5 gxf5 17.Ce1 Ce4 18.Cd3 18. Cdf3
18 … e5!? Una misura drastica, per non permettere al bianco di installare un cavallo in f4 o in c5, questa spinta di rottura è molto forte anche a causa dell’inchiodatura della regina in b2!
19.Cxe4 Se Topa non cambiasse il cavallo in e4 i pedoni neri rimarrebbero doppiati, ma in compenso ci sarebbe un gioco molto attivo ad esempio 19. Cxe5 Cxe5 20. dxe5 Axe5 21. Dc1 Cc3!
19 … dxe4 19 … fxe4 era altrettanto buona.
20.Cxe5 Cxe5 21.dxe5 Txc2 Dopo 21 … Axe5 il gioco è pari.
22.Dxc2 Da5 23.Ad6 Axe5 24.b4 spiazzando la regina nera.
24 … Dd8 25.Axe5 Txe5 26.Tc1 Td5 27.a4 In questa posizione è difficile immaginare che uno dei due giocatori possa fare dei progressi per ottenere il punto intero.
27 … b5 28.axb5 Txb5 29.Da4 Dd6 30.Da1 De5 31.Da6 Txb4 32.Dh6 Tb8 33.g3 De6 34.Df4 Tc8 35.Td1 Tc6 Il bianco ha fatto qualche progresso, perché costringerà il re nero a stare fuori dalla 6ª traversa. A questo punto Topalov e Gashimov erano in zeinot.
36.Td8 + Rg7 37.Rg2 h6 38.Db8 Df6 39.Td5 39. Th8! che forza Rg6, e poi 40. Qf8 sembra molto forte.
39 … Te6 40.h4 h5 Il controllo del tempo è passato, i pedoni h5 ed f5 sono deboli e Topalov ha grandi chance di conquistare il punto intero.
41.Td8 Rh7 42.Tg8 con idea Df8
42 … f4 L’ultimo, disperato tentativo.
43.gxf4 Dxh4 44.Th8+ Rg6 45.Dg8+ Rf6 46.Dd8+ Te7 Topalov deve stare attento a non consentire lo scacco con Dg4-d1.
47.Th6 + Rf5 48.Dd5+ 1-0 

Dopo 48. … Rg4 49. f3+ exf3+ 50 Dxf3+ Re5 51. Txh5+ il bianco vince la regina.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alexander Alekhine re degli scacchi

Posted by Arcobaleno su febbraio 6, 2010

Il nome di Alekhine viene immancabilmente associato a combinazioni geniali, e perciò risulta molto difficile scegliere una delle sue partite, perché molte di esse gli valgono l’iscrizione a buon diritto nella “Santissima Trinità” dei fantasisti degli scacchi (Morphy, Alekhine e Tal). La partita che segue è degna di nota per un unica mossa e non per le combinazioni che comunque non mancano. La mossa “misteriosa” svela il suo psicologico, strategico e combinatorio approccio agli scacchi.

Enevoldsen – Alekhine, Buenos Aires 1939

1. d4 Cf6 2. c4 e6 3. Cc3 Ab4 4. Dc2

La paternità di questa variante della difesa Nimzoindiana è attribuita a Capablanca. L’idea è semplice: non permettere al nero di danneggiare la struttura di pedoni bianchi. Tuttavia, il nero ha qualche compenso per la perdita della coppia degli alfieri: uno sviluppo veloce e armonico. Oggi questa variante è molto popolare e compare nel repertorio di quasi tutti i migliori giocatori che aprono 1. d4

4. … Cc6

I giocatori moderni giocano preferibilmente 4. … 0-0 oppure 4. … c5.

5. Cf3 d6 6. Ad2 e5 7. d5 Axc3 8. Axc3 Ce7 9. Ch4

Oggi tutti giocherebbero automaticamente 9. e4 seguita da Ae2 e 0-0, e cercherebbero di sfruttare il vantaggio della coppia degli alfieri. L’idea del bianco è di replicare a 9. … Cg6 con 10. Cf5, ma…

9. … Dd7!

Ecco la mossa “misteriosa” che mi ha spinto a commentare questa partita. Mossa che rende originale il gioco, perché contravviene le regole fondamentali dello sviluppo dei pezzi, dal momento che la donna soffoca il suo alfiere. Questo farebbe inorridire non solo Tarrash, ma anche molti giocatori contemporanei, soprattutto quelli che concepiscono il gioco degli scacchi dogmaticamente e che si disorientano facilmente di fronte a degli sviluppi insoliti. L’idea del nero è di impiegare 10. e4, cui seguirebbe 10. … Dg4. Il bianco si trova già in difficoltà, poiché voleva impedire Cg6, ma ora si trova a risolvere dei problemi concreti, come si dice, deve pensare con la sua testa!

10. g3 Dg4 11. Db3?!

Il bianco doveva considerare 11. b3

11. … Cg6 12. f3

Il cambio in g6 aprirebbe la linea ‘h’, sulla quale il povero Enevoldsen, considerando le doti di attaccante di Alekhine, non tarderebbe a patire le pene dell’inferno.

12. … Dd7 13. Cg2 0-0 14. e4 Dd8!

La donna nera ritorna nella sua posizione iniziale, ma adesso la casa d7 è libera per il cavallo.

15. Ce3 Cd7 16. Dc2 a5 17. Ag2 Cc5 18. 0-0 Ad7 19. b3 b5!

Comincia il gioco sul fianco di donna, e il bianco appare di nuovo disorientato.

20 Tad1?

Era meglio 20. cxb5

20. … b4 21. Ad2 Db8 22. Tb1 a4 23. h4

Il bianco comincia l’azione sull’ala di re, ma senza grandi possibilità di successo. Anzi, l'”azione” lo indebolisce. Non va 23. bxa4 Txa4 24. a3 a causa di 24. … b3 

23. … Ce7 24. g4 axb3 25. axb3 Ta3

L’avamposto in a3 assicura il dominio della colonna ‘a’ e la possibilità di conquistare la settima traversa. Naturalmente è debole anche il pedone in b3.

26. h5 Db6!

Adesso il bianco deve pensare alla diagonale g1-a7. La mossa del nero prepara il raddoppio delle torri sulla lina ‘a’.

27. Rh2 Tfa8 28. Tb2 c6!

Alekhine comincia a disseppellire le case deboli intorno al re bianco, questa manovra è solo un anello della catena nella partita “misteriosa”.

29. f4

Non capendo le intenzioni dell’avversario Enevoldsen continua il suo attacco, che altro effetto non produce se non quello di indebolire ulteriormente la posizione del suo re.

29. … exf4 30. Txf4 Ta1 31. dxc6?

Ripetutamente, come si dice nel gergo scacchistico, il bianco svela la sua natura di pollo, fino al punto di dimostrare di non aver capito niente della partita. Meglio del tratto del testo, che mette in azione i cavallo nero e rende micidiale la ritirata della donna in d8, era senza dubbio 31. Tf1

31. … Cxc6 32. Cd5 Dd8!

La donna nera è di nuovo nella sua casa di partenza, ma adesso minaccia di irrompere sul re bianco, circondato da una marea di punti deboli (g4, h4, la debolezza della prima traversa).

33. Ae3 Dh4+ 34. Ah3 Ce5 35. Axc5 dxc5 36. Df2 Th1+!!

Ed ecco la combinazione con cui Alekhine conclude una delle più strane partite nella sua carriera.

37. Rxh1 Dxh3+ e il bianco abbandona!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

La parità dinamica negli scacchi

Posted by Arcobaleno su febbraio 5, 2010

Questa partita è stata giocata da due esperti giocatori negli scacchi per corrispondenza: Michael Balutescu e Tony Cullen, è un buon esempio di come giocatori di categoria magistrale, si rapportano nella complessa gestione di una partita di scacchi in cui vi è parità dinamica.

1.e4 e5 2.Cf3 d6 la difesa Philidor sta diventando molto popolare e un certo numero di GM ha cominciato a sostenerla, dato che si evitano le linee della Spagnola, della Scozzese e di vari gambetti.

3.d4 exd4 4.Cxd4 Cf6 5.Cc3 Ae7 6.Ac4 6.Af4 è la linea più incisiva con l’idea di arroccare sul lato di donna e lanciare una tempesta di pedoni sul lato di re, come accade solitamente nell’attacco inglese.

OO 7.OO Cxe4 Credo che il Bianco abbia una duratura iniziativa dopo questa mossa, ma le possibilità di pareggio sono elevate. Nisipeanu preferisce 7 … Te8, seguita da … Af8 con una certa pressione sul pedone E del bianco. Nel suo libro Gavin Wall  si pronuncia a favore di 7 … a6, ma la sua familiarità con i mediogiochi derivanti da questa spinta sono superiori ai meriti della spinta stessa, come dire che in apertura si può giocare quasi di tutto, basta conoscere in profondità il proprio sistema!

8.Cxe4 d5 9.Ad3 dxe4 10.Axe4 Cd7 11.c3 Cf6 12.Ac2 Te8 13.Df3 Dd5 l’arrivo di una torre sulla colonna D sarebbe imbarazzante per la regina nera e la pressione della regina bianca sul lato di donna deve essere contestato.

14.Dxd5 Cxd5 15.Ab3 Td8 16.Te1 Rf8 17.h3 c5 sembra corretto allontanare il cavallo dal centro, ma in tal modo si irrigidisce la struttura pedonale ed anche l’alfiere in e7 avrà meno libertà di azione.

18.Cf3 h6 Le mosse che seguiranno sono finalizzate al mantenimento dell’equilibrio, i giocatori cammineranno sul sottile filo della parità dinamica alla ricerca di un margine che sposti l’equilibrio dalla loro parte 19.Ad2 Ae6 20.Ac2 Td6 21.a3 Af6 22.Rad1 Rad8 23.Ac1 b5 24.Rh2 a6 25.Td2 g6 26.g3 Rg7 27.Ce5 h5 28.Tde2 Te8 29.Cf3 Tdd8 30. h4 Cc7 31.Ce5 Ad5 32.a4 Ce6 33.f4 b4 34.a5 Una bella idea, con implicazioni a lungo termine per il nero.

34. … bxc3 35.bxc3 Cc7 36.Rg1 Ab7 37.Ab3 Ad5 38.Aa4 Cb5 39.Ab2 c4 40.Axb5 axb5 41.Aa3 Ta8 42.Ab4 Ad8 43.Td2 Ae6 44.Cc6 Ac7 45.Ta2 Ta6 46.Cd4 Tea8 47.Rh2 Il bianco invita il nero a sacrificare la qualità in cambio di un pedone passato.

47. Axa5 il nero accetta la sfida, anche perchè lasciare il pedone passato A sulla scacchiera era troppo pericoloso

48.Tea1 Axb4 49.Txa6 Txa6 50.Txa6 Axc3 51.Cxb5 Ad2 52.Tc6 Ad7 53.Td6 Axb5 54.Txd2 Aa4 55.Td5 Ac2 ponendosi sul lato destro del pedone C si contribuisce a tenere sotto controllo anche il lato di re.

56.Rc5 Ad3 57.Rg2 Rf6 58.Rf3 Re6 59.Re3 il bianco vorrebbe giocare 59.f5 per guadagnare la casa f4 per il re ma dopo 59 … Axf5 60.Txc4 Rf6 si raggiunge  una comoda posizione di parità. Se il nero vuole tenere il pedone C si può giocare anche 59 .. Rd6 60. fxg6 fxg6, od anche 60. Rc8 Rd7.

59. …Rf6 60.Tb5 Re6 61.Te5+ Rf6 62.Rd4 qui è stato concordato il pareggio. Il re bianco non può avanzare senza permettere … c3 e … c2. Se la torre abbandonasse la quinta traversa, il re nero attaccherebbe il pedone g3 via f5-g4. Unico accorgimento che deve adottare il nero è impedire al re bianco di arrivare con il proprio re in e5, ma ciò è semplice ad esempio:

Rg7 63.Ta5 Rf6 64.Rc3 Re6 65.Tc5 Rf6 66.Te5 1/2-1/2

Da questa partita si può trarre l’insegnamento che il sacrificio di cavallo in e4, lascia il nero con minime chance di vittoria, al contrario deve lottare per ottenere il pareggio, il mio suggerimento è di giocare 7. … Te8!

Posted in notizie, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 1 Comment »

Kramnik – Nakamura | Corus 2010 | Commenta Vladimir Kramnik

Posted by Arcobaleno su gennaio 25, 2010

Kramnik – Nakamura
Corus Chess 2010 Wijk aan Zee turno n° 8, 2010.01.24

“Ieri sono stato fortunato, nella partita odierna sono più motivato!”
1.d4 f5
“Sapevo che Nakamura avrebbe giocato la difesa Olandese, anche se sono considerato un buon teorico. Purtroppo non ho avuto tempo di comprare un libro su tale difesa, ieri le librerie quando ho terminato la mia partita erano già chiuse.”
2.g3 Cf6 3.Ag2 g6 4.c4 Ag7 5.Cc3 O-O 6.Cf3 d6 7.O-O c6 8.Tb1 Ce4 9.Dc2
“Intorno alle ore 3 la scorsa notte ero piuttosto infastidito. Non avevo ancora trovato niente e non è possibile pareggiare contro l’Olandese. Finalmente, quando realizzai che avrei dovuto astenermi dal prendere in e4, feci la doccia!”
9…Cxc3
“Invece non è chiaro come dovrebbe procedere il nero.”
10.bxc3 e5 11.Td1! e4 12.Cg5 h6 13.Ch3 g5 14.f3 d5
“Più o meno forzata come dopo 14…exf3 15.exf3 aprirò la posizione e i pezzi neri si troveranno ancora nelle case di partenza.”
15.Cf2
“Hikaru ha cominciato a pensare, e più pensava, più mi piaceva la mia posizione.”
15…Rh8 16.cxd5 cxd5 17.c4
“Non so dove lui abbia sbagliato, forse è stata errata la sua scelta di apertura”
17…e3!?
“Un idea interessante e la scelta migliore in una posizione problematica.”
18.Cd3 Cc6 19.Axe3 Cxd4?!
“La mossa più precisa è 19…De8 Anche se nelle analisi post partita abbiamo trovato che 20.Dc1! dxc4 21.Ce5 Cxe5 22.dxe5 Dxe5 23.f4! il vantaggio è ancora dalla parte del bianco ”
20.Axd4 Axd4+ 21.Rh1 f4 22.Tb5
“Molto simpatica e precisa!”
22…Df6 23.Txd5 Ae6?
“Un brutto errore, dopo il quale impiegai 20 minuti per capire la sua idea. Non l’ho ancora capita.
Nakamura avrebbe dovuto giocare 23…Af5 24.Db3 Ae6 e poteva ancora sperare.”
24.Cxf4 gxf4 25.T5xd4 fxg3 26.hxg3
“Sono sopra di due pedoni senza alcun compenso.”
26…Tg8 27.Tf4 Dg5 28.Th4 Tg6 29.Dc3+ Rh7 30.f4 Dxg3 31.Dxg3 Txg3 32.Axb7 Tb8 33.Ae4+ Rg7 34.Rh2 Te3 35.Tg1+ Rf7 36.Ag6+ Re7 37.Ad3 Tb2 38.Tg2 Txa2 39.Txh6 Af7 40.Th7 Rf6 41.c5 Ta4 42.c6 Txf4 43.c7 Te8 44.Txf7+
“Nakamura avrà la legittima possibilità di vincere il Campionato del Mondo …. se tutti noi smettessimo di fumare. No, no, sul serio, ha fatto un grande miglioramento nel corso dell’ultimo anno. Entro un anno sarà nella top ten e chiunque nella top ten ha la possibilità di diventare campione del mondo. Ma ci sono altri giovani in giro. Carlsen non è male, e questo Giri e So sono molto forti e saranno presto oltre i 2700. Sono molto contento di questa nuova generazione di forti giocatori. Sarà una bella sfida per me. Per quanto riguarda il torneo, sto giocando talentuosamente dopo la genialata di oggi, così tutto è possibile.”
1-0

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Partita di scacchi commentata: viaggio a Berlino

Posted by Arcobaleno su gennaio 18, 2010

Questa partita è stata giocata da due giocatori dei quali uno detiene la categoria terza nazionale e l’altro la seconda categoria nazionale. Il nero ha commesso delle evidenti sviste, ma ho esaudito alla loro richiesta di un commento.

A Berlino il muro è caduto. Sulla scacchiera appena il nero ha perso il proprio consigliere la partita è diventata molto difficile, quando ha perso la regina è divenuta senza speranza.

1.e4 e5 2.Ac4 Cf6 3.d3 {meglio 3. Cf3 se Cxe4 il bianco ha un grande attacco dopo 4. Cc3 perché se Cxc3 la posizione nera è già vicina al collasso dopo 5.dxc3}

3. … Ab4+? {Meglio Ac5 o Cc6, dopo c3 il nero deve di nuovo muovere l’alfiere}

4.c3 Aa5 {percorrendo la diagonale sbagliata Ae7 è la via migliore per cercare il pareggio, anche se il bianco ha già un piccolo vantaggio}

5.Cf3 d6 6.Ag5 O-O 7.O-O Cc6 8.Cbd2 h6 9.Ah4 b6? {NO…} 10.a4?! {Non necessaria, l’alfiere non può scappare quindi b4 vince un pezzo} Ag4 11.b4 Axb4 12.cxb4 Cxb4 13.Db3 Cc6 {c5! il cavallo disponeva di un avamposto era meglio stabilizzarne la posizione} 14.h3 Axf3{chi possiede meno pezzi deve cambiare pedoni, quindi la mossa è concettualmente sbagliata} 15.Cxf3 De7? {Ca5 è migliore!} 16.Ad5 Cxd5? 17.Axe7 {Praticamente la partita finisce qui, il resto è solo una questione di tecnica} Cdxe7 18.Tac1 a6 19.Ch4 b5 20.axb5 Tab8 21.Da3 axb5 22.Tb1 Ta8 23.Db2 b4 24.f4 d5 25.fxe5 d4 26.Cf5 Cxf5 27.Txf5 Tae8 28.Tc1 Te6 29.g4 Tb8 30.Tc5 g6 31.Tf6 Txf6 32.exf6 Cd8 33.Txc7 b3 34.Td7 Ce6 35.h4 Cf4 36.Txd4 Ce6 37.Td7 Cc5 38.Td4 Tb6 39.Td8+ Rh7 40.Tf8 Cxd3 41.Dd4 1-0

Causa della sconfitta del nero a parte gli errori tattici, è stato il non sapere che l’alfiere nero in questa passiva apertura va sviluppato in e7.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Vocaturo Daniele Vs. Kamsky Gata – commenta Piscopo Pierluigi

Posted by Arcobaleno su dicembre 29, 2009

 

Gata Kamsky

 

[Event “52^ Torneo Scacchistico Internazionale di Capodanno di Reggio Emilia”]
[Site “Reggio Emilia”]
[Date “2009-12-28”]
[Round “1.5”]
[White “Vocaturo, Daniele GM”]
[Black “Kamsky, Gata GM”]
[Result “0-1”]
[BlackElo “2695”]
[WhiteElo “2500”]
[board_id “4610”]

1.e4 c5 2.Cf3 e6 3.d4 cxd4 4.Cxd4 a6 5.Ad3 Ce7 6.O-O Cg6 7.Rh1 Ac5 8.Cb3 Aa7 9.f4 Cc6 10.De2 {Una tipica partita alla Kamsky. Il Nero accetta una posizione apparentemente passiva ma piena di vitalità nascosta. Com’è nel suo stile invece Daniele tenta di puntare a un attacco sul re e quindi sviluppa rapidamente i pezzi. Con il cavallo di re in g6, il punto h7 è un po’ il tallone d’achille della posizione del Nero. Direi che nel futuro è facile pronosticare un attacco di pezzi pesanti sulla colonna ‘h’.}
O-O 11.Ae3 d6 12.C1d2 Te8 13.a4 Dc7 14.c3 Ad7 15.Axa7 Cxa7 16.g3 Tad8 17.h4 {Una mossa sfortunata, probabilmente inaugurata a livello di piano già alla mossa precedente. Il gioco del Bianco non appare coerente: tagliando fuori i pezzi dal lato di re di fatto si preclude ogni attività contro il re avversario. In compenso, indebolisce il proprio monarca, ora pericolosamente esposto ai raggi X dei pezzi obliqui.}
Cf8 18.Rh2 Cc8 19.a5 Te7 20.Cf3 e5 {Con un solo passo di pedone, il Nero domina entrambi i cavalli avversari e introduce la minaccia …Ag4. Dopo f4-f5 viene fissata la debolezza del pedone e4 ma forse il Bianco ottiene qualche speranza di complicare il gioco sacrificando in f6.}
21.f5 d5 {La tipica reazione del Nero nella Siciliana: appena ne ha la possibilità, spinge in d5. La giustificazione tattica è nella variante 22.exd5 e4 23.Axe4 Axf5 seguita da …Cd6 e la posizione del Bianco crolla. La prossima mossa del Bianco serve a disinnescare il dispositivo difensivo del Nero.}
22.Cfd2 dxe4 23.Cxe4 f6 {Sicuramente una concessione, ma la spinta in f6 avrebbe concesso molto gioco al Bianco. Kamsky, con spirito pratico, disinnesca la principale risorsa del neo-GM italiano. Ora però i pezzi del Bianco acquistano una nuova stabilità; ad esempio, è evidente che potrebbero conquistare la casa c5 tramite occupazione fisica di cavallo e puntellamento di pedone. E’ probabile che Kamsky abbia valutato che dopo opportuni cambi di alcune copie di pezzi leggeri il suo re diventerà inattaccabile, potendo poi passare a sfruttare i vantaggi strutturali della sua posizione (pedone e5 passato).}
24.g4 Ac6 25.g5 Cd7 26.Tad1 Rh8 27.Td2 Tee8 28.Tfd1 Ce7 {Vocaturo ha fatto un cambio importante: ha ceduto gran parte del proprio tempo di riflessione per una posizione molto interessante. Di fatto il Nero ha irrigidito la propria posizione e il bianco ha acquistato nuove prospettivo di attacco sul lato di re, stavolta non più con i pezzi ma con i pedoni avanzati e il sostegno dei pezzi pesanti (che nel frattempo hanno opportunamente presidiato il centro). Tuttavia resta in bilico la posizione del re e il Nero ha diverse case deboli da sfruttare anche al centro. La posizione resta altamente in bilico, anche considerate le proverbiali capacità difensive dello statunitense. Fuochi d’artificio in vista!}
29.Dg4 {E infatti Kamsky sfodera subito una mossa sensazionale: minaccia il doppio in e3, libera la settima traversa proteggendo il punto g7, impedisce Dh5 grazie alla minaccia …Cf4 e sostiene il punto f6. Si può chiedere di più a una mossa sola di difesa?} 
Cd5 30.Tg1 Tf8 31.Tg3 Cf4 32.Ac2 Axe4 33.Axe4 fxg5 34.hxg5 Cc5 35.Txd8 Txd8 36.Cxc5 Dxc5 37.Df3 Dxa5 38.Tg1 Db6 39.b4 Td2+ 40.Rh1 Dd8 {Ovviamente il nero ha un pedone di vantaggio e una posizione preferibile, tuttavia egli deve ancora coordinare i pezzi per l’attacco decisivo (Tb2 e Dd2) e a quel punto anche il bianco potrebbe creare contro minacce ad esempio con f6.}
41.Ab1 {L’astuto Vocaturo continua complicare la posizione. Ritira l’alfiere in posizione sicura ma continua a puntare il re avversario. Nel frattempo attacca il pedone b7 minacciando di portare la donna in posizione aggressiva (con la donna b7 la minaccia …f6 è esiziale).} Ce2 42.f6 Cxg1 43.fxg7+ Rxg7 44.Df5 {Incontenibile Vocaturo. Posto di fronte all’idea di sacrificare materiale si comporta come Roger Rabbit davanti a “Ammazza la vecchia” e non resiste alla tentazione. Kamsky ringrazia, prende tutto e poi pensa. Ognuno dei due sguazza nel suo elemento… Nel frattempo, Jobava e Cebalo non arrivano a conclusioni certe, anche se il suggerimento umano propende per …Cf3.}
Cf3 45.Dxh7+ Rf8 46.Dh8+ Re7 47.Df6+ Rd7 48.Dxf3 Rc7 49.Ae4 Dxg5 50.Axb7 Dh4+ {E alla fine Jobava e Kamsky hanno la meglio. …Cf3 tiene il pedone e5 e si aggiudica la partita.}
0-1

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

L’esperienza è un piccolo vantaggio per il giocatore di scacchi!

Posted by Arcobaleno su dicembre 26, 2009

Nella lontana Khanty-Mansiysk, l’esperienza del quarantunenne Boris Gelfand ha trionfato sulla freschezza del ventiseienne Ruslan Ponomariov in occasione della recente Coppa del Mondo di scacchi.

Gelfand era il giocatore più vecchio del torneo e nella finale si è trovato di fronte il giocatore che nel 2002 si è laureato quale più giovane Campione del Mondo di scacchi, a soli 19 anni!
Non erano in molti ad aspettarsi l’affermazione del israeliano, specialmente dopo gli estenuanti 6 turni che hanno preceduto la finale, inoltre ci si aspettava che nel gioco rapido il giovane ucraino potesse esprimere un gioco superiore!

Nella partita che vado ad analizzare Ponomoriov conduce i pezzi bianchi, alla ricerca forzata della vittoria, poiché si tratta dell’ultima partita blitz e Gelfand è in vantaggio di un punto!

1.d4 d5 2.c4 c6 3.Cf3 Cf6 4.Db3 la classica mossa da partita blitz, in genere si preferisce giocare la più classica Cc3 dxc4 5.Dxc4 Af5 6.g3 e6 7.Ag2 Cbd7 8.0–0 Ae7 9.Cc3 0–0 10.Te1 una scelta aggressiva, dettata dall’esigenza di giocare per il punto intero [10.e3 Ce4 11.De2 era un idea più conservativa] 10…h6 [10…Ce4 11.e3 Db6 12.De2 Tad8 13.Cd2 Cxd2 14.Dxd2 avrebbe rappresentato una solida linea difensiva per il nero] 11.e4 Ah7 12.a3 non mi piace la scelta del bianco, difficile dare consigli ad un Campione del Mondo, ma io avrei optato per Af4, con l’idea di giocare per lo sfondamento centrale dopo Tad1 Tc8 13.b4 a5 14.Af4 Ch5 15.Ad2 Chf6 può darsi che Ponomariov avesse scartato l’idea con Af4 poiché non può accettare la ripetizione di mosse! 16.Db3 axb4 17.axb4 Db6 18.b5 c5 Gelfand non accetta di farsi indebolire il pedone b7, ma ora il bianco ottiene il gioco complicato a cui ambiva! 19.e5 c4 20.Da4 perdendo la prima occasione di riequilibrare il match [dopo 20.Db2 Cd5 21.Cxd5 exd5 22.Ah3 il bianco sarebbe passato in vantaggio infatti se 22. … Ae4 segue 23. Axd7 e se Td8 24 Aa5!] 20…Cd5 21.Cxd5 exd5 22.Ah3 Dc7 un imprecisione che offre a Ponomariov una seconda chance! [corretta era 22…c3 23.Axd7 cxd2 24.Cxd2 Tc2 e la torre è difesa dall’alfiere in b7!] 23.b6 perdendo l’occasione della vita, si imponeva Aa5! Cxb6 24.Db5 Dc6 25.Ta5 c3 26.Af4 Cc4 27.Dxc6 Txc6 28.Txd5 c2 il numero dei pedoni è di nuovo in equilibrio, ma la qualità degli stessi è completamente diversa 29.Tb5 Tb6 30.Txb6 Cxb6 31.Ac1 l’ultimo errore, Ta1 avrebbe permesso di continuare a lottare, ma oramai il match era andato! Ab4 32.Ad2 Cd5 33.e6 Te8 quanto la tattica viene a sostegno della strategia… 34.exf7+ Rxf7 35.Tc1 Axd2 36.Cxd2 Cb4 37.Af1 cercando il colpo di coda Tc8 se Ca2 sarebbe seguito Ac4+ con cattura del incauto cavallo! 38.Cb3 Ca2 39.Ta1 c1D 40.Cxc1 Txc1 41.Txa2 Ad3 42.Tb2 Txf1+ 43.Rg2 Aa6 44.d5 Td1 0-1 Il bianco abbandona disponendo di 3 secondi sull’orologio, mentre al nero ne erano rimasti 10.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

L’immortale peruviana

Posted by Arcobaleno su dicembre 19, 2009

Muove il bianco

L’Immortale peruviana è il nome dato a una spettacolare partita di scacchi giocata dal maestro peruviano Esteban Canal, contro uno sconosciuto dilettante in occasione di una simultanea disputata a Budapest nel 1934. In appena 14 mosse, Canal ha sacrificato sia ambo le torri che la sua regina, concludendo la partita con il Matto di Boden.

1.e4 d5
2.exd5 Dxd5 la difesa scandinava ai giorni nostri è ritenuta giocabile, mentre agli albori fu ritenuta un’apertura ipermoderna di gioco aperto, il controllo del centro da parte del nero avviene per mezzo dei pezzi piuttosto che con i pedoni, ma l’uscita prematura della regina la rende un apertura che richiede un ottima conoscenza teorica per non cadere in tranelli come quello che segue.
3.Cc3 Da5 sono giocabili anche Dd8 e Dd6, di cui il Maestro Fide Brancaleoni Maurizio è un esperto.
4.d4 c6 per dare una via di fuga alla regina.
5.Cf3 Ag4 l’alfiere inchioda il cavallo in modo del tutto naturale, ma il bianco può trarre vantaggio da tale mossa per mezzo di h3, se l’alfiere catturasse il cavallo il bianco si ritroverebbe il vantaggio della coppia degli alfieri in posizione aperta, h2 inoltre diventa una casa nella quale potrebbe rifugiarsi l’alfiere di casa nera.
6.Af4 e6 nella difesa scandinava il nero alza sia il pedone C che quello E sulla sua terza traversa, per controllare meglio la casa d5.
7.h3 Axf3 ora il nero dovrebbe concentrarsi per tenere chiusa la posizione.
8.Dxf3 Ab4 giocando in modo accademico, come in precedenza il nero inchioda il cavallo, la mossa in se non è un errore, ma la posizione del nero è inferiore poiché terminate le mosse di sviluppo si ritroverà in posizione passiva; anche se dovesse doppiare il pedone C per mezzo della cattura del cavallo, l’apertura della colonna B sul pedone debole in b7 sarà un altro fattore a vantaggio del bianco.
9.Ae2 Cd7 nella difesa Scandinava non di rado il nero arrocca lungo.
10.a3 O-O-O?? Qui però arroccare lungo è un grave errore, era necessario giocare la semplice Axc3+

[posizione del diagramma]

11. axb4! i pezzi del bianco sono tutti ottimamente piazzati contro l’arrocco del nero.

11. … Dxa1 il nero non si è accorto della combinazione che seguirà, Db6 avrebbe permesso di resistere, ma senza prospettive di vittoria.

12. Rd2 Dxh1

13. Dxc6! La folgorazione!

13. … bxc6 obbligata

14. Aa6#

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Analisi di una partita di scacchi

Posted by Arcobaleno su dicembre 17, 2009

La partita spagnola ha mantenuto il suo fascino intatto da quando è stata giocata per la prima volta. Lo spagnolo Ruy Lopez è stato colui che l’ha teorizzata per bene ed alcune sue analisi sono valide ancora oggi.

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 Df6 Una variante inferiore della partita spagnola, qui la regina occupa la casa in cui dovrebbe stare il cavallo di re, non è preoccupante l’attacco al cavallo di donna poiché dopo 3) … – a6 4) Axc6 dxc6 con l’idea di aprire la strada ad entrambi gli alfieri se 5) Cxe5 segue Dd4 ed il nero riconquista il pedone pareggiando facilmente il gioco.
4.Cc3 Ac5 5.Cd5 Dd6 Meglio Dd8 perchè se 6) Axc6 – dxc6 7) Cxe5 Qd4 il bianco è nuovamente in difficoltà!

6.c3 Cf6 7.Cxf6+ Dxf6 8.O-O O-O 9.d3 obiettivamente il gioco del bianco non è stato molto aggressivo ed il nero è prossimo alla parità, d6 con l’idea Ag4 poteva condurre ad un gioco equilibrato

9. … h6 Questa mossa indebolisce l’arrocco e perde un tempo, appunto d6 era da preferire

10.De2 d6 11.Ae3 Axe3 12.Dxe3 Ad7 Ce7 con l’idea Cg6-f4 era un buon piano!

13.Cd2 a6 14.Aa4 b5 15.Ac2 Ae6 16.f4 exf4 17.Txf4 Dg5 sfruttando il principio dell’inchiodatura, ma forse era da preferire De7 perchè in g5 la donna è molto esposta

18.d4 f5? una svista 19.d5 Qui la partita è virtualmente finita

19… Ce5 20.dxe6 era necessario provare Cg4!? anche se dopo Dg3 il vantaggio del bianco rimane

20. … g6 21.Cf3 Cc4 22.Dc1 De7 23.exf5 Tf6 al posto di questa mossa si può considerare d5

24.a4 ora dopo l’apertura della colonna il fatto di avere un pezzo in più si farà sentire

Taf8 25.axb5 Ce5 26.bxa6 Cxf3+ 27.Txf3 Rg7 28.a7 Ta8 29.Rh1 c6 30.De1 g5 31.c4 d5 32.cxd5 cxd5 33.De5 Txa7 34.Txa7 Dxa7 35.h3 Da8 36.e7 De8 37.Ta3 Rf7 38.Ab3 Dxe7 39.Axd5+ Rf8 40.Ta8+ De8 41.Dxf6# A mio avviso la migliore linea per il nero è costituita da 3) … – a6 giocando la spagnola classica.
L’alfiere in e6 giocato alla mossa 15 ha dato diversi problemi al nero, quella per lui non è una buona posizione, di solito nella spagnola l’alfiere nero delle case bianche viene posizionato in b7 od in d7 perchè la colonna e deve essere lasciata libera per la torre (f) la spinta in f5 avrebbe avuto più senso se il nero avesse avuto un alfiere in b7. La presa in f4 è a doppio taglio, se il nero non prende spingo in f5 ed a quel punto occorre reagire al centro con d5 il più in fretta possibile altrimenti il nero ha una posizione troppo compressa, anche se il fatto che manca l’alfiere delle case nere rende l’attacco del bianco più lento.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Astolfi Fausto – Mordini Stefano | Difesa Inglese

Posted by Arcobaleno su dicembre 11, 2009

 

mossa 23. muove il nero

 

5 Settembre 2009 – 5° Festival Scacchistico Internazionale Città di Cattolica
Astolfi Fausto (elo 1431) – Mordini Stefano (elo 1726)

1.c4 c5 2.Cc3 Cc6 3.e3 g6 4.g3 Ag7 5.Ag2 e6 6.Cge2 Cge7 7.0–0 0–0 entrambi i giocatori hanno scelto di non sbilanciarsi tenendo chiuso il centro 8.b3 doppio fianchetto dunque!  b6 Mordini non vuole essere da meno, ma era interessante conquistare l’iniziativa avanzando il pedone in d5, ciò gli avrebbe garantito maggiore spazio e quindi migliori possibilità di manovra 9.a3 Ab7 10.Ab2 Tb8 11.Dc2 a6 il gioco è pari dato che le posizioni sono pressoché speculari e nelle posizioni chiuse il tratto non è così vantaggioso come in quelle aperte 12.f4 probabilmente giocata per controllare la casa e5, ma era meglio spostare una torre in d1 nel tentativo di sostenere la spinta in d4 Cf5 13.Ah3 Dc7 14.Axf5 gxf5 15.Tab1 cedere l’alfiere di casa bianca non è stata una buona idea, i pedoni doppiati non sono un compenso adeguato in questa posizione in cui le case bianche di Astolfi sono una gruviera Ca5 16.Rf2 Dc6 17.Re1 Dg2 18.Tf2 tutto sommato il bianco stava reggendo la posizione, attaccare il pedone b6 per mezzo di Ca4 era una buona idea, ora invece il bianco perde un pedone Dh1+ 19.Tf1 Dxh2 20.d3 Ag2 21.Tf2 Dh3 22.Rd2 il bianco è in svantaggio di un pedone, ma la regina del nero è fuori gioco, Mordini dovrebbe aprire la posizione per valorizzare la coppia degli alfieri, allo stesso tempo deve far attenzione perché i pezzi del bianco sono raggruppati bene, mentre quelli del nero sono tutti scordinati d5 23.Tg1 alla scacchiera sarebbe stato eccitante sperimentare 23. Cxd5 exd5 24. Axg7 Rxg7 25. Tg1 dxc4 26. Dc3+ f6 27. Tgxg2 cxd3 28. Th2 Dg4 29. Rxd3 ed ora sarebbe stato il lato di re del nero ad essere una gruviera, il re bianco troverebbe al contrario, un comodo rifugio sul lato di donna d4 un errore, era necessario complicare il gioco per mezzo della cattura del pedone c4 ad esempio 23. … dxc4 24. Tgxg2 cxd3 ed il pedone non può essere catturato senza subire gravi conseguenze, se 25. Rxd3 Tbd8+ 26 Cd4 cxd4 27. Ce2 ed il re bianco non dispone più di un comodo rifugio! 24.exd4 cxd4 25.Cd1 Aa8 26.c5 un grave errore la cattura del pedone in d4 per mezzo dell’alfiere in b2 avrebbe riequilibrato il gioco bxc5 27.Dxc5 l’errore decisivo Cxb3+ ovviamente Fausto non si era accorto di questo doppio di cavallo 28.Rc2 Cxc5 0-1

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Rombaldoni Denis – Godena Michele : GM a confronto

Posted by Arcobaleno su dicembre 6, 2009

 

Michele Godena

Michele Godena

 

La partita che ho l’onore di analizzare oggi è stata giocata in occasione del ultimo turno, ai recenti Campionati Italiani di scacchi disputati a Sarre (Val D’Aosta).

Bianco: Rombaldoni Denis.

Nero: Godena Michele.

Non mi è possibile entrare nella testa di questi due Grandi Maestri, Godena aveva bisogno di centrare la vittoria per diventare Campione Italiano di scacchi 2009, mentre Denis ha dimostrato grande solidità in tutte le partite disputate in questo torneo, il risultato finale era quindi tutt’altro che scontato!

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.d4 exd4 4.Cxd4 Ab4+ siamo in una rara variante della Partita Scozzese 5.c3 Ae7 in genere l’alfiere viene sviluppato in c5 alla quarta mossa e poi il bianco replica con c3, l’aver concesso gratis la spinta di pedone lascia intendere che il nero abbia altre idee su dove sviluppare l’alfiere di casa nera! 6.Cf5 incomincia la caccia all’alfiere! Af6 7.Ce3 g6 8.Cd5 Ag7 9.Ca3 una mossa astuta che minaccia Cb5, con doppio imparabile in c7 a6 10.Cc4 Rombaldoni non vuole noie, volendo complicare il gioco era interessante giocare subito Ag5 d6 11.Ag5 f6 12.Ah4 non è semplice valutare questa posizione, non riscontro punti deboli in ambo gli schieramenti, il bianco sembra avere un leggero vantaggio poiché i pezzi del nero sono tutto fuorché attivi e quando si sposteranno lasceranno indifese case dietro di loro Ch6 13.Ae2 0–0 14.0–0 Ae6 questa è una posizione base, a me piace l’idea basata su a4-a5 per bloccare il pedone b7 con l’idea di attaccarlo per mezzo di Db3 e spostare la torre in d1, ma il nero potrebbe replicare con Ce7 cercando di cambiare quanti più pezzi possibili, che in posizione ristretta è una buona idea! Quindi priorità del bianco dovrebbe essere quella di riposizionare i propri pezzi nelle case migliori e sembra buona l’idea 15. Cce3 Ce7 16. Ac4 con l’idea di poter riprendere in d5 con un pezzo e tenere sotto controllo la casa f5 15.Dd2 g5 16.Ag3 f5 17.exf5 questa è la via più semplice per mantenere l’equilibrio, con strutture di pedoni analoghe in genere il bianco predilige opporsi alla spinta in f5 del nero con la propria spinta di pedone in f4, ciò avrebbe aperto il gioco e verosimilmente scatenato un po’ di bagarre Cxf5 18.Tae1  una via accademica per continuare a tenere la posizione in equilibrio, la torre meno attiva si posiziona su colonna aperta, era interessante provare a complicare il gioco per mezzo di Ag4, inchiodando il cavallo in f5, al tempo stesso l’alfiere in g4 sarebbe stato un pezzo sospeso e tale mossa non soddisfa i principi di solidità cari al più grande dei fratelli Rombaldoni
Ccd4 una delle classiche mosse di Godena capace di mettere un po’ di pepe in posizioni all’apparenza piatte 19.Cde3 la prima linea che mi è venuta in mente è stata 19.Cxc7 Dxc7 20.cxd4 Axc4 21.Tc1 b5 22.b3 Cxg3 23.hxg3 d5 24.Af3 anche in questo caso la posizione si sarebbe aperta e probabilmente il vantaggio del bianco non sarebbe sufficiente per vincere 19…Cxe2+ 20.Txe2 Cxg3 21.hxg3 Dd7 22.Cd5 applicando i più classici principi ipermoderni cari a Nimzowitsch , Rombaldoni controlla il centro con i pezzi bloccando le spinte di reazione del nero Df7 Godena al contrario cerca di aumentare il dinamismo dei pezzi pesanti per valorizzare la coppia degli alfieri 23.Txe6! Per diventare GM occorre riuscire a calcolare gli sviluppi di mosse come questa Dxe6 24.Te1 Dg4 in pratica ciò che segue è tutto verosimilmente forzato per cercare la ripetizione di mosse 25.Te7 Dxc4 26.Dxg5 Tf7 27.b3 Dd3 28.Cf6+ Rf8 29.Cd7+ Rg8 30.Cf6+ Rf8 31.Cd7+ Rg8 32.Cf6+ ½–½

Un risultato che va bene a Rombaldoni per guadagnare punti ELO, che non consente a Godena di laurearsi Campione Italiano, ma non si può pretendere di vincere una partita di nero rimanendo indietro con lo sviluppo, se a gestire i pezzi bianchi vi è un giocatore di grande talento che sceglie di non sbilanciarsi.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

La corsa di Caruana si ferma negli ottavi di finale

Posted by Arcobaleno su dicembre 2, 2009

La coppa del Mondo di Fabiano Caruana è stata sicuramente entusiasmante, si è espresso al meglio nelle posizioni equilibrate, riuscendo a prendere in contropiede gli avversari nelle partite di gioco rapido, sfruttando le loro azzardate scelte di apertura. Caruana contro l’attuale numero 6 al mondo Gashimov Vugar, ha rischiato di vincere il Jackpot quando nella seconda partita di gioco classico si è trovato avanti di un pedone in un finale di alfieri contrari. Probabilmente la sua giovane età gli ha impedito di reagire al meglio e nella prima partita di gioco rapido ha scelto una veloce linea di attacco nella difesa Russa:

1. e4 e5 2. Cf3 Cf6 3. Cxe5 d6 4. Cf3 Cxe4 5. Cc3 Cxc3 6. dxc3 Ae7 7. Ae3 Cc6 8. Dd2 O-O 9. O-O-O Ce5 10. h4 Te8 11. Cxe5 dxe5 12. Ad3 Ad6 13. Ae4 f5 14. Ad5+ Ae6 15. Axe6+ Txe6 16. Dd5 Dc8 17. g4 f4 18. Axf4 exf4 19. The1 Rf7 20. Td4 c6 21. Db3 Rf6 22. Txd6 Txd6 23. g5+ Rg6 24. h5+ Rxg5 25. h6 De8 26. Tg1+ Rxh6 27. Th1+ Rg6 28. Dxb7 Df8 29. Tg1+ Rf6 30. Db4 g5 0-1

Sotto 1-0 sarebbe stato logico giocare una tranquilla partita con il nero per cercare il pareggio nelle ultime due, ma Fabiano ha nuovamente scelto di attaccare:

1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. O-O Cxe4 6. d4 b5 7. Ab3 d5 8. dxe5 Ae6 9. Cbd2 Cc5 10. c3 Ae7 11. Cd4 Cxe5 12. Ac2 Dd6 13. C2b3 Ce4 14. Af4 g5 15. Axe5 Dxe5 16. Te1 Ad6 17. g3 Df6 18. Axe4 dxe4 19. Txe4 O-O 20. Cxe6 fxe6 21. De2 e5 22. Rg2 h5 23. Cc1 g4 24. Cd3 Df3+ 25. Dxf3 Txf3 26. Cxe5 Tf5 27. Cd3 Taf8 28. Tf1 Rg7 29. Tfe1 c5 30. c4 bxc4 31. Txc4 Td5 32. Cc1 Ae5 33. Te2 Ad4 34. Cd3 h4 35. Cf4 h3+ 36. Rf1 Td6 37. b4 Tf5 38. bxc5 Axc5 39. Ce6+ Txe6 40. Txe6 Txf2+ 41. Re1 Txh2 42. Txc5 Th1+ 43. Tf2 1-0

Gashimov ha adattato il proprio gioco a quello del maghetto, si è difeso con ordine e ciò non prova che abbia più capacità di analisi dell’italiano, ma ha saputo interpretare il match meglio di Caruana!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Caruana concede il bis nella Coppa del Mondo di scacchi 2009

Posted by Arcobaleno su novembre 29, 2009

Fabiano Caruana è in formissima, nella Coppa del Mondo di scacchi 2009 che si sta svolgendo a Khanty-Mansiysk, dopo aver compiuto l’impresa sconfiggendo la compagine cubana nei primi due turni, si è ripetuto vincendo la terza partita di gioco rapido contro il quotatissimo Alekseev Evgeny (RUS), concludendo il vittorioso match con il punteggio di 3,5 a 2,5.

Osserviamo Caruana fronteggiare la Moderna Benoni giocata da Alekseev.

1. d4 Cf6 2. c4 e6 3. g3 c5 4. d5 exd5 5. cxd5 d6 6. Cc3 g6 7. Ag2 Ag7 8. Cf3 O-O 9. O-O Cbd7 10. a4 De7 11. h3 Ce4 12. Cxe4 Dxe4 13. Af4 De7 14. Db3 Cf6 15. Tfe1 Ce4 16. Cd2 Cxd2 17. Axd2 Ad7 18. e4 g5 19. e5 dxe5 20. Dxb7 Dd6 21. Db3 h6 22. Dc4 Tab8 23. Tab1 f5 24. b4 Tbc8 25. bxc5 Txc5 26. Ab4 Txc4 27. Axd6 Te8 28. a5 a6 29. Af1 Ta4 30. Tb7 Ac8 31. Tc7 Txa5 32. Tec1 Txd5 33. Txc8 Txc8 34. Txc8+ Rh7 35. Af8 Axf8 36. Txf8 e4 37. Axa6 Rg7 38. Te8 Td6 39. Ac8 Td5 40. g4 Td6 1-0

Posted in notizie, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Caruana compie l’impresa nella Coppa del Mondo di scacchi 2009

Posted by Arcobaleno su novembre 26, 2009

 

Caruana indossa una camicia a scacchi

 

 

11 Novembre 2009 – Coppa del Mondo 2009

Caruana compie l’impresa nella Coppa del Mondo di scacchi 2009, superando il GM Dominguez Perez grazie a 3 patte e alla vittoria nella seconda delle quattro partite di spareggio.

2° partita di gioco rapido
[Bianco “Dominguez Perez, Leinier”]
[Nero “Caruana, Fabiano”]

1. d4 Cf6 2. c4 g6 3. Cc3 d5 4. cxd5 Cxd5 5. e4 Cxc3 6. bxc3 Ag7 7. Ac4 c5 8. Ce2 Cc6 9. Ae3 O-O 10. O-O Dc7 11. Tc1 Td8 12. Af4 Dd7 13. d5 Ca5 14. Ab3 b5 15. Ae3 Dd6 16. c4 Cxc4 17. Axc4 bxc4 18. Txc4 Aa6 19. Axc5 De5 20. Ta4 Axe2 21. Dxe2 Txd5 22. f4 De6 23. Ta6 Td2 24. Dxd2 Dxa6 25. Axe7 Te8 26. Ac5 Dc4 27. Axa7 Ta8 28. Af2 Dxe4 29. Te1 Dc4 30. Tc1 De4 31. Te1 Dc4 32. Te2 h5 33. g3 Ta3 34. Dc2 Dd5 35. Td2 De6 36. Te2 Dd5 37. Dc5 Dd1+ 38. Te1 Da4 39. f5 Txa2 40. fxg6 fxg6 41. Te7 Dd1+ 42. Rg2 Dd4 43. Te8+ Rh7 44. Dxd4 Axd4 45. Tf8 Rg7 46. Tf4 Axf2 47. Txf2 0-1

4° Partita di gioco rapido
[Bianco “Dominguez Perez, Leinier”]
[Nero “Caruana, Fabiano”]

1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. O-O b5 6. Ab3 Ac5 7. a4 Tb8 8. c3 d6 9. axb5 axb5 10. d3 h6 11. Te1 O-O 12. h3 Ab6 13. Cbd2 Ce7 14. Cf1 Cg6 15. C3h2 d5 16. Df3 Ae6 17. Ac2 d4 18. Cg3 Ch4 19. De2 c5 20. Cg4 Cxg4 21. hxg4 f6 22. Cf5 Cxf5 23. gxf5 Af7 24. g3 Te8 25. Rg2 Dd6 26. f4 dxc3 27. bxc3 Ta8 28. Tb1 b4 29. Ab3 Axb3 30. Txb3 Ta1 31. fxe5 Dxe5 32. Dg4 De7 33. cxb4 Df7 34. Tb2 cxb4 35. Ad2 Txe1 36. Axe1 Dd7 37. Dd1 Rh7 38. Txb4 Aa5 39. Tb3 Axe1 40. Dxe1 Dxf5 41. exf5 Txe1 42. Rf3 Te7 43. d4 Rg8 44. Te3 Td7 45. Re4 Rf7 46. d5 Re7 47. Rd4+ Rd8 48. g4 Ta7 49. d6 Ta4+ 50. Rd5 Txg4 51. Te7 h5 52. Re6 h4 53. Ta7 Te4+ 54. Rf7 h3 55. Txg7 h2 56. Ta8+ Rd7 57. Th8 Rxd6 58. Rxf6 Te2 59. Rf7 Re5 60. f6 Tf2 61. Th5+ Tf5 62. Txh2 grazie a questa posizione teoricamente patta Caruana si aggiudica il match con il punteggio di 3,5 a 2,5.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

La Coppa del Mondo di scacchi 2009 di Fabiano Caruana

Posted by Arcobaleno su novembre 25, 2009

Si sta svolgendo a Khanty-Mansiysk in Russia, la Coppa del Mondo di scacchi 2009.

All’evento sta partecipando anche Fabiano Caruana (elo 2652), che dopo aver sconfitto al primo turno il cubano Bruzon Batista Lazaro (elo 2619), nel secondo turno ha pareggiato le due partite di gioco classico contro il più quotato cubano Dominguez Perez Leinier (elo 2719), ora si gioca l’accesso al terzo turno nelle partite di spareggio.

Vediamolo in azione di bianco contro Dominguez:

1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 Cf6 5. O-O b5 6. Ab3 Ac5 siamo nella difesa brasiliana della partita spagnola, a questo punto in genere ho sempre proseguito con la spinta in c3 per sostenere la spinta in d4, ma recentemente ho giocato una partita per corrispondenza in cui ho scelto il piano di Caruana.

 7. a4 acquistando spazio sul lato di donna! Tb8 8. c3 d6 9. d4 Ab6 10. Ca3 continuando a fare pressione sulla casa b5 O-O 11. axb5 axb5 12. Cxb5 Ag4 una mossa naturale, nella partita spagnola il bianco si ritrova a giocare la spinta di pedone in h3, per evitare questa mossa e controllare indirettamente la casa d4, dato che il cavallo in f3 non risulta inchiodato!

13. Ae3 non la mossa più incisiva, (Te1 gode di maggiore reputazione), ma a Fabiano potrebbe puntare ad una rapida patta per giocarsi il tutto per tutto nelle partite di spareggio.

13. … exd4 14. cxd4 Cxe4 15. Dc2 Fabiano non ha alcuna velleità offensiva, volendo complicare il gioco era meglio giocare Ad5 che evita il cambio dei pezzi che seguirà.

15. … Ca5 16. Dxe4 Axf3 17. Dxf3 Cxb3 18. Ta3 Ca5 19. Tc1 d5 una mossa eccellente, che prende un solido controllo della casa c4.

20. Af4 Cc4 21. Tac3 Aa5 22. Bxc7 Axc7 23. Cxc7 Dxc7 24. b3 Tb4 25. bxc4 Txc4 1/2-1/2

Questa partita è molto istruttiva, tanto quanto una partita in cui si possono ammirare mirabolanti attacchi al re. I due giocatori hanno dimostrato di saper giocare posizioni basate sul delicato equilibrio posizionale, la variante giocata non necessità di eccessiva conoscenza teorica in apertura, mentre nella posizione finale il gioco è talmente livellato che i due giocatori capiscono con largo anticipo che l’accordo per il pareggio è una forma di rispetto reciproco!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Il video di scacchi più divertente!

Posted by Arcobaleno su novembre 19, 2009

Questo è il video di scacchi più divertente che abbia visto! 

Nel video viene riproposto il famoso scaccomatto di Légal:

1. e4 – e5 una partita aperta, ci sarà spettacolo sulla scacchiera

2. Cf3 – d6 la difesa Pirc è passiva, bisogna fare attenzione all’iniziativa del bianco

3. Ac4 – Ag4 il nero è contento di inchiodare il cavallo, ma era meglio sviluppare l’altro alfiere!

4. Cc3 – g6 mmm questo è un errore che perde minimo un pedone

5. Cxe5 – Axd1 al nero non pare vero di poter catturare impunemente la regina 

6. Axf7+ – Re7 ed infatti avrebbe fatto meglio a perdere soltanto un pedone catturando il cavallo in e5

7. Cd5# ed il re nero con il suo esercito sparisce nel nulla!

Posted in curiosità, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Carlsen Magnus – Ruslan Ponomariov = 1-0 al Memorial Tal

Posted by Arcobaleno su novembre 13, 2009

[“Tal Memorial”]
[“2009.11.13″]
[Turno”8”]
[Bianco “Carlsen, M.” Elo 2801]
[Nero “Ponomariov, R.” Elo 2739]
[ECO “B90”]

Carlsen era obbligato a vincere questa partita per non scendere sotto i 2800 punti elo, che comporterebbe la perdita del secondo posto nel ranking FIDE a favore di Anand.

1. e4 una scelta coraggiosa, Magnus non ha paura di giocare una partita aperta.
1…c5 2. Cf3 d6 3. d4 cxd4 4. Cxd4 Cf6 5. Cc3 a6 optando per una tagliente variante Najdorf della difesa Siciliana
6. Ae3 e6 7. f3 b5 8 Dd2 siamo ancora in teoria, il bianco progetta l’arrocco lungo mentre il nero arroccherà sul lato corto e si lancia all’assalto sul lato di donna.
8…Cbd7 9. g4 h6 10. O-O-O Ce5 Questa non è un apertura da raccomandare ad esordienti o giocatori di categoria nazionale, le analisi casalinghe dei maestri arrivano anche a 30 mosse di profondità. Un tempo perso può fare una grande differenza e non la si può considerare idonea ai giocatori prettamente posizionali.
11. De1 Carlsen ha speso molto tempo prima di giocare questa mossa, lo stesso Ponomariov è rimasto sorpreso, si sarà chiesto se sia il frutto del repertorio di aperture di Kasparov!
11. … Dc7 Susan Polgar suggerisce 11. … b4 12. Cce2 Da5 13. Rb1 Ab7 con posizione interessante da giocare.
12. h4 b4 13. Cce2 Cc4 La Polgar ha suggerito di giocare d5, che è una classica spinta di pedone centrale in questo tipo di posizione.
14. Cf4 questa mossa conduce ad una posizione selvaggia ad esempio: 14…e5 15. Cd5 Cxd5 16. exd5 exd4 17. Axd4+ Ae7 18. Axg7 Tg8 19. Axh6 Ce5 con posizione poco chiara.
14. … Cxe3 Invece Ponomariov sceglie una linea tranquilla!
15. Dxe3 Db6 16. Ac4 (Ponomariov deve giocare ancora 25 mosse in posizione complicata ed ha circa 30 minuti per farlo, Carlsen minaccia g5-g6 ed ora è evidente che il nero non può giocare questa apertura passivamente)
16…Dc5 17. Db3 d5 Un po’ tropo tardi, ora la spinta del pedone centrale è semplicemente una mossa dubbia! Il re di Ponomariov è rimasto nel centro è questa spinta di liberazione aiuterà Carlsen ad aprire il centro.
18. exd5 Ad6 19. Cfxe6 una mossa non precisa, era meglio giocare 19. Cdxe6 fxe6 20. Cg6 Tg8 21. dxe6 con vantaggio decisivo per il bianco.
19… fxe6 20. dxe6 Ae7 Il nero ha troppe debolezze, sopravvivere in questa posizione è un miracolo dopo 21. g5 Ch5 22. Ad5 Ta7 23. Ac6+ Rf8 24. Dd3 Carlsen avrà ancora un vantaggio decisivo.
21. Qd3 ancora non la più precisa ora Ponomariov può arroccare portando via il re dal centro 21. … 0-0 a questo punto la spinta in g5 sembra obbligata. 22. Ad3 troppo lenta, dopo 22. … Ab7 il grande vantaggio del bianco scomparirebbe, anche se non è facile mantenere la pressione, comunque dopo  22… Ab7 23. g5 Ch5 24. gxh6 Cf4 25. De3 gxh6 26. Thg1+ Rh8 27. Tg4 Dc7 il nero sarebbe ancora in partita!

22. … Td8 era meglio mantenere la torre lungo la colonna f

23. g5 finalmente! Ruslan ha meno di 10 minuti per giocare le prossime 18 mosse!

23. … Ch7 sembra interessante giocare questa linea  24. Dg6 Txd4 25. gxh6 Txd1+ 26. Txd1 De5 27. Df7+ Rh8 28. Dxe7 +- oppure 24. Dg6 Rh8 25. gxh6 Tg8 26. Thg1 Af6 27. Cf5 e non ci sono difese plausibili.

24. gxh6 vince anche questa mossa, la scelta di apertura di Ponomariov è stata disastrosa.

24. … Dh5 25. De4 ora Ruslan potrebbe anche abbandonare Se 25. … Tb8 Magnus vincerebbe con 26. Cf5!
25…Dxh6+ 26. Rb1 Ta7 27. Cf5 Txd1+ 28. Txd1 Df6 29. Td7 Axd7 30. exd7+ Rf8 31. Dd5 con scaccomatto imparabile 1-0

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Sacrifici nella difesa siciliana

Posted by Arcobaleno su ottobre 12, 2009

una scena del Ratto del Serraglio di Mozart
Una scena rappresentata nel Ratto del Serraglio di Mozart

Mentre attendo la messa in scena del ratto del serraglio in uno spazio d’aria tale da non rendere deficitario il mio rendiconto economico mensile, analizzo la partita di scacchi giocata dal mio amico Giovanni Burgada sulla piattaforma per giocare a scacchi per corrispondenza. 1. e4 e6 Una difesa Francese!? 2. d4 c5 Uh-hu!? Trasposizione! 3. Cf3 cxd4 Si si… siamo rientrati in una difesa Siciliana! 4. Cxd4 Cc6 La mossa più comune che riprende il controllo della casa chiave d4 5. Cc3 a6 era interessante sfruttare la tipicità della variante Taimanov giocando Ac5 o Ab4 6. a3 Cxd4 ritengo la sesta mossa del bianco molto debole, ma il nero cede l’importante casa d4 senza motivo 7. Dxd4 Ce7 ovviamente non si può lasciare la donna bianca nella sua dominante posizione 8. Ae3 Cc6 il bianco mantiene l’iniziativa grazie al controllo della colonna (d) 9. Dd2 b5 era da considerare anche Db6 fissando il pedone (b) 10. Ae2 Ae7 il bianco mira a completare velocemente lo sviluppo, il nero controllare la diagonale h8-a1 11. O-O Af6 entrami hanno portato a termine le proprie idee, ma preferisco la posizione del bianco: – 11. f4 Ab7 12. e5 Ae7 13. a4 b4 14. Ce4 Cxe5 15. Cc5 Axc5 16 Axc5 Cc6 17. f5! ed in questa posizione credo il sacrificio di pedone sia ampiamente compensato dal dominio dei pezzi bianchi su tutta la scacchiera! 12. f3 O-O il bianco è troppo timido, era meglio assaltare il centro! 13. Td1 Ce7 il pedone (d) è diventato un problema, io avrei sviluppato la regina in c7 con idea Td8 14. f4 e5 l’apertura del centro andrebbe a vantaggio del bianco che ha i pezzi più sviluppati 15. Cd5 Cxd5 il bianco era in vantaggio di sviluppo era meglio giocare Af3 senza cambiare i pezzi 16. Dxd5 exf4 certo! La coppia degli alfieri in posizione aperta ed il pedone passato valgono quanto la torre! 17. Dxa8 fxe3 era meglio giocare l’alfiere in c5, ora il nero ha l’iniziativa 18. c3 Dc7 le mosse di entrambi i giocatori sono tra le più spontanee 19. Dd5 Ah4 personalmente avrei optato per l’attacco sul punto h2 per mezzo di Ae5 20. Tf1 Af2 giustificando la scelta del nero, il bianco avrebbe dovuto attivare le torri, meglio giocare a4! 21. Rh1 Ab7 il nero sembra possedere due scimitarre! 22. Dd3 Ac6 cercando un set up per fare pressione sul pedone in e4 23. Af3 Te8 altre mosse spontanee di attacco e difesa 24. Td1 Te6 la differenza di attività dei pezzi pesanti è evidente! Povero monarca bianco… 25. Dd4 Th6 OUCH! Giovanniiii 25. Dxh2+ Rxh2 Th6# era necessario restituire la qualità in f2! 26. h3 Dg3 solo e5 avrebbe permesso di lottare ancora: – 26. e5 Ag3 27. Dxe3 Axh2 28. Dxh6 gxh6 29. Rxh2 Dxe5+ 30. Rg1 ed il vantaggio del nero dovrà sudare per convertire il vantaggio materiale in vittoria. 27. Ag4 Dxg4 No Way! Non vi era più nulla da fare! Una partita degna di una rappresentazione teatrale! 0-1

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Dule Krenar Diena Giovanni – partita viennese

Posted by Arcobaleno su settembre 28, 2009

Krenar_Dule

1° turno del 5° Festival Scacchistico Internazionale Città di Cattolica, Dule Krenar affronta il creatore del software Diena usato per tanti anni dagli arbitri di scacchi. La partita inizia come Viennese, ma assume presto gli aspetti di una pirc anche se l’alfiere nero fuori dalla catena dei pedoni la fa assomigliare maggiormente ad una difesa russa.

Dule Krenar (1467) – Diena Giovanni (1868)

1.e4 e5 2.Cc3 Cf6 3.Cf3 Ae7 4.d4 personalmente avrei accettato il sacrificio di pedone facendo i conti con Ab4 che attacca il pedone in e4, sarebbe potuto seguire 5. d3 d5 6. exd5 Cxd5 7. Ad2 ed anche se il nero ha compenso preferisco giocare con il pedone in più exd4 5.Cxd4 0–0 6.Ae3 Ab4 7.f3 con il re arroccato il nero è a mio avviso in vantaggio, la settima mossa del bianco gode di troppo ottimismo d6 perché non d5! e la posizione del bianco diventerebbe presto un colabrodo, dopo exd5 Cxd5 9. Ad2 Dh4+ si perde un pezzo! 8.Dd2 Ad7 9.Ac4 Cc6 10.a3 Axc3 11.Dxc3 Ce5 12.Aa2 a6 nelle ultime mosse entrambi i giocatori hanno eseguito minacce dirette contro i pezzi nemici 13.Ag5 Cxe4 ora il bianco cade in questa combinazione che semplifica la posizione 14.Axd8 Cxc3 15.Axc7 Cb5 Cxa2 avrebbe permesso di rifugiarsi in un finale di alfieri contrari 16.Cxb5 Axb5 17.Axd6 Tfe8 18.0–0–0 Cc4 19.Axc4 il pedone di vantaggio del bianco ha veramente poco significato, gli alfieri contrari e la colonna aperta C conferiscono al nero un buon compenso Axc4 20.The1 Ae6 21.Td2 f6 22.Tde2 Rf7 23.b3 Tac8 24.Rb2 Tc6 25.Ab4 b6 26.a4 a5 27.Aa3 Tec8 28.Td2 T8c7 29.c4 abbiamo raggiunto una posizione chiave per capire questo tipo di finale, sia Dule che Diena hanno posizionato i pedoni nelle case di colore opposto a quelle del proprio alfiere, le prospettive di crearsi un pedone passato sono scarse, sul lato di donna il bianco dispone di un alfiere che non controlla la casa a8, per cui anche eliminando tutti i pezzi ed i pedoni e restando solo con alfiere e pedone A contro il re avversario, non avrebbe chance di vittoria h5 30.Td6 Txd6 31.Axd6 Td7 32.Td1 Af5 Axc4 33. bxc4 Re6 sarebbe stata favorevole al nero anche se il finale sembra pari 33.Td2 Re6 34.Af4 Txd2+ 35.Axd2 Ad3 36.Rc3 Af1 37.g3 Ag2 38.f4 Rf5 39.Ae3 Rg4 40.Axb6 Rh3 il finale di alfieri contrari sembra estremamente complicato, in genere è meglio cambiare il minor numero di pedoni per vincere 41.Ag1 in questo caso avrei però optato per b4, che libera due pedoni passati e vincola l’alfiere di casa bianca ad ondeggiare sulle case c6 ed a8 Aa8 42.Rd3 Rg2 43.Ab6 Rxh2 44.Af2 Rg2 45.Re3 f5 46.Ae1 Ae4 47.Rd2 ora il nero potrebbe forzare il pareggio Rf1 48.c5 questa mossa è molto debole g6 non sfruttando una grande occasione per capovolgere la posizione Ad5 avrebbe messo in crisi il bianco! 49.Rd1 Ad5 ora è Diena ad essere troppo ottimista, a mio giudizio il finale è perso per il nero, mentre Af3+ avrebbe costretto Dule alla ripetizione di mosse! 50.Axa5 Axb3+ 51.Rd2 Axa4 52.Ad8 Rf2 53.Ah4 Rf3 54.Rd3 Ac6 55.Rd4 Re2 56.Re5 Rd3 57.Rd6 Ab5 58.c6 Aa6 59.c7  questa fase finale è stata giocata con il pilota automatico… ed il nero abbandona…

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Andruccioli Daniele – Nardi Maurizio | Difesa Olandese

Posted by Arcobaleno su settembre 21, 2009

Città_di_Cattolica

Oggi vi presento una Difesa Olandese, giocata da due scacchisti della provincia di Rimini!

Andruccioli, Daniele (1937) – Nardi, Maurizio (1591) [A92]

1.Cf3 f5 dopo questa precoce spinta di pedone, ritengo interessante giocare una partita Reti, o attaccare subito il centro per mezzo della spinta in e4! 2.g3 Cf6 3.Ag2 e6 4.0–0 Ae7 era meglio spingere in d5, con l’idea di impostare un sistema Stonewall, dato che il bianco non può più giocare il piano di sviluppo Ch3-Cf4 che mette sotto pressione il centro del nero 5.d4 0–0 6.c4 c5 una scelta insolita la presenza di un pedone in f5 non è coerente con questa spinta di reazione 7.Cc3 assolutamente giocabile, personalmente avrei conquistato spazio con l’avanzata del pedone in d5 cxd4 8.Cxd4 Cc6 rientrando in una specie di partita Inglese, interessante spostare il Cavallo in c2, cercando di evitare i cambi 9.e4 e5 una svista 10.Cxf5 Ac5 11.Ae3 Ab4 12.Cd5 Cxd5 13.cxd5 Ce7 14.Ag5 De8 15.Db3 il bianco perde l’occasione per comprimere il nero, 15. d6 con l’idea Db3+ e cattura dell’alfiere in b4, avrebbe murato l’alfiere in c8 e conquistato l’importante casa strategica in d5 Cxf5 16.Dxb4 Cd4 17.Dc4 d6 18.Ae3 Cf3+ 19.Axf3 Txf3 Alfieri contrari con attacco sull’arrocco, il nero ha un piccolo compenso per il pedone in meno 20.Dc7 Dh5 21.Dd8+ Tf8 22.Dg5 Df3 23.Dh4 Ag4 24.Tac1 Tac8 non vedo controindicazioni alla cattura del pedone e4! 25.h3 Ah5 26.Axa7 non condivido questa scelta, ora il nero può controgiocare lungo la colonna (a)… h6… ho di catturare la regina, dopo la spinta in g5! 27.Txc8 Txc8 cedere la colonna all’avversario non deve essere la scelta migliore! 28.De7 Ag6 29.De6+ Rh7 30.Dg4 a questo punto è evidente che il bianco non gode più di alcun vantaggio, se fino ad ora la presenza degli alfieri contrari gli ha impedito di concretizzare il vantaggio materiale, ora è la sua ancora di salvezza per giungere ad un finale inferiore, ma con concrete chance di pareggio Axe4 31.Dxf3 Axf3 32.a4 discutibile, cede velocemente un pedoneTa8 33.Ab6 Txa4 34.Ac7 Ta6 35.g4 Rg6 36.Rh2 Rf6 37.Rg3 Axd5 era da valutare la spinta del pedone in e4 con gioco veramente complicato 38.Td1 Re6 39.f4 exf4+ 40.Rxf4 Ta4+ il nero ha un pedone in più, ma a parte qualche trucchetto per costruire una piccola rete di matto, non dispone della tensione necessaria per creare solide minacce al bianco 41.Rg3 Te4 42.Td3 Te2 43.b4 g5 si minaccia matto in g2! 44.h4 Tg2+ 45.Rh3 Tb2 46.hxg5 hxg5 47.Ad8 Txb4 48.Axg5 Tb3 ok, parità! 49.Te3+ Txe3+ 50.Axe3 b5 51.Rg3 Re5 52.Af4+ Re6 53.Rf2 Ae4 54.Re3 d5 55.Rd4 Af3 56.Rc5 Axg4 57.Rxb5 1/2-1/2

Ritengo questa partita molto interessante:

– La presenza degli alfieri contrari è utile per chi vuole attaccare l’arrocco, specialmente quando manca l’alfiere di fianchetto!

– Un finale con alfieri contrari è spesso patto, anche quando si ha un pedone in meno!

– La posizione centralizzata del re, impedisce al re avversario di conquistare le case chiave per portare a promozione un proprio pedone!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Giovannini Roberto – Catalano Luigi | Difesa Ippopotamo

Posted by Arcobaleno su settembre 19, 2009

 

Giovannini e Catalano in prima scacchiera

Giovannini e Catalano in prima scacchiera

 

 

La partita che ho scelto di commentare, è stata giocata nel 1° turno del Torneo B al 5° Festival Scacchistico Internazionale Città di Cattolica.

I due riminesi si conoscono bene, avendo giocato spesso in occasione del Campionato Provinciale di Rimini e di altri tornei locali, sicché non mi stupisce vedere il Presidente del Circolo Scacchi di Rimini, tentare un insolita per lui, difesa Catalana! 

 Giovannini,Roberto (1970)- Catalano,Luigi (1674) [A13]
Cattolica, 05.09.2009

1.c4 e6 2.g3 d6 provando ad impostare un apertura stile ippopotamo 3.Ag2 Cd7 4.Cc3 Tb8 sarebbe stato meglio sviluppare gli altri pezzi sull’ala di re, il setup del nero è sempre il medesimo, quindi mosse come g6-Ag7-Ce7-h6-a6 potevano essere giocate in attesa che il bianco si murasse il proprio alfiere in g2, nel caso non lo avesse fatto, non avrebbe avuto il vantaggio di spazio che avrà in partita! 5.d4 a6 6.a4 h6 7.e4 Ce7 8.f4 g6 9.Cge2 Ag7 10.0–0 0–0 11.Ae3 Rh7 il nero sta giocando su 3 traverse, una situazione che si verifica anche nel sistema riccio della Difesa Siciliana, non è facile difendersi in queste condizioni, ed anche i più bravi maestri si trovano a volte in difficoltà 12.g4 Cg8 perdendo una ghiotta occasione di ottenere un rapido controgioco, la posizione assomiglia ad un siciliana chiusa, in tale configurazioni pedonali e4-f4-g4 il nero è solito reagire con la spinta del pedone in f5! 13.Cg3 c5 14.f5 Giovannini ha completato il piano iniziato con la spinta del pedone in g4.  cxd4 15.Axd4 Axd4+ Catalano è riuscito a creare controgioco sul centro, ma la mancanza dell’alfiere di case scure accentua la debolezza del pedone in d6!16.Dxd4 Cc5 perdendo immediatamente il pedone 17.Tad1 Db6 18.fxg6+ Rxg6 19.Ch5 Cd7 cercando di alleggerire la posizione per mezzo del cambio delle regine, che comunque conducee il gioco in un finale con un pedone in meno 20.Cf4+ Rh7 21.Dxb6 Cxb6 22.b3 Td8 23.a5 e5 dopo Ca8 24. e5 si perde comunque il pedone! 24.axb6 Axg4 era meglio catturare il pezzo in f4! 25.Cfe2 Rg7 26.Td3 Ae6 27.Tfd1 Cf6 28.Txd6 Txd6 29.Txd6 Ora è solo questione di tecnica Cd7 30.Rf2 Cc5 31.b4 Cd7 32.Cd5 Cf6 33.Cxf6 Rxf6 34.c5 Re7 35.Cc3 h5 36.Cd5+ Rf8 37.Cf6 h4 38.Txe6 una combinazione che pone la parola fine in bello stile! Td8 se fxe6 segue 39. Cd7 riconquistando la torre 39.Txe5 Td2+ 40.Rg1 Tb2 41.Cd5 f6 42.Te7 Tb1+ 43.Af1 Te1 44.Rf2 Tb1 45.Axa6 Tb2+ 46.Ae2 Txb4 47.Cxb4 Rxe7 48.c6 Rd6 49.cxb7 come suo solito Catalano non molla mai, ma in questa posizione sceglie di rassegnare le armi, una nuova regina si staglia all’orizzonte e non è il caso di procedere fino allo scaccomatto.

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Conti Silvio – Silini Bruno | Variante di Cambio del Gambetto di Donna

Posted by Arcobaleno su settembre 16, 2009

Conti_Silvio

Conti Silvio mi ha inviato l’analisi della sua partita giocata con Silini Bruno all’ultimo turno del 5° Festival Scacchistico Internazionale Città di Cattolica, per rendere più snella la visione della partita eviterò di inserire i miei commenti. Finalmente su questo blog si commenta una variante di cambio del Gambetto di donna rifiutato.

Mentre stavo scrivendo questo post apprendo con disgusto che gli horrible porno stuntmen sono stati eliminati da xfactor, per protesta ho cancellato rai due ed al suo posto inserito Tele Romagna, la Maionchi si lamenta con Morgan che è più bravo a far passare i suoi cantanti, lei è talmente babbiona da eliminar da sola i suoi cantanti migliori, poveretta… è proprio brava a far parlare male di se, oramai è diventato lo sport nazionale dare contro sta tipa che afferma di essere una discografica… No Comment, meglio tornare a parlare di scacchi.

CONTI SILVIO (1835) – SILINI BRUNO (1587) [D06]
CATTOLICA 09/2009 RIMINI, 12.09.2009

1.d4 d5 2.c4 e6 3.Cc3 Cf6 4.cxd5 Cxd5 5.e4 Cf6?! ci voleva 5…Cxc3 6.Cf3 Ab4² (0.66) 7.Ad3 c6?² meglio 7..c5 comunque il bianco sta meglio 8.0–0 Cbd7± (1.02) 9.h3 per rybka una delle migliori come anche 9 Af4 o Tfe1 o Ac2 9…Dc7 10.Ae3 0–0 11.e5! Cd5 12.Cxd5± (+1.35)ma era ancora piu’ forte Axh7 (+2.07) [12.Axh7+ Rxh7 (12…Rh8? 13.Cxd5 cxd5 14.Cg5 g6 15.Dg4 Cxe5 16.Dh4 Cc4 17.Axg6+ Rg7 18.Dh7+ Rf6 19.Cxf7 Ad2 20.Ah5+- (+6.73)) 13.Cg5+ Rg8 (13…Rg6 14.Dc2+ f5 unica 15.Cxe6 Db6 16.Cxd5 cxd5 17.Cc7 Dc6 18.Dxc6+ bxc6 19.Cxa8+- (+2.11)) 14.Cxd5 exd5 15.Dh5 Cf6 16.exf6 Af5 17.fxg7 Rxg7 18.Cf3+- (+2.04)] 12…cxd5 meglio exd5 13.Axh7+!+- (+2.68) 13…Rh8 14.Cg5 g6 unica 15.Axg6+- Dg4 o Tc1 ancora piu’ forti 15…fxg6 16.Cxe6 Db6 17.Cxf8 Axf8? meglio 17… Cxf8 18.f4+- oppure piu’ forte [18.Dg4 Ag7 19.Tac1 Rg8 20.Txc8+ Txc8 21.Dxd7+-] 18…De6? 19.f5! gxf5 20.Dh5+ Rg8 21.Txf5 b6? (-7.70) [21…Ag7 meglio questa ma era comunque persa] 22.Taf1 Aa6 23.T1f4 Ad3 disperazione !!! 24.Tg4+ [24.Dg5+ Ag7 25.Tg4 Df7 26.Txf7 Rxf7 27.Dxg7+ Re6 28.Dh6+ Ag6 29.Dxg6+ Re7 30.Dd6+ Re8 31.Tg7 Cxe5 32.De7#] 24…Ag7 25.Tfg5 De7 26.Txg7+ Dxg7 27.Txg7+ Rxg7 28.Dh6+ Rg8 29.De6+ Rh8 30.Dxd7 Ae4 31.Ag5 matto in 4 31…Axg2 32.Af6+ e il nero abbandona 1–0

Una gran bella partita, sicuramente istruttiva! Il nero è andato in svantaggio in apertura, non ha cambiato in c3, che gli avrebbe permesso di alleggerire la propria posizione e non ha spinto in c5 che gli avrebbe dato controgioco. Silvio è stato impeccabile, lo avevo visto rare volte così incisivo in fase di attacco! Peccato che fosse l’ultimo turno… con questo stato di forma chissà quante altre belle partite avrebbe giocato!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Una diabolica linea nella Difesa Francese

Posted by Arcobaleno su luglio 29, 2009

[White “robby80291”]
[Black “Immortale-SdM”]
[Result “0-1”]
[Termination “White resigned”]
[WhiteElo “2863”]
[BlackElo “2688”]
[ECO “C19”]

Ho giocato questa diabolica variante della Difesa Francese, nella partita finale di un torneo per corrispondenza; era un match ad eliminazione diretta, 16 giocatori ordinati in base al sistema di sorteggio svizzero, al giocatore con elo più alto spettava il colore bianco, ma in caso di pareggio passava il turno colui che giocava con i pezzi neri.

1.e4 e6 2.d4 d5 3.Cc3 Ab4 4.e5 c5 5.a3 Axc3+ 6.bxc3 Ce7 7.Dg4 Questa sortita di donna era la mossa preferita da Fischer nella variante Winaver della Difesa Francese Dc7 8.Dxg7 Tg 8 9.Dxh7 cxd4 10.Ce2 Cbc6 la cattura in e5 non è consigliabile, il bianco ottiene una partita preferibile dopo Af4 e cxd4 11.f4 dxc3 12.Dd3 Bd7 13.Dxc3 questa è la prima diramazione, in passato si optava quasi esclusivamente per 13.Cc3 Cf5 un altra idea era costituita dal immediato arrocco lungo 14.Tb1 questa torre è molto utile sulla colonna aperta, in certi casi il re nero si trasferisce in b8 dopo l’arrocco lungo per lasciare la colonna C alla torre, quindi si creano tatticismi basati lungo la colonna B. d4 l’idea è creare un avamposto in e3 prendendo possesso della casa d4 15.Dd3 è stata tentata anche Dc4, ma la pratica ha dimostrato che la regina deve rifugiarsi in d3 O-O-O ora si aprono nuove diramazioni 16.Tg1 le ultime novità in apertura suggeriscono c3, l’idea di questa mossa è far correre velocemente i pedoni del lato di re, inoltre da g3 la torre potrà controllare le case chiave della terza traversa Rb8 secondo la teoria delle aperture questa mossa costituisce un errore, la teoria consiglia Ae8, ma avevo in mente un piano alternativo, in una precedente partita per corrispondenza aveva dato frutti al mio avversario che in quella occasione giocava con i colori neri 17.g4 Ch4 18.Rg3 questa è un altra posizione chiave la spinta del pedone in f6 offre al nero un gioco molto attivo Ac8 l’idea è trasferire l’alfiere sulla casa b7, controllando la diagonale a8-h1 19.c3 dxc3 20.Dxc3 b6 21.a4 ci sono due idee dietro a questa mossa, la spinta del pedone in a5 con conseguente smantellamento del mio arrocco e quella giocata in partita, il computer è incapace di valutare correttamente questa infernale posizione, ma h3 è probabilmente la mossa migliore, anche se sottrae una casa all’alfiere di casa bianca, svincola la torre dalla difesa del pedone g4 Ab7 22.Aa3 Dd7 era fondamentale parare la prossima mossa del bianco 23.Ad6+ Ra8 i pezzi del nero sono tutti attivi, l’alfiere in d6 blocca al momento i miei pezzi pesanti, ma ho un dominio assoluto delle case bianche che mi offre un ottimo compenso in cambio del pedone 24.Td1 Tc8 25.Aa3 una sterile minaccia De8 26.Db2 sottraendosi dai tatticismi, ma permettendo al cavallo nero di conquistare la sua casa naturale in questa variante della Difesa Francese Ca5 27.Cd4 aumentando il controllo sulla casa f3 Cc4 28.Db4 negli attacchi contro il re la presenza di alfieri contrari favorisce l’attaccante, quindi catturare il cavallo in c4 è tecnicamente un suicidio strategico Ad5 catturare l’alfiere in a3 era possibile, ma considerata la passività dei pezzi bianchi ho preferito rinforzare la mia posizione piuttosto che sciogliere quella della bianco 29.Ac1 puntando ancora sulla coppia degli alfieri, ma rassegnarsi a giocare h3 offriva migliori prospettive di gioco attivo Tc5 ora il pedone a4 diventa un obiettivo, inoltre mi accingo a raddoppiare i pezzi pesanti 30.Rf2 Dc8 la minaccia è Cxe5 31.Db1 Cg6 32.Ad3 Df8 dato che il pedone h2 continua ad essere indifeso ho pensato che impossessarsi anche delle case nere sarebbe stata una buona idea! 33.h3 Th8 34.Rg1 Dg7 il mio avversario non ha alcun gioco attivo, in queste condizioni è facile mettere male i pezzi, da questa casa pensavo di attaccare il cavallo in d4 e controllare la diagonale h8-a1 35.Ce2 Ce7 36.Kh2 Rhc8 37.Nc3 Qh6 38.Ne4 R5c6 39.Nf6 Qh4 40.Be4 Rc5 41.Bd3 R5c6 42.Rf1 Rc5 43.Rd1 R5c6 44.Qa1 R6c7 45.Ne4 Na5 46.Be3 Rc2+ 47.Bxc2 Rxc2+ 48.Nd2 Nc4 49.Qd4 Qh7 50.f5 Nc6 51.Qf4 exf5 52.Kg1 fxg4 53.Qxg4 N4xe5 54.Qg8+ Qxg8 55.Rxg8+ Kb7 56.h4 Ra2 57.h5 Rxa4 58.Bf2 Ng4 59.Rg5 Be6 60.Nf3 Ra2 61.Bd4 a5 62.Rf1 a4 63.Bc3 Rc2 64.Ba1 a3 65.Nh4 Rc4 66.Nf5 Ka6 67.Nd6 Rb4 68.Ne8 Kb7 69.Nf6 Ne3 70.Rc1 Nf5 71.Rg4 Nfd4 72.Re4 Bf5 73.Re8 a2 74.Kf2 Rb1 75.Ree1 Nb3 76.Rxb1 axb1=Q 77.Rxb1 Bxb1 78.Bb2 Nd2 79.Ke1 Ne4 80.Nd5 Ng5 81.h6 Nh7 82.Kf2 Ba2 83.Nc3 Be6 84.Ne4 Ne7 {White resigned} 0-1

Commentiamola insieme!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La partita di notte

Posted by Arcobaleno su luglio 28, 2009

Cyber_scacchi

Questa notte ho giocato una partita su facebook, sono curioso di ascoltare i vostri commenti

1.e4 e5 2.Cf3 d6 3.d4 f6 4.Ac4 Ch6 5.Axh6 gxh6 6.Cxe5 dxe5 7.Dh5+ Rd7 8.dxe5
fxe5 9.O-O Cc6 10.Df7+ De7 11.Td1+ Cd4 12.Dh5 c6 13.c3 c5 14.cxd4 exd4
15.Ad5 Tb8 16.a4 a5 17.Ca3 b6 18.Cc4 Aa6 19.Ce5+ Rd6 20.Cc6 Dc7 21.De5+
Rd7 22.De6#

Leggi il seguito di questo post »

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viaggio in treno con la slava

Posted by Arcobaleno su luglio 16, 2009

 

Accademia Scacchistica Bolognese

Accademia Scacchistica Bolognese

13 Aprile 2009, V° Turno del Campionato Regionale dell’Emilia Romagna, imbottito di vitamina C sono salito in treno direzione Accademia Scacchistica di Bologna. Conoscevo il nome del mio avversario, il solidissimo Buriani Andrea con il quale avevo già giocato diverse partite sia a cadenza classica, che a cadenza semilampo. Nei turni precedenti con il bianco aveva impostato un Sistema Colle senza effettuare la spinta di rottura in e4, durante una nostra partita di Campionato Italiano a Squadre mi ero trovato in difficoltà dopo essere stato spiazzato da una sua precoce Cbd2, avevo continuato impostando il mio classico sistema Est-Indiano e dopo una violenta schermaglia strategico-tattica dovetti rassegnare le armi, poiché incalzato dallo zeinot non seppi trovare le linee di controattacco migliori. Queste informazioni mi portarono a pensare che probabilmente quella mattina avrei giocato una Difesa Slava!

1.d4 Cf6 2.Cf3 d5 3.e3 Af5 impostando il Sistema di Londra con il nero, 4.c4 questa è la continuazione più aggressiva a disposizione del bianco, si può optare anche per Ad3 restando nel Sistema Colle vero e proprio, ma se il nero evita di cambiare e gioca Ag6 il bianco non dispone di alcun vantaggio, poiché un eventuale apertura della colonna (h) non fa che favorire il nero; c6 5.cxd5 cxd5 6.Cc3 e6 7.Db3 siamo in territorio slavo, con la sua terza mossa Buriani ha tolto mordente ad una eventuale dxc4 poiché poteva ricatturare di alfiere senza temere un espansione del nero sul lato di donna per mezzo di a6 e b5, per mezzo del cambio in d5 il bianco può sviluppare attivamente i suoi pezzi sul lato di donna, ma il gioco è tendente alla parità, l’avanzata del pedone in c5 avrebbe ristretto la mia libertà di movimento, ma mi avrebbe concesso spinte di reazione sia per mezzo di b6, che di e5, Dc7 8.Ad2 Cc6 ho giocato l’apertura praticamente senza pensare, avevo preparato questa linea in treno in un paio di ore, considerate le mie precarie condizioni di salute, non chiedevo nulla di meglio che poter giocare mosse naturali, senza dovermi immergermi in ponzate da farmi girare la testa! 9.Ch4 uscendo dal terreno a me conosciuto, mi aspettavo Ab5, ma la risposta è assolutamente naturale, Ag6 10.Cxg6 hxg6 11.Ad3 Ab4 giocata al colpo, ma a fine partita ho chiesto ad Andrea cosa ne pensasse di a6 con l’idea Ad6, ne è venuta fuori un analisi in cui il bianco tramite l’apertura del centro e sacrificio di pezzo in e6 ottiene un attacco devastante 12.a3 Axc3 la mia idea era proprio quella di cambiare il cavallo per avere un miglior controllo della casa e4, 13.Axc3 Cg4 14.h3 f5 il cavallo è intoccabile per via dell’inchiodatura sulla colonna (h) 15.Tc1 Cf6 questa era la linea che avevo previsto quando ho scelto di sviluppare l’alfiere in b4, 16.Ab4 Rf7 al momento la casa f7 è sicura, ma la mia idea è giocare g5-g4 per attaccare sul lato di re, quindi per il bianco si prospettano idee basate sul sacrificio di pedone in e4 17.Dc2 Dd7 18.Dd2 a6 sto ancora giocando lampo, mentre Andrea ha già consumato buona parte del suo tempo a disposizione, 19.f3 ora che non controllo più le case nere era più corretto giocare Ac5, qui Cxb4 dovrebbe concedere al nero la parità, dato che le torri del bianco non sono ancora in comunicazione riuscirei a cambiare i pezzi pesanti o a impossessarmi dell’unica colonna aperta, ma benché il centro sia chiuso, preferisco non concedere a Buriani un finale tecnico di alfiere contro cavallo, g5 20.Ac2 l’idea dovrebbe essere ancora quella di spingere in e4 per aprire il centro, ma il cavallo nero dispone di ottimi avamposti dopo la mia spinta di pedone in f4 per cui non è semplice consigliare qualcosa al bianco, dovrebbe aprire il centro per valorizzare la coppia degli alfieri, ma al momento non vi riesce con profitto, quindi forse era meglio ritirare l’alfiere di casa nera in c3, in attesa di tempi migliori, Tac8 visto che il bianco si è ostruito la colonna da solo ho deciso di impossessarmene, 21.0–0 in questa posizione avevo due prospettive, mettermi a pensare su cosa sarebbe successo dopo l’interessante sacrificio di pedone in g4 o giocare semplicemente per non concedere controgioco al bianco Cxb4 optando al volo per la seconda possibilità, 22.Dxb4 Tc4 23.Dd2 Thc8 a fine partita ho ricevuto i complimenti perché ho giocato l’apertura molto velocemente, non so dire se ho fatto le scelte migliori, ma il gioco del nero è stato fino ad ora semplice e logico, quindi non occorreva tempo per giocare le mosse scelte da me, diciamo pure che avevo azionato il pilota automatico! 24.Ad3 T4c6 25.Rh1 Dc7 26.Tce1 secondo me questo è il primo vero errore di Buriani, si trova già in svantaggio di tempo colossale, la soluzione migliore sarebbe quella di proporre una implicita patta per mezzo del cambio della torre in c6, poiché è vero che il nero prende il controllo della colonna aperta dopo Dxc6, ma l’alfiere di casa bianca è molto più forte del cavallo nero, anche se quest’ultimo dovesse dirigersi in g3, poiché a quel punto si riproporrebbe l’idea di spingere in e4 Ch5 ora invece ci sono delle minacce tattiche! 27.Tf2 Cg3+ 28.Rg1 Tc1 29.f4 bisogna impedire che il nero costruisca una rete di matto tramite la difesa del cavallo in g3 per mezzo della spinta in f4, Txe1+ 30.Dxe1 Dc1 31.Dxc1 Txc1+ 32.Rh2 gxf4 33.exf4 Ce4 ho valutato un eventuale cambio di alfiere in e4, come una vittoria strategica dovuta al pedone passato e alla debolezza del pedone in d4 34.Tc2 Td1 ho cominciato ad usare il tempo a mio disposizione, credo che cambiare la torre conduca ad un finale pari, anche se il nero mantiene l’iniziativa, dato che volevo vincere e che il mio avversario era rimasto con circa 10 minuti sull’orologio anche se disponeva dell’abbuono di 30 secondi ad ogni mossa, ho scelto di entrare in complicazioni 35.Ae2 Td2 Txd4 sarebbe troppo semplice da giocare per il mio avversario, dato che non avrebbe nulla da calcolare e le sue repliche sarebbero praticamente forzate, ora invece… 36.Ah5+ g6 37.Tc7+ Rf6 38.Af3 Txb2 dopo 38 mosse il nero ha finalmente un vantaggio concreto, ma la partita si può dire che entri nel vivo, perché Buriani non è diventato CM per grazia ricevuta e capisce quali siano le sue armi per partire al controattacco, 39.h4! Cd6 si ho previsto tutto, quando si gioca su un solo lato della scacchiera non mi è difficile vedere le varianti in profondità, 40.h5 Cf7 41.Tc8 g5 42.Tg8 se fino a questo punto la partita era in equilibrio dinamico, credo che questa mossa costituisca un errore decisivo, a mio avviso fxg5 era pressoché unica perché bisogna impedirmi di spingere in:  g4 43.Tg6+ Re7 44.Ad1 ora in avanti non so dire se ho giocato le mosse migliori, ma come suol dirsi la vittoria del nero è solo una questione di tecnica, Axg4 avrebbe creato un dinamismo non sufficiente ad ottenere il pareggio, il bianco avrebbe avuto soltanto trucchetti per promuovere il pedone (h) tramite il sacrificio di torre sul cavallo, ma li avrei facilmente elusi, Td2 45.Ab3 Td3 46.Ac2 Tc3 47.Ad1 Td3 48.Ae2 Td2 49.Af1 Txd4 50.Rg3 Ta4 51.h6 Txa3+ 52.Rf2 Cxh6 quattro pedoni di cui 3 passati sono un ampio compenso per il pezzo, 53.Txh6 Rd6 54.Re2 Tb3 55.Rd2 Tb2+ 56.Re3 a5 57.Ad3 questa è un altra posizione chiave, Andrea è in zeinot ed è normale che facesse affidamento su questa posizione per salvare la partita, si minaccia Axf5 Rc5 la mossa inattesa! Se Txe6 d4# 58.Ae2 a4 se Txe6 il nero non può evitare la promozione di un pedone 59.Th8 a3 60.Ta8 Rb4 61.g3 b5 62.Rd3 Tb3+ 63.Rc2 Txg3 64.Tb8 Tg2 65.Txb5+ Ra4 66.Tb8 Txe2+ 67.Rc1 Te4 0-1

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Il blog di scacchi di Gianantonio Me

Posted by Arcobaleno su marzo 16, 2009

76 mosse e mezzo fa….

Un intenso pomeriggio scacchistico


Disegna una tigre in modo incompleto ed assomiglierà a un cane
(Antico proverbio cinese)

Il proverbio ha una significativa pregnanza nella logica degli scacchi. L’aver dominato il proprio avversario non è sufficiente se non lo costringi all’abbandono o allo scacco matto.
Domenica 8 marzo serie B , campionato italiano a squadre, Crps 2 Bologna- Accademia Scacchistica Regina Cattolica, 2,5-1,5 . Tralascio i commenti sull’evento-squadra (spettano al capitano!), dico solo che eravamo a un passo dalla fuga per la serie A2 e invece tutto si è rovesciato negli ultimi minuti di gioco. La mia partita ultima a finire aveva il compito di fissare il risultato finale in un 2-2 (che ci starebbe stato stretto). Benché mi ero facilitato il compito giocando in modo efficace la gran parte della partita, sono state alcune scelte sconsiderate nello zeitnot a sperperare tutto ciò che avevo costruito.

Nota
Considerata la complessità e la ricchezza di alcune posizioni generatesi nel corso di questa partita le analisi
proposte nei commenti sono solo dei punti di partenza. E’ stato usato Deep Rybka 2.3 mp in modalità “analisi
infinita”, le analisi quindi non hanno il massimo grado di approfondimento


Gaido 2080 – Me 1817 [Difesa Semi-Slava, D38] CIS Serie B Bologna-Cattolica 2,5-1,5 , 08.03.2009
1.Cf3 d5 2.d4 Cf6 3.c4 e6 4.Ag5 Nella preparazione pre-partita avevo notato la tendenza di Gaido a giocare l’Alfiere in g5 prima di Cavallo in c3. Non è una gran mossa a mio avviso, salvo che il Bianco rientri nelle varianti principali con lo sviluppo normale del Cavallo di Donna . Avevo lavorato sulla variante di Mosca,
per sicurezza, ma mi aspettavo maggiormente uno sviluppo simile a quello della partita. 4…h6 5.Ah4 La via verso la variante di Mosca è 5.Axf6 Dxf6 6.Cc3 c6 7.e3 Cd7 8.Ad3 dxc4 9.Axc4 g6 10.0–0 Ag7 11.Tc1 0–0 12.b4 con posizione tipica. Il Bianco ha più spazio , il Nero la coppia degli Alfieri 5…Ab4+ 6.Cc3 dxc4 7.a3
Una mossa rara e poco ambiziosa. Il seguito più comune è 7.Da4+ Cc6 8.a3 Axc3+ 9.bxc3 Dd5! 10.Axf6 gxf6 11.Cd2 b5 Gurevich-Bareev Presidents Cup 1998. E’ una delle partite che mi ha guidato nella ricerca di una ricetta “anti-Gaido”. Secondo me la migliore mossa per il Bianco è quella giocata da Spassky contro Keres al
22esimo campionato dell’URSS 1955 cioè 7.e3 7…Axc3+ 8.bxc3 Dd5!

diagramma1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi piace centralizzare la Donna se non può essere attaccata! Siamo fuori dalla teoria , ma mi ispiravo alla Gurevich-Bareev prima citata e alla Dzindizchasvili-Tajmanov URSS 1974 (c’è sul Megadatabase ma in nota, si trova commentata solo sull’informatore 18/542). Il fatto comunque che la Donna Bianca non sia in a4 toglie qualcosina al Nero che non può spingere in b5 con guadagno di tempo.
L’apertura è finita. 9.Axf6 gxf6 10.Dc2 f5 11.Cd2 b5 12.a4 a6 La strategia del Nero è a doppio taglio. Costruire dei bastioni difensivi in zone di difficile accesso alle proprie truppe, pur di difendere il pedone in più. L’ala di Donna del Nero si trasforma in una montagna ricca di precipizi e trabocchetti. E’ difficile
arrampicarsi per le truppe Bianche , ma lo è anche per la “logistica” Nera. 13.e3?! Ab7 14.Tg1 Dd6! Semplice e forte. Il Nero sta migliorando la propria posizione in modo impercettibile 15.g3 Cd7 16.Db1 Db6 17.Ta2 Ad5! Un altro “tocchetto” per migliorare la propria posizione. Questa mossa permette l’eventuale c6 a difesa
della catena di pedoni Nera senza intrappolare l’Alfiere 18.Tb2?! Ancora un tratto impreciso da parte del Bianco. Ora il Nero passa in vantaggio, con la mossa migliore 18…Da5! 19.Tb4 c5!

diagramma2
E’ arrivato il momento di uscire dalla propria tana 20.dxc5 Cxc5 21.f3?! Cxa4–+ 22.Da1 Db6 23.Rf2 Dc6?! 24.Ae2? 24.Axc4!? Axc4 25.Cxc4 forse dava delle chances pratiche al Bianco, anche se il nero sembra conservare l’iniziativa se non un vantaggio decisivo 24…Cb6 Una mossa giocata in “sicurezza”. Il Nero mantiene il vantaggio ma Rybka avrebbe saputo fare di meglio con l’impressionante 24…0–0–0! p.es. 25.Cxc4!?Axc4 26.Axc4 Td2+ 27.Ae2 Cxc3 28.Tb2 Thd8 29.Dc1 Txb2 30.Dxb2 b4–+ 25.Tgb1 Cd7 La posizione è molto complessa. Il Nero ha molti modi per mantenere e sviluppare il vantaggio. Quello della partita è il mio personale,
forse inferiore ad altre vie, ma non meno efficace. Il Bianco può liberarsi solo facendo delle concessioni di materiale 26.T1b2 Re7 Creativa e tipica del mio gioco, non la migliore, ma sufficiente. 27.Df1 Ce5?! Il nero vede dei fantasmi e inizia un piano troppo prudente. Frettolosamente portavo il Cavallo in g6 per paura di
un’incursione della Donna Bianca. 28.Dh3 Cg6? 29.Tb1 Dc5 30.f4 Ac6 31.Cxc4? Gaido si decide per questo sacrificio confusionario nel momento peggiore. Il Bianco ha partita persa,ma il suo tentativo di pescare nel torbido avrà successo. 31…bxc4?! Avevo preso in considerazione la ben più forte 31…a5! ma in zeitnot
ho pensato che intuitivamente il sacrificio non poteva essere buono e quindi fosse altrettanto buono catturare subito il Cavallo. Per darvi le dimensioni del mio zeitnot vi dico che alla 26 esima mossa mi mancavano 8 minuti più l’incremento per arrivare alla quarantesima.32.Txc4 Dd5 33.Tb6 Ab5?! Il Nero crolla e
commette un’imprecisione. Era più forte e vincente 33…Thc8! 34.Td4 Da5 35.Tbb4 Ab5 36.Dxh6 Txc3 37.Axb5 axb5 38.Tb2 Da3 39.Tdd2 Rf6 40.h4 Txe3 41.Dg5+ Rg7 42.h5 Te1!!. E’ incredibile ma ci sono delle reti di matto di 12 o 10 mosse!
34.Tc7+ Ad7 35.Tbb7 Tad8 36.c4 Dd2 37.c5 Rf6 38.c6?? Questa mossa naturale è perdente. Il Nero riconquista l’iniziativa 38…Ae8 39.Df1? Td3! 40.Da1+ e5 41.Dxa6? Dxe3+ 42.Rf1 Ta3!

diagramma3
A questo punto ero sicuro di vincere. -C’è il matto- mi son detto. E infatti il matto c’è ma non l’ho trovato! 43.Dc4 Ta1+ 44.Rg2 Tg1+ 45.Rh3 Cxf4+ 46.Rh4 Ce6??
Ossessionato dalle minacce di matto del mio avversario, non sono riuscito a vedere la semplice e potente 46…Dxg3+! 47.hxg3 Th1# Sarebbe stata una magnifica chiusura a una bella partita! 47.Te7?? Tc1?? Stessa occasione, stesso risultato. Il punto era che in zeitnot analizzavo diverse mosse ma non trovavo il matto. Se
avessi usato la metodologia estrema di Vitaly Chekover avrei trovato subito la via. Infatti questo maestro internazionale di San Pietroburgo (1908-1965) prima analizzava tutti i possibili modi di mettere dei pezzi in presa, poi se non trovava niente di buono pensava a una mossa normale…. 48.Db4?

diagramma4
48….Dd4+? Per vincere c’erano diverse mosse ma la mossa più devastante era
48…Rg7!! 49.c7 (49.Txe6 Th1!) 49…Th1 e matto in poche ; Qui ho visto in pochi
secondi che 48…Dxe2 era mortale per 49.Txf7+ Rg6 50.Tf6+! Rxf6 51.De7+ Rg6
52.Dxe6# Ho visto un matto in quattro che potevo subire e non ho visto un matto
in due che potevo dare! Per molti giorni non sono riuscito a darmi pace e ragione.
49.Dxd4 exd4 50.Af3 Tc2?! 51.h3? Cg5–+ 52.Ae2 Axc6 53.Tbc7 Ae4?! 54.Txc2
Axc2 55.Td7 d3!? Benchè 55…Te8 sia più precisa la mossa giocata in partita non
compromette nulla, rende però le cose più difficili al Nero 56.Axd3 Axd3 57.Txd3
Ce4 58.g4 Tc8 59.Tf3 Tc5 60.Rh5 Cg5 61.Tf1 Cxh3 62.Rxh6 f4 63.Tf3 Tc8!

diagramma5
Qui ero convinto che fosse tutto finito e che il mio avversario abbandonasse 64.g5+ Rf5 65.Ta3 Tc5?? Un’allucinazione. Pensavo che il cavallo avesse già catturato in g5 e che con c5 mi mettevo a riparo dagli scacchi. Una breve analisi mostra che si poteva giocare 65…Cxg5 infatti non va 66.Tc5+,Rf6 67.Txg5,Th8#
66.Txh3 Rg4 67.Th1

diagramma6

67…..Rf3 Era vincente 67..f3 ma le varianti che ne derivano non sono per niente semplici
68.Tg1? Tc2?! 69.Rg7 Rf2?? Una mossa inspiegabile. Il dilemma è : Zeitnot o cattiva comprensione della logica del gioco? Nei fatti se avessi avuto una comprensione istintiva della logica del gioco avrei difeso il pedone con 69..Tc7, invece questa mossa nervosa fa emergere forse che qualcosa non va. Questo Re goffo mi sembra una persona che ,trovandosi in un incendio , invece di spingere il maniglione antipanico e uscire, mette un’armadio davanti e inizia a spingere il mobile per aprire la porta. E’ l’errore decisivo. 70.Tg4 f3 71.Rxf7 Re1? 72.g6 f2
73.Tf4 f1D 74.Txf1+ Rxf1 75.g7 Tc7+ 76.Rf8 Txg7 77.Rxg7 ½–½

Materiale insufficiente. 76 mosse e mezzo fa sapevo di dover lottare per un pareggio. Invece la legge della
scacchiera si è dimostrata ancora imprevedibile, e, pur raggiunto l’obiettivo inseguito, questo ha assunto il sapore di un pesante fallimento. Questa partita è per me molto istruttiva ha messo in luce pregi e difetti di una
competenza scacchistica ancora acerba. Indispensabile autocritica e determinazione nel miglioramento.

Don’t worry, gli scacchi restano un gioco meraviglioso!

Tratto dal blog di scacchi di Gianantonio Me

Posted in partite | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

L’immortale Polacca di Miguel Najdorf

Posted by Arcobaleno su marzo 13, 2009

 

Miguel Najdorf

Miguel Najdorf

 

 

Questa sera andrò a mangiarmi l’Asado in una cena argentino-romagnola, per cui mi è sembrato il caso di vincere la pigrizia e postare quella che, è probabilmente la partita più famosa del giocatore argentino più noto al mondo scacchistico:

– L’Immortale Polacca di Miguel Najdorf giocata a Varsavia contro Glinksberg nel 1930.

1. d4 f5
2. c4 Cf6
3. Cc3 e6
4. Cf3 d5

5. e3 Savielly Tartakower suggerisce 5.Af4
5. … c6
6. Ad3 Ad6
7. 0-0 0-0
8. Ce2
Tartakower raccomanda 8.Ce5 seguita da 9.f4 ribattendo uno stonewall con un altro stonewall
8. … Cbd7
9. Cg5?! Una svista che perde un pedone, ma ora la posizione diventa molto complicata
9. …. Axh2+!
10. Rh1!? dopo 10. Rxh2 Cg4+ 11. Rh1 Dxg5 il nero nero ha un pedone di vantaggio ed il bianco non ha compenso dopo 10. Rh1 il bianco minaccia Cxe6 vincendo materiale, o di intrappolare l’alfiere con g3 o f4
10 …Cg4!
11. f4 Difendendo il cavallo in g5 invece Cxe6 sarebbe incappata in Dh4!
11. …. De8
12. g3 Dh5
13. Rg2 il bianco ha circondato l’alfiere nero e minaccia di conquistarlo con Rh1, Cf3 e Cxh2
13. … Ag1!! Sacrificando l’alfiere pur di attaccare il re bianco
14. Cxg1! non 14.Rxg1? Dh2# oppure 14.Txg1? Dh2+ e 15 … Df2#
Qh2+
15. Rf3 e5!
16. dxe5 Cdxe5+
17. fxe5 Cxe5+
18. Rf4 Cg6+

19. Rf3 f4!! minacciando sia 20…Ce5# e 20…Ag4+
20. exf4 se 20.Axg6 Ag4+ 21.Rxg4 Dxg3+ 22.Rh5 hxg6+ 23.Rxg6 Tf6+ 24.Rh5 Th6#
20 … Ag4+!!
21. Rxg4 Ce5+!
22. fxe5 h5#

Posted in partite, riviera romagnola | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Difesa Grunfeld tra Topalov e Kamsky

Posted by Arcobaleno su febbraio 20, 2009

Conferenza Stampa

Conferenza Stampa

In svantaggio di un punto Kamsky sceglie di attaccare nuovamente tramite una dinamica Difesa Grunfeld!

Topalov,Veselin (2796) – Kamsky,Gata (2725) [D81]
Semifinale Campionato del Mondo di Scacchi Sofia 2009 (3), 20.02.2009
1.d4 Cf6 2.c4 g6 3.Cc3 d5 4.Db3 volendo Kamsky  potrebbe rientrare in una tranquilla Difesa Russa dopo Ae7 4.Cf3 Ag7 dxc4 5.Dxc4 Ag7 6.e4 0–0 7.Ae2 a6 8.Af4 Kamsky aveva già affrontato la replica Cf3 durante il suo match contro Karpov con in palio il titolo di Campione del Mondo FIDE  b5 altro che Difesa Russa, Kamsky non si lascia sfuggire l’occasione di gettare polvere da sparo sulla scacchiera 9.Dxc7 Topalov non ha certo paura di qualche fiammata! Dxc7 Dxd4 10.Td1 Db4 11.Td2 Cbd7 12.Ae3 era chiaramente migliore per il bianco 10.Axc7 b4 11.Ca4 Cc6 12.d5 Cd4 13.Ad3 Ad7 a differenza delle partite precedenti entrambi i duellanti hanno giocato senza bruciare prezioso tempo in apertura, un piccolo successo parziale per il team dell’americano 14.Cb6 Ab5 15.Ae5 15.Cxa8 Axd3 16.Td1 Axe4 17.f3 Cc2+ 18.Re2 Axd5 19.Cb6 Axa2 era una continuazione inferiore Cxe4 16.Axg7 Rxg7 17.Axe4 Tab8 18.0–0–0 Cf5 19.Axf5 gxf5 la posizione è pressoché pari poiché anche se la struttura pedonale di Kamsky è compromessa possiede un alfiere buono in posizione aperta contro il cavallo di Topalov  20.d6 Txb6 21.dxe7 Te8 22.Cf3 Txe7 23.Cd4 Ad7 un eccellente prova di tecnica di Gata, grazie ad un gioco preciso la partita si sta avviando verso un tranquillo pareggio 24.The1 Txe1 25.Txe1 Th6 26.Te7 Td6 27.Ce2 Rf6 28.Te3 Aa4 29.b3 Ac6 ora il lato di donna del bianco è stato indebolito ed il nero ha un controgioco più che sufficiente! 30.Cf4 a5 31.g3 Ae4 32.f3 Ac6 33.h4 Td4 i GM rispetto ai comuni mortali hanno l’abilità di capire come non peggiorare la propria posizione! 34.Rc2 Ab5 35.Ch5+ Rg6 36.Cf4+ Rf6 37.Ch5+ ½–½
Il Topo ha scelto di lasciar sfogare il gatto, che ha tenuto redini del gioco, ma che obiettivamente non ha mai avuto chance concrete di vincere. 4. Db3 si è rivelata una buona alternativa, nella difesa Grunfeld, per pattare senza correre eccessivi rischi!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Kamsky Topalov WCC2009 – La temperatura scende a -1

Posted by Arcobaleno su febbraio 18, 2009

WCC 2009

WCC 2009

Kamsky,Gata (2796) – Topalov,Veselin (2796) [C65]
Semifinale Campionato del Mondo di scacchi 2009 Sofia (2), 18.02.2009

Ho seguito questa partita in diretta dalla Biblioteca di Cattolica, faceva veramente freddo!
1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ab5 Cf6 se Topalov avesse voluto lottare per la vittoria avrebbe probabilmente giocato una siciliana Najdorf 4.0–0 Ac5 a questo punto della Difesa Berlinese, Topalov era solito giocare la linea principale 4. … Cxe4 5.d4 Cd6 6.Axc6 dxc6 7. Dxe5 Cf5 nella mia esperienza contro il PC ho notato che anche a Rybka piace giocare tale difesa 5.Cxe5 la continuazione classica sarebbe c3, ma probabilmente Kamsky vuole evitare la preparazione teorica del bulgaro Cxe4 a questo punto il dibattito teorico si concentra attorno alla posizione derivante dalla cattura Cxe5 6.d4 a6 come nella prima partita del match i due giocatori fanno a gara nel sorprendere il proprio avversario 6.De2 Cxe5 7.d4 De7 una linea più solida era data dallo sviluppo dell’alfiere in e7 8.dxc5 Cxc5 9.Cc3 nel recente CIS ho impiegato più o meno lo stesso tempo di Kamsky per eseguire le prime dieci mosse Cg6 l’orologio conferma che l’americano ha impiegato 56 minuti mentre Topalov ha giocato una blitz da un minuto, si sarà allenato su Playchess!? 10.Dh5 c6 11.Ag5 un ottima mossa intermedia che costringe Topalov ad indebolire la posizione del cavallo in g6 f6 12.Tae1 probabilmente ai due GM era sfuggita 12.Ae3 cxb5 13.Axc5 l’azione della donna in h5 si propaga lungo tutta la quinta traversa! 12…Ce6 il bianco ha un chiaro compenso, sembra che debba perdere uno dei due alfieri, ma in realtà non è difficile trovare la mossa che tiene in gioco il bianco 13.Ad3 0–0 14.Ad2 d5 15.f4 acclamata in sala stampa come logica e incisiva, in realtà era meglio liquidare con 15. Ae3 d4 16. Axg6 considerato lo scarso tempo a disposizione sembra illogico giocare per vincere contro un avversario tatticamente più talentuoso Dc5+ 16.Rh1 d4 17.Af5 l’idea celata dietro alla mossa di re piuttosto che ricatturare il pedone per mezzo di 16. Ae3, ma dopo 17. … Cexf4 cosa aveva escogitato l’incauto gattone? Tf7 18.Ce4 Dd5 19.Axg6 Topalov ha un ora di vantaggio, il bianco poteva mantenere la pressione con Cg3, ma con poco più di 20 secondi per mossa non è facile trovare la replica più efficace, a questo punto in sala stampa qualcuno vedeva il match già concluso hxg6 20.Dxd5 cxd5 21.Cd6 minacciando il Ce6 dopo Cxc8 Tc7 interessantissima idea di Veselin che gioca come Rybka, il sacrificio di pezzo è favorevole per il nero! 22.c4 Kamsky non si rassegna e vuol mantenere l’iniziativa piuttosto che giocare 18 mosse tecniche in 2 minuti, ma in questo modo cala il sipario! dxc3 23.Axc3 d4 24.Ab4 Ad7 25.Tf2 a5 26.Aa3 b5 27.b3 b4 28.Ab2 Ta6 29.Ce4 Tac6 30.Rg1 Tc2 31.g3 d3 32.Td1 f5 le ultime 10 mosse sono state giocate praticamente con cadenza blitz, considerato che Kamsky perdeva il cavallo o l’alfiere ha scelto di abbandonare, ad ogni modo aveva consumato tutto il proprio tempo a disposizione! 0–1
E’ bufera per l’ex bimbo prodigio, dopo la buona impressione fornita nella prima partita, colui che dagli addetti ai lavori è considerato lo sfidante dello Sfidante è incappato nell’errore commesso da Kramnik nel recente match contro Anand:
– Consumare troppo tempo in apertura per mantenere l’iniziativa e confutare la novità dell’avversario. E poi si arrabbiano con Godena perché finisce troppo spesso in zeinot!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Prima partita del match di Sofia, Topalov Veselin Vs. Kamsky Gata

Posted by Arcobaleno su febbraio 17, 2009

Eroi di Sofia

Eroi di Sofia

Topalov,V (2796) – Kamsky,G (2725) [D86]
Campionato del Mondo di Scacchi, Sofia (1), 17.02.2009

1.d4 Cf6 2.c4 g6 3.Cc3 d5 Curiosamente la difesa Grunfeld torna a fare la sua apparizione in un match per il titolo mondiale, ma visto che Sutovsky è attualmente il secondo di Kamsky e che ne è l’esponente mondiale di riferimento, la scelta di giocarla al posto della sua favorita difesa Slava, non dovrebbre aver stupito Topalov 4.cxd5 Cxd5 5.e4 Cxc3 6.bxc3 Ag7 7.Ac4 c5 8.Ce2 Cc6 9.Ae3 0-0 10.0-0 questa è la linea principale, con la quale il bulgaro ha già ottenuto strabiglianti vittorie Ca5 Ag4 è una linea più complicata, ma nessuno ha più il coraggio di sperimentarla contro Topalov 11.Ad3 b6 12.Dd2 e5 la linea più comune era data dallo sviluppo dell’alfiere in b7, ma dopo 13. Ah6 e conseguente liquidazione dei pedoni al centro, il bianco mantiene l’iniziativa mentre il nero rimane vulnerabile sulla diagonale nera, le prossime mosse sono quindi una logica conseguenza dei piani di gioco fin qui adottati 13.Ah6 Ho notato che nel campionato russo del 2008 Van Vely giocò d5 contro Kamsky, ma non riuscì a salvare neanche mezzo punto! cxd4 14.Axg7 Rxg7 15.cxd4 exd4 16.f4 f6 17.e5 Questa è la vera novità di apertura escogitata da Topalov fino ad ora il bianco adottava il piano Cg3 e Tc1 con l’idea di far correre il pedone (h) Ad7 con l’idea di mettere in comunicazione le torri e minacciare la cattura del pedone in e5 18.exf6+ Dxf6 19.Cg3 Rh8 Kamsky ha adottato un buon setup difensivo, la spinta in f5 è stata neutralizzata e per Veselin non è semplice escogitare un piano che gli consenta di mantenere l’iniziativa 20.f5 gxf5 se il re fosse rimasto in g7 tale mossa sarebbe andata incontro a Ch5+ 21.Axf5 se Cxf5 dopo Tae8 22. Tac1 Cc6 il nero sarebbe riuscito comunque a coordinare i propri pezzi Axf5 22.Txf5 Dd6 23.Taf1 Cc6 siamo giunti in una posizione in cui è possibile fare una prima analisi della partita, dopo 16 mosse di teoria Topalov ha proposto una novità in apertura ed il buon piano difensivo scoperto da Kamsky lo ha costretto a sacrificare un pedone per poter mantenere l’iniziativa, ogni imprecisione da parte dei duellanti li può condurre in una posizione senza speranza 24.Ce4 De7 25.Dh6 Txf5 26.Txf5 la risposta di Kamsky è forzata, il gioco di Topalov è martellante Ce5 27.h3 Cg5 sarebbe incorsa in Cg4 mentre a Cf6 sarebbe seguita la replica della partita, probabilmente sarebbe ora di pensare ad una spartizione del punto mantenendo la posizione in equilibrio con 27.Dd2 d3 28.Dc3 Te8 29.Dd4 Dg7 30.Dd6, ma il bulgaro è famoso per riuscire ad infuocare anche l’Acqua Santa Cg6 difendendosi con sangue freddo senza restituire il pedone di vantaggio 28.Th5 Tg8 probabilmente a colori invertiti Topalov avrebbe provato Rg8, che offriva al nero l’opzione di giocare per il punto intero, ora ci si avvia verso il pareggio 29.Cf6 Tg7 30.Cxh7 Txh7 31.Dxg6 De3+ 32.Rf1 Dc1+ 33.Rf2 Dd2+ 34.Rg3 De3+ 35.Rh2 Df4+ 36.Rg1 Dc1+ ½-½

Per Kamsky che avrebbe dovuto essere travolto dal n°1 del ranking mondiale, può considerarsi un ottimo inizio di match!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | 1 Comment »

La peggior apertura di scacchi!

Posted by Arcobaleno su dicembre 30, 2008

The Oxford Companion to Chess

The Oxford Companion to Chess

La peggior apertura di scacchi è chiamata, gaelicofobicamente, il Gambetto Irlandese; è stata ritenuta degna di menzione nel bellissimo libro di Hooper e Whyld: The Oxford Companion to Chess.
1. e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Cxe5
All’inventore di questa apertura fu chiesto sul letto di morte, cosa diavolo lo avesse spinto a prendere il pedone:
– “Non avevo visto che era difeso”, rantolò.

Per quei giocatori che nella notte di Capodanno si cimenteranno con qualche bicchiere di spumante di troppo, può essere utile conoscere cosa successe a Chicago nel 1899:

Phillips,D – Pillsbury,Harry N [C44]

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Cxe5 Cxe5 4.d4 Cc6 5.d5 Cb8 6.Ad3 d6 7.0-0 Cd7 8.c4 Ae7 9.Cc3 Ce5 10.Ae2 f5 11.f4 Cf7 12.Ad3 fxe4 13.Cxe4 Af5 14.Rh1 Axe4 15.Axe4 Cf6 16.Af3 0-0 17.g4 Cd7 18.Ae3 b6 19.Ae4 Cc5 20.Ac2 a5 21.Tf3 Ch8 22.Th3 g6 23.g5 Dd7 24.Th4 Tf5 25.Dg4 Taf8 26.Dh3 Ad8 27.a3 T8f7 28.b4 Cb7 29.Ad2 De8 30.Te1 Te7 31.Txe7 Dxe7 32.Axf5 gxf5 33.Dxf5 Cg6 34.Th6 Cf8 35.Dd3 Df7 36.f5 Ae7 37.g6 hxg6 38.fxg6 Dg7 39.Df5 Cd8 40.Th3 Af6 41.Ah6 De7 42.Te3 Ae5 43.Ag5 De8 44.Axd8 Cxg6 45.Axc7 1-0

Posted in partite | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come sfruttare il vantaggio di sviluppo

Posted by Arcobaleno su dicembre 10, 2008

sacrificio di pedone

sacrificio di pedone

Nella seguente partita osserveremo due giocatori con un range da 2000 a 2100 punti elo, ad un giocatore esordiente la sua comprensione dovrebbbe essere più semplice rispetto ad una normale partita di GM.

Dopo 1.e4 d5 2.exd5 Cf6 3.c4 il nero può sacrificare efficacemente un pedone per mezzo di c6 4.dxc6 Cxc6 il bianco è in vantaggio di un pedone, ma soffre di ritardo di sviluppo, una malattia che se non presa in tempo conduce ad una lenta agonia 5.Cf3 e5 6.d3 e4 7.De2 Ag4 proseguendo a sviluppare i propri pezzi senza temere la perdita di un altro pedone poiché la sua cattura costerebbe al bianco un altro tempo 8.dxe4 Cd4 9.Dd3 Cxf3+ 10.gxf3 Dxd3 11.Axd3 Axf3 12.0–0 0–0–0 guadagnando un altro tempo. Il pedone in e4 sta per essere riconquistato 13.Ac2 Cxe4 14.Axe4 Axe4 i vantaggi del nero sono evidenti:

– Migliore struttura pedonale.

– Una maggiore sicurezza del re.

– Coppia degli alfieri.

15.Cc3 Af3 dopo Ad3 il nero guadagna un pedone gratis 16.Ae3 Td6 17.Tfc1 Tg6+ 18.Rf1 Tg2 19.Axa7 Txh2 20.Re1 Ab4 21.a3? Td8 ed il bianco si ritrova in una rete di matto L’attacco del nero ha avuto successo perché un insieme di elementi hanno giocato a suo favore:
– Iniziativa derivante dal vantaggio di sviluppo, controllo del centro e maggior attività dei pezzi nella zona della scacchiera dove è infervorata la battaglia.

Posted in partite | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Arte Naif negli scacchi

Posted by Arcobaleno su novembre 13, 2008

Naif

Naif

Williams,Verity (951) – Williams,Veronica (152) [A00]
AUS-ch U18 Girls Canberra (10), 25.01.2007
1.h3 h6 2.g4 g5 3.f3 f6 4.e4 e5 5.d3 d6 6.c4 c5 7.b3 b6 8.a4 a5 9.Th2 Th7 10.Ce2 Ce7 11.Ag2 Ag7 12.Rf2 Rf7 13.Cd2 Cd7 14.Dc2 Dc7 15.Ab2 Ab7 16.Ta2 Ta7 ½–½

Artisti si nasce, queste due giovani scacchiste dimostrano di possedere una predisposizione per l’arte scacchistica, schematicamente innalzano i pedoni, muri invalicabili per gli alfieri, acquisiscono spazio per spostare armoniosamente i pezzi in seconda traversa. Verity possiede lo stile di una pittrice Naif, mentre Veronica si esalta nel dipingere la propria copia d’autore!

Scacchisticamente non so fino a che punto posso definirmi un autodidatta, dato che sfrutto i consigli dei maestri, che siano essi dallo stile classico od ipermoderni; con il bianco non riesco ad essere aggressivo, detesto le posizioni piatte, preferisco un alterazione del materiale dove posso sfruttare l’iniziativa, anche se come diceva quel tale:

– “Il pedone è mio e me lo tengo!”

– “Sono capaci tutti a sacrificare con i pezzi dell’avversario!”

Nella provincia di Rimini lo scacchista che può fregiarsi dell’etichetta di Naif è sicuramente Nardi Maurizio, la sua 1. c3 incute timore psicologico, con il nero ottenere una posizione pari già alla prima mossa destabilizza la mente di chi lo affronta ed in più di un occasione ho visto scaturire posizioni in cui veniva esaltato il talento dei giocatori, nell’applicare i principi classici in modo originale.

Posted in partite | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rimini-San Marino allenamento per le Olimpiadi di scacchi a Dresda 2008

Posted by Arcobaleno su novembre 3, 2008

Rimini-San Marino

Rimini-San Marino

Tra i vari modi di trascorrere la notte di Halloween, ho scelto di rispondere alla convocazione del mio ex capitano Mario Voltolini, che per l’occasione ha organizzato una sfida con la squadra di San Marino.
Alle ore 21 nella sala riunioni del D.L.F. di Rimini abbiamo scambiato i rituali convenevoli, fissando le lancette dell’orologio sulle ore 6, stabilendo che alle ore 8 sarebbe caduta la bandierina!

Le due squadre:

San Marino
1° scacchiera Ezio Righi
2° scacchiera Danilo Volpinari
3° scacchiera Enrico Grassi
4° scacchiera Roberto Cecchetti

Rimini:

1° scacchiera Maurizio Brancaleoni
2° scachiera Mario Voltolini
3° scacchiera Massimiliano Ferri
4° scacchiera Roberto Da Forno

Per i sammarinesi è stata una sfida in preparazione delle prossime Olimpiadi di scacchi che si svolgeranno a Dresda dal 12 al 25 novembre 2008, come capitano hanno scelto Mario Voltolini che in questo allenamento ha concesso il colore in tutte e 4 le scacchiere ai nostri sfidanti.

Daf ci ha spianato la strada verso il successo, respingendo l’artificioso piano di Cecchetti che ha usato le torri sulle colonne (h) ed (a) senza aver prima spinto i rispettivi pedoni! Branca ha conquistato uno pedone sorprendendo Ezio in apertura, ha poi consolidato il vantaggio con il gioco tecnico che predilige, sopra di due punti ho scelto di forzare il pareggio senza rischi e Mario in zeinot pur con un pedone di vantaggio ha saggiamente pattato il complesso finale di donne.

Enrico Grassi – Massimiliano Ferri

1.e4 e6 non chiedevo di meglio che giocare la mia prediletta Difesa Francese 2.d4 d5 3.exd5 exd5 non mi aspettavo la variante di cambio, ma ne sto giocando una quantita notevole nel gioco per corrispondenza quindi ero a mio agio 4.Ad3 Ad6 5.Ce2 Ce7 6.0–0 0–0 7.Af4 Af5 mi aspettavo la spinta del pedone (c) ma alla fine è solo un inversione di mosse, il controllo della colonna (e) è molto importante nella variante di cambio della Difesa Francese 8.Te1 Te8 9.c3 c6 10.Ca3 mi aspettavo la più classica Dc2 o Dd2, ho pensato poco agli sviluppi che sarebbero seguiti alla cattura del cavallo, non volevo cedere la coppia degli alfieri, ma dopo il cambio dell’alfiere di casa chiara, il bianco sarebbe rimasto con pedoni doppiati e lo svantaggio di avere alfiere e cavallo contro la coppia dei cavalli del nero, la colonna aperta (b) sarebbe stato il suo unico compenso Axf4 11.Cxf4 Cd7? non ero concentrato, fuori allenamento e troppo sicuro che la posizione fosse pari 12.Txe7 la combinazione mi era nota, Dxe7 13.Axf5 Cf8 la battaglia proseguirà sul lato di re, quindi questo cavallo mi servirà in quella zona della scacchiera 14.Cd3 mi aspettavo Cc2 Dg5 15.Df3 Dg4 era più forzante Te7 16.Cc2 Tae8 17.Ce3 per inversione di mosse il bianco è riuscito a raggruppare i propri pezzi,  g6 18.Ah3 f5 pensavo anche ad una difesa passiva con la spinta in f6, ma ho voluto istigare il bianco a giocare la continuazione della partita 19.Dg3 Dxg3 non si può ritirare la donna, perchè il pedone g6 è inchiodato sul re e quindi il pedone f5 indifeso 20.hxg3 il pedone doppiato crea qualche difficoltà al bianco nel concretizzare il proprio vantaggio Ce6 avevo preventivato la corretta h5 per impedire g4, ma ho cambiato idea cercando l’attività dei pezzi, con l’idea di replicare f4 alla spinta del pedone (g) 21.Te1 giusta ora sono proprio in difficoltà! Cg5 22.Ce5 g4 era fortissima Ce4 meglio Cf7!  23.Cf1 in analisi Enrico mi ha confidato di aver scartato g4 perchè il nero poteva formare la catena di pedoni f4 e g5 Cd6 24.b3 troppo passiva, mi permette di attivare tutti i miei pezzi, nelle fasi di gioco che seguiranno l’alfiere bianco non partecipa all’azione, ho virtualmente una qualità di vantaggio! Cb5 25.Tc1 c5 26.Cf3 cxd4 27.cxd4 Te4! nel giocare b3 non so se sia questa la mossa sfuggita al mio avversario… 28.C1d2 Te2 29.Tc5 Cxd4 … o questa! 30.Txd5 Cxf3+ 31.gxf3 Te1+ 32.Af1 a questo punto pensavo di aver convertito una posizione di grande svantaggio in vittoria Td1 33.Rg2 e qui nessuno dei due si è reso conto che dopo Ce4 il doppio in f6 avrebbe permesso al bianco di conservare un margine di vantaggio! Tee1 34.Td8+ Rg7 35.Td7+ Rh6 36.Txb7 Txd2 37.Ac4 questo è un momento chiave dell’incontro, g5 completa la rete di matto, ma pensavo di prendere matto prima io dopo 38. Txa7 Tdd1 39. Ta6+ Rh5 40. Af7# quello di cui non mi ero reso conto è che dopo 39. … Rg7 40. Ta7+ fallisce dopo Rf6 41. Tf7+ Rg6! la casa in cui non vi è più il pedone in g6!! f4 38.Txa7 Tdd1 39.Rh3 Rg5 1/2-1/2 il capitano mi ha concesso di proporre patta, che è stata accettata dato che per il bianco la miglior continuazione consiste nel dare il perpetuo di torre sulle case a6 e a7!

Posted in partite | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Anand Viswanathan non sfrutta il match ball

Posted by Arcobaleno su ottobre 29, 2008

Vladimir Kramnik WCC 2008

Vladimir Kramnik WCC 2008

Anand,Viswanathan 2783
Kramnik,Vladimir 2772
WCC Bonn (9) 26.10.2008

1.d4 d5 2.c4 e6 3.Cf3 Cf6 4.Cc3 c6 5.Ag5 h6 6.Ah4 dxc4 7.e4 g5 8.Ag3 b5 9.Ae2 Ab7 Anand e Kramnik hanno giocato questa posizione tra loro con entrambi i colori, ora le linee diventano molto complesse perchè sono possibili varie trasposizioni tra una linea e l’altra. 10.Dc2 una sorpresa e certamente non la più popolare [ 10.e5 era una continuazione fuori moda Ch5 11.a4 a6 12.Cxg5 Cxg3 13.Cxf7 Rxf7 14.fxg3 Tg8 e non è chiaro come giudicare questa posizione Kramnik-Anand, Belgrade 1997 ] 10 … Cbd7 In conferenza stampa Kramnik ha detto che questa volta ha cercato di evitare di finire in zeinot come in occasione delle prime due sconfitte 11. Td1 Ab4 questa è una nuova mossa, ma non conduce a nuove posizioni 12. Ce5 che era già stata giocata da Anand De7 la mossa giocata da Kramnik invece è una novità assoluta, raccomandata dal Grane Maestro tedesco Lutz 13. 0-0 dopo la partita Kramnik ha suggerito Cxd7 come possibile miglioramento 13. … Cxe5 14. Axe5 0-0 la posizione è già buona per il nero, il bianco non riesce ad imbastire un attacco sul lato di re, ad esempio dopo 15. f4 Cbd7 la posizione diventa meritevole di indagini accurate 15.Axf6 Dxf6 16.f4 Dg7 17 e5 questo è un momento critico dato che Anand è pronto a far convergere i propri pezzi sul lato di re e Kramnik deve trovare un valido controgioco c5! Una continuazione molto energica, il nero cede un pedone in cambio di iniziativa 18.Cxb5 cxd4 19.Dxc4 [un alternativa era 19.Af3 ma dopo Axf3 20.Txf3 Tac8 21.Cxd4 Tfd8 la posizione sembra buona per il nero ] 19. … a5! Un altra buona mossa da parte dello sfidante, l’iniziativa è saldamente nelle sue mani 20. Rh1 Tac8 21. Dxd4 gxf4
una mossa molto criticata in sala stampa, ma senza un reale buon motivo [ 21…Tc2 22.Af3 Axf3 23.Txf3 gxf4 24.Tg1 ed il bianco tiene ]
[ 21…Ac5!? Questa è la mossa che si aspettavano tutti; in conferenza stampa Kramnik ha detto che l’ha calcolata, ma a fronte della miglior difesa non ha trovato come proseguire 22.Da4 gxf4 23.Af3 Axf3 24.Txf3
A) 24…Ae3 25.Cd6! (dopo 25.g3 Dg4 le combinazioni sono favorevoli al nero ) 25…Dxe5 ( 25…Tb8 26.Cc4 Rh8 27.Dc2 con gioco complesso ) 26.Cxc8 Txc8 con compenso, ma nulla di più!
B) 24…Dxe5 25.Dxf4 Dxf4 26.Txf4 Tfd8 ed il finale di torri è molto semplice per il nero] 22.Af3 Aa6 23.a4 Tc5 24.Dxf4 Txe5 25.b3?! Axb5 26.axb5 Txb5 27.Ae4 Ac3 28.Ac2 Ae5 29.Df2 Ab8 30.Df3 Tc5 il nero ha raggruppato bene i propri pezzi ed ora collaborano con armonia, ma non è chiaro come scalfire la miglior difesa del bianco 31.Ad3 Tc3 32.g3 Rh8 Creando la minaccia Txb3 33.Db7 cerca attività, ma allo stesso tempo fa sorgere nuovi problemi alla propria posizione f5 33. … Ac7! era molto forte! 34.Db6 [ 34.Axg7+ Rxg7 35.Ac4 Rf6 conduce ad un finale migliore per il nero ] De5? Permettendo ad Anand di salvare la partita, era meglio giocare Ae5! 35. Db7? in zeinot al Campione del Mondo di scacchi in carica sfugge 35.Axf5! exf5 36.Dxh6+ ( 36.Tfe1!? Ag7 37.Te6 potrebbe essere più forte )
36…Rg8 37.Dg5+ ( 37.Dg6+ Dg7 38.De6+ Df7 39.Dxf7+ Txf7 40.Td8+ Tf8 41.Txf8+ Rxf8 42.Txf5+ ) 37…Dg7 38.Txf5 ] 35. … Dc7? una scelta scarsissima, memore delle difficoltà tattiche di cui a sofferto in questo match, appena si è accorto che la spinta del pedone in f4 subiva il matta in h7, Kramnik sceglie di semplificare e giocarsi il finale, ma ha perso la possibilità di vincere per mezzo di 35. … Tg8! ed anche Ac7 dava al nero un vantaggio 36.Dxc7 Axc7 37.Ac4 Te8?! perdendo l’ultima chance di complicare con a4 38.Td7 a4 tardi 39. Txc7 Ta1 pareggiava subito axb3 40. Tf2?! Vishy ha visto l’idea Td1-d7 con il perpetuo sulla settima traversa, ma con un minuto sull’orologio ha scelto una mossa più tranquilla Tb8 41.Tb2 h5 42.Rg2 h4 43.Tc6 Rf2? Ta8 era il trucco a cui mirava Kramnik hxg3 44.hxg3 Tg8 45.Txe6 Txc4 1/2 – 1/2 ed

Ora Anand conduce 6-3 Kramnik è obbligato a vincere le restanti partite se vuole andare al tie-break!

Posted in partite | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Kramnik – Anand, novità nella difesa Ovest-Indiana

Posted by Arcobaleno su ottobre 27, 2008

Peer Steinbrück

Peer Steinbrück

Per la prima volta durante questo Campionato del Mondo di scacchi Kramnik ha conseguito un piccolo vantaggio dall’apertura, ma neanche questa volta è riuscito a vincere ed a quattro gare dalla fine il match è virtualmente chiuso, ad Anand basteranno due pareggi per conservare il titolo di Campione del Mondo di Scacchi.
1. d4 Cf6 la battaglia teorica sulla difesa slava è stata vinta da Anand che ora sceglie di sfidare Kramnik su un altro terreno 2. c4 e6 3. Cf3 Kramnik accantona l’idea di giocare una partita Catalana, vorrebbe entrare in una di quelle lunghe linee dell’Ovest-Indiana dove dovrebbe avere una migliore preparazione rispetto ad Anand d5 con l’opzione di rientrare nella difesa che in questo match ha già fruttato al Campione due vittorie. 4. Cc3 dxc4 deviando dalle partite n°3 e n°5 ora si potrebbe complicare con 7.e5, 5. e4 Ab4 6. Ag5 c5ma Kramnik segue la linea principale 7. Axc4 cxd4 8. Cxd4 Da5 in passato Anand aveva optato 2 volte per 8. … Ad7 9. 0-0 Cc6 10. Tc1 0-0 [10. … h6 11. Af4 0-0 12. e5 Db8 13. Ag3 Cxe5 14. Te1 Ad6 15. Cdb5 Cxc4 16. Cxd6 Cxd6 17. Axd6 con vantaggio del bianco Kramnik-Anand, Dos Hermanas 1997] 11. Cb3 Ce5 12. Ae2 Ac6 13. f3 Db8 14. a3 ½ Kramnik-Anand, Linares 1997 ed una volta per 8. … Axc3+ 9. bxc3 Da5 10. Ab5+ Ad7 11. Axf6 gxf6 12. Axd7 Cxd7 13. 0-0 a6 14. Tb1 Dc7 15. Dg4 h5 16. Dh3 Re7 17. f4 h4 18. Df3 Tac8 19. e5 Dxc3 20. exf6+ Rxf6 21. Dxc3 Txc3 ½ Kramnik-Anand, Dortmund 2003. 9. Ab5+ Affrontando questa posizione per la seconda volta nella sua carriera, il russo opta per questo popolare scacco, in passato aveva scelto 9. Ad2 Dc5 10. Ab5+ Ad7 11. Cb3 De7 12. Ad3 Cc6 13. 0-0 0-0 14 a3 Ad6 15. Ag5 h6 16. Ah4 Af4 17. Ce2 con un leggero vantaggio per il bianco in Kramnik-Lautier, Monte Carlo 1998 9. … Ad7 10. Axf6 Axb5 questa è una novità che vale la pena segnalare dato che si è verificata in una precoce fase di una posizione in cui si segnalano migliaia di partite giocate. 10. … – Axc3+ 11. bxc3 gxf6 sarebbe stata una transposizione della partita che si è giocata tra questi due Grandiosi Maestri a Dortmund cinque anni or sono. 11. Cdxb5 la più logica, si poteva giocare anche 11. Cb3 ma certamente Anand sarebbe stato ben preparato. 11. … gxf6 12. 0-0 una posizione molto simile a questa, con il cavalli in b5 e d4 invece che b5 e c3 era stata raggiunta poche volte ad alto livello. 12. … – Cc6 in conferenza stampa Kramnik ammise che il suo giudizio su questa posizione è di parità, quindi questa volta la novità del suo avversario non ha avuto esiti drammatici per la partita. 13. a3 Axc3 14. Cxc3 Tg8 Kramnik considera questa mossa poco accurata, concedendogli un piccolo vantaggio. Si aspettava 14. …Td8 con parità. 15. f4 Td8 15. … Db6+ 16. Tf2 Td8 17. De1 era solo una trasposizione alla partita. 16. De1 Db6+ 17. Tf2 ora a Cd4 Kramnik dovrebbe rispondere Rh1, dato che a Df2?? Segue Td2! Con vantaggio decisivo per il nero. 17. … Td3 una mossa che non si aspettava nessuno! 18. De2 Dd4 19. Te1 era possibile anche 19. Cb5 ma non prometteva al bianco niente di speciale a6 questo è un momento chiave, si può provare un sacrificio di cavallo in d5, come analizzato da qualche giocatore in sala stampa. 20. Rh1 20. Cd5!? Il bianco sta minacciando Cxf6+ quindi non vi è niente di meglio che exd5 21. exd5+ riguadagnando il cavallo, ma dove deve andare il re nero?! Rf8 22. dxc6 bxc6 ed il re nero è al sicuro, ma rimane con un orribile struttura pedonale; comunque ci sono alcune linee aperte sulle quali i pezzi pesanti possono far valere tutta la loro forza. 20. … Rf8 chiudendo la porta per sempre al salto di cavallo in d5 21. Tef1 Tg6! Dopo la partita lo sfidane ha elogiato la capacità difensiva di Anand 22. g3 Rg7 ora sembra che Kramnik sia pronto per partire all’assalto del re nero, ma cambia piano giocando 23. Td1!? una mossa molto interessante come vedremo presto Txd1 24 Cxd1 il punto di questo cambio è che la torre nera in g6 è lontana dal difendere le linee centrali, quindi il bianco può usare i suoi tempi per controllare un maggior numero di case chiave Rh8 aprendo la strada alla torre 25. Cc3 il cavallo deve giustamente tornare nella sua casa naturale, ma questa fretta concede ad Anand di tornare sulla colonna D con la propria torre era più interessante 25. Tf3 Tg8 26. Td3 Dc4 27. b3 Dc5 28. Db2 Rg7 29. Ce3 Td8 30. Txd8 Cxd8 31. Cg4 De7 dove anche se il bianco non ha nulla di concreto, il nero non può ancora pensare di aver pareggiato 25. … Tg8 ora il bianco è forzato a giocare tutte le sue carte sul lato di re 26. Rg2 Td8 27. Dh5 per la prima volta durante la partita il bianco minaccia qualcosa! Rg7 ora segue una ripetizione di mosse per guadagnare tempo in funzione del raggiungimento della quarantesima mossa. 28. Dg4+ Rh8 29. Dh5 Rg7 30. Dg4+ Rh8 31. Dh4 Rg7 32. e5 32. f5 De5 non era preoccupante per il nero 32. … f5! Dopo questa mossa il bianco non ha nulla più che qualche scacco. 33. Df6+ Rg8 34. Dg5+ se h4 De3!  Rh8 35. Df6+ Rg8 36. Te2 il russo evita la ripetizione, ma l’indiano non ha nulla da temere. Dc4! 37. Dg5+ se 37. Rh3 Td3! 37. … Rh8 38. Df6+ Rg8 39. Dg5+ Rh8 e qui è stato concordato il pareggio. In conferenza stampa Kramnik ha risposto a un po’ di domande, sul perché non abbia continuato a giocare: – Non viera nessuna via per continuare a giocare! Ad esempio: 39. … Rh8 40. Rh3 Td3! Minacciando 41. Txc3 41 Tg2 il bianco vuole spingere in g4 e forse marciare con il re verso h6 Dd4! La regina è pronta a tornare in d8 neutralizzando tutte le minaccie, per esempio 42. Rh4? Td2!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , | 1 Comment »

GM Amador Rodriguez analizza il WCC 2008

Posted by Arcobaleno su ottobre 26, 2008

Kramnik stratega

Kramnik stratega

La settima partita del Campionato del Mondo di scacchi 2008 che si sta disputando a Bonn era interessante dal punto di vista psicologico, quale strategia avrebbe adottato Kramnik?! Si sarebbe giocato il tutto per tutto puntando su una apertura dalla bassa reputazione come la Benoni, come nel recente match di Brissago giocato contro Leko o avrebbe puntato al pareggio, sperando di giocarsi le restanti chance di vittoria nelle tre partite con il bianco?!

1.d4 d5 2.c4 c6 3.Cf3 Cf6 4.Cc3 dxc4 Kramnik ha scelto di giocare una solida linea della Difesa Slava che conosce molto bene 5.a4 Af5 6.e3 e6 7.Axc4 Ab4 8.0–0 Cbd7 9.De2 Ag6 10.e4 0–0 11.Ad3 Ah5 12.e5 Cd5 13.Cxd5 cxd5 14.De3 Anand dimostra di essere ben preparato Te8 Kramnik devia dal match di Elista dove contro Topalov giocò 14…Ag6
15.Cg5 Te8 16.f4 Axd3 17.Dxd3 f5 18.Ae3 Cf8 19.Rh1 Tc8 20.g4 con un gioco a doppio taglio
è anche interessante osservare che Kramnik si è trovato a dover fronteggiare questa posizione con il bianco 14…h6 15.Ce1 Axe1 16.Te1 Ag6 17.Ae2 Tc8 18.Ad2 Cb8 19.a5 De7 20.Tec1 Dd7 21.Ab4 Txc1 22.Txc1 Tc8 23.Ad6 Txc1 24.Dxc1 Cc6 25.Dc5 a6 26.b4 ½-½ Kramnik-Bareev, Bugojno 1999 15.Ce1 Ag6 16.Axg6 hxg6 17.Cd3 Db6 Questa novità non ha preso Anand di sorpresa, in breve condurrà il gioco in un finale continuando a mettere pressione sullo sfidante 18.Cxb4 Dxb4 19.b3 Tac8 20.Aa3 In conferenza stampa Kramnik ha detto che si aspettava Ad2 qualora Anand avesse voluto giocare per vincere, con l’idea di attaccare sul lato di re, mentre la mossa giocata in partita la considerava valida per pareggiare Dc3 21.Tac1 Dxe3 Qui Kramnik ha proposto il pareggio, Anand ha pensato 10 mintui per giocare.. 22.fxe3 f6 il nero è più o meno forzato a reagire in questo modo, ma il bianco mantiene comunque una certa pressione 23.Ad6 nell’orizzonte del bianco ci sono due possibilità: 1) giocare l’alfiere in c7 e raddoppiare le torri sulla colonna C 2) spingere i pedoni sul lato di donna g5 24.h3 questa mossa è logica, ma è anche lenta, ora i commentatori durante la gara propendevano per il pareggio, invece il GM Bareev nutriva seri dubbi sulla posizione del nero Rf7 25.Rf2 Rg6 26.Re2 fxe5 27.dxe5 b6 qui era interessante giocare a5 per impedire la prossima mossa di Anand 28.b4 Tc4 29.Txc4 dxc4 30.Tc1 molto interessante sarebbe stato Rd2 bloccando il pedone con il re, il finale di re e alfiere contro re e cavallo non è pari come sembra Tc8 31.g4 a questo punto in sala stampa si cominciava a mormorare circa un altra sconfitta dello sfidante, il bianco ha un piano di gioco molto semplice, giocare e4 e trasferire il re in d4, ma Kramnik ha mostrato come ci si salva in questa posizione! a5! 32.b5 c3! 33.Tc233.Rd3 Cc5 34.Axc5 Txc5
era una continuazione simile a quella della partita Rf7 34.Rd3 Cc5+ forzando il pareggio, molti commentatori si aspettavano 34…Rg6? 35.Txc3 Txc3 36.Rxc3, ma i GM presenti consideravano dubbio il pareggio in questa linea, dato che il re può andare a sostenere la spinta del pedone in h4 e si può sacrificare l’alfiere con il piano Ac7xb6, comunque il bianco ha molte vie per vincere, il concetto è che basta spingere il pedone in e4 e portare l’alfiere via c1 nella casa chiave e3, da qui tiene legato il cavallo alla difesa del pedone b6 ed il re alla difesa del pedone g5, Rh6 non è possibile dato che h3-h4 lo metterebbe in zugzwang!  35.Axc5 Txc5 36.Txc3 Txc3 Il bianco ha un pedone di vantaggio, ma il re bianco non riesce ne a penetrare in territorio nemico ne ad attaccare i pedoni avversari!

Posted in partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , | Leave a Comment »

Vladimir Kramnik – Anand Viswanathan WCC Bonn 2008

Posted by Arcobaleno su ottobre 21, 2008

Kramnik - Anand WCC Bonn 2008

Kramnik - Anand WCC Bonn 2008

Ieri sera alla Caffetteria Mazzini parlando con il MF Maurizio Brancaleoni ho esposto le mie perplessità sulla condotta di gara di Kramnik:
– E’ riuscito a perdere due partite con il bianco cercando di complicare il gioco ed in entrambe ritrovandosi a corto di tempo ha finito con il commettere errori tattici.
Il Branca mi ha fatto notare che la preparazione teorica di Anand è superiore, che il russo gioca teoria fino alla quindicesima mossa, ma non ha introdotto ancora nulla di nuovo.
– Dal mio punto di vista Kramnik è superiore nel gioco puramente tecnico, che dovrebbe sfruttare la sua miglior capacità di giocare i finali con i pezzi leggeri, quindi deve muovere più velocemente per far si che sia l’indiano a finire in zeitnot, cercando di superarlo dal punto di vista agonistico oltre la quarta ora di gioco, ma è chiaro che se lo sfidante non è a posto fisicamente, dopo questa sconfitta il match lo si può considerare già finito!
A questo punto il campione riccionese ha insinuato il dubbio che Kramnik si stia preparando per un altro evento, che stia perfezionando il proprio stile di gioco grazie a questa esperienza contro il Campione del Mondo di scacchi in carica!
Questa riflessione mi lascia perplesso, Garry Kasparov è diventato Campione del Mondo perchè in corsa ha saputo adattare il proprio stile di gioco a quello di Anatoly Karpov, ma considerato che chi vince questo match andrà ad affrontare il vincente tra Gata Kamsky e Veselin Topalov, non è escluso che in futuro vi sarà un nuovo incontro per il titolo di Campione del Mondo di scacchi fra gli attuali duellanti, che Kramnik stia studiando l’avversario usando la tattica di Michail Botvinnik? Ma… tuttosommato ne dubito, comunque andiamo ad analizzare un’altra diabolica variante di Merano!

1.d4 d5 2.c4 c6 3.Cf3 Cf6 4.Cc3 e6 5.e3 Cbd7 6.Ad3 dxc4 7.Axc4 b5 8.Ad3 a6 9.e4 c5 10.e5 cxd4 11.Cxb5 axb5 12.exf6 gxf6 13.0-0 Db6 14.De2 Ab7 15.Axb5, fin qui abbiamo visto le stesse mosse della terza partita, Anand astutamente sceglie di non sfidare la preparazione casalinga di Kramnik e si impossessa immediatamente della colonna aperta Tg8 16. Af4 una risposta immediata e naturale, quindi Kramnik era praparato a questa novità, in g3 l’alfiere difenderà l’arrocco Ad6! è probabile che questa mossa sia sfuggita al team di Kramnik, dato che per giocare la 17. Ag3 ha impiegato 15 minuti! Non è facile capire quale sia la continuazione migliore, ma lo sfidante sembra abbia scelto la più rischiosa dopo 17.Axd6 Dxd6 18.Tfd1 il nero ha numerose opzioni ed il gioco rimane incerto ad esempio e5 19.Txd4!?
Dxd4! 20.Cxd4 Ag2 21.Axd7+ Rxd7 22.Dd2 Ah3+ 23.Rh1 Ag2 con patta per ripetizione di mosse f5! Una buona mossa che pone al bianco un sacco di problemi pratici, sarebbe stata più debole Axg3, dopo 18. hxg3 il re bianco è più sicuro ed il piano con Re7 fallisce per via di 19. Cxd4! che sfrutta l’inchiodatura del Cd7 18.Tfc1 probabilmente è una buona mossa, prende il controllo della lina c e della importante casa c5, ma 40 minuti per giocarla sono eccessivi! f4 questa semplice mossa mostra la profonda comprensione della posizione da parte di Anand, che trova il modo di giocare semplicemente, che molte volte negli scacchi è la cosa più difficile da fare! 19. Ah4 Ae7 cercando di liberare la casa e7 per il proprio re! 20. a4! un idea già vista nella terza partita del match Axh4 21. Cxh4 Re7 Kramnik è nuovamente di fronte ad una difficile scelta, ha un sacco di piani, ma non sa quale scegliere 22. Ta3, lo stesso piano dubbio visto in precedenza, si poteva giocare anche peggio, ad esempio 22. f3?! l’attacco del nero è fermato ma il cavallo bianco rimarrà fuori gioco per parecchio tempo dopo 22.g3?! fxg3 23.hxg3 Tg5 il nero sta bene, in conferenza stampa è stata proposta 22.b4?! ma Kramnik ha dato una buona risposta Txg2! 23.Cg2 Tg8 24.f3 d3 25.Df2 Axf3
26.Dxb6 Txg2 27.Rf1 Cxb6 28.Axd3 Cd5 ed il nero ha un ottimo compenso e migliori chance di vittoria; forse si poteva giocare 22. Rf1 una mossa comunque utile in attesa di decidere il piano in base alle scelte del nero Tac8 perfettamente logica 23.Txc8 Tc8 24. Ta1 Dc5! giocata velocemente, Kramnik è sotto pressione ed ha solo 25 minuti di tempo per raggiungere la mossa 40 25.Dg4 De5 26.Cf3 Df6 27.Te1 dopo questa mossa il bianco si ritrova con qualche problema, ma è difficile proporre dei miglioramenti con Td1!? si poteva provare a semplificare ad esempio Ce5 28.Cxe5 Dxe5 29.Dh4+ Df6 ed il bianco può provare 30. Dh7!? il nero ha compenso ma è difficile trovare più di una patta Dg5 31.Af1 Dg4 32.Te1 Ag2 33.Axg2 Tg8 34.Te6 Rxe6 35.De4 ed il bianco trova il perpetuo 27…Tc5! 28.b4 Tc3! In conferenza stampa Kramnik ha detto che si aspettava28…Ce5 29.Cxe5 Txe5 30.Txe5 Dxe5 31.Dh4+ Rf8 32.Af1 e giustamente credeva di essere in vantaggio 29. Cxd4 ciecato… forse era stanco, sicuramente sotto pressione con soli 15 minuti sull’orologio 29…Dxd4 30.Td1 Cf6 31.Txd4 Cxg4 32.Txd7+ Rf6 33.Txb7 Tc1+ 34.Af1 sembrava tutto a posto Ce3!! Buongiorno!!
35.fxe3 fxe3 ed il pedone non può essere fermato!

Posted in notizie, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , | 1 Comment »

La caccia al re!

Posted by Arcobaleno su ottobre 20, 2008

Corona Reale

Corona Reale

Ai miei alunni sono solito ripetere:

– Chi da scacco senza scopo, se ne pente prima o dopo!

In questo esempio lo scacco al re non viene dato a caso, già fin dalle prime mosse di apertura il nero si lancia in una caccia al re senza esclusione di colpi!

1.e4 e5 2.Cc3 Una romantica partita viennese Ac5 uno sviluppo alla brasiliana, che prevede un precoce attacco al punto più debole della scacchiera 3.Ca4 muovere due volte lo stesso pezzo in apertura per di più portandolo su una casa laterale non aiuta lo sviluppo Axf2+ un assalto alla baionetta giustificato dalla brutta posizione del cavallo bianco 4.Rxf2 praticamente obbligata Dh4+ il classico scacco di donna che dopo g3 prevede la cattura in e4 con cattura della torre o del cavallo in a4 5.Re3 Steinitz sosteneva che il re era capace di difendersi da solo Df4+ era da prendere in considerazione anche Cf6 6.Rd3 ora che il re ha comprato la bicicletta deve pedalare! d5 sfruttando l’inchiodatura del pedone sul cavallo 7.Rc3 Cc3 avrebbe permesso dxe4 e non si può giocare 8. Cxe4 per via di Af5, dove 9.De2 o 9.Df3 falliscono per via di Axe4+ e successiva cattura dell’alfiere indifeso in f1 Dxe4 2 pedoni per il pezzo ed i pezzi orrendamente piazzati del bianco sono un compenso sufficiente 8.Rb3 alcuni esordienti tendono a muovere il re troppo spesso, qui era interessante provare a svilupparsi con la spinta del pedone in d4 Ca6 minacciando matto in b4 e… 9.a3 dopo questa debole mossa di pedone Dxa4+ un dono greco che non si può rifiutare 10.Rxa4 le mosse del bianco sono per la maggior parte obbligate Cc5+ il nero è in vantaggio di sviluppo, ma il vantaggio materiale del bianco è considerevole, bisogna restituire un pò di materiale 11.Rb4?! era interessante Rb5! 11…Ce7 12.c4 d4 13.Rxc5 a5 14.Da4+ Rd8 15.Dxa5 Txa5+ 16.Rb4 Cc6+ 17.Rb3 ed il re svicola anche se il ritardo di sviluppo è ancora sensibile! a5+ il re viene bersagliato da ogni lato della scacchiera 12.Rxc5 se 12.Rc3 d4+ 13.Rc4 b6 14.Df3 Ae6+ 15.Dd5 Axd5+ 16.Rxd5 Cf6+ ed il re bianco viene assalito dalla cavalleria Ce7 finalmente una mossa tranquilla! Ma il destino del bianco è oramai segnato, può imboccare solamente due strade! 13.Ab5+ scegliendo quella giusta, tutte le altre mosse conducevano alla sconfitta! Rd8 bisogna difendere il pedone c7! 14.Ac6 unica! b6+ una facile ma fondamentale mossa intermedia 15.Rb5 obbligata Cxc6 bisogna evitare Cd4+ ma c3 prende matto dopo Ad7! 16.Rxc6 alcuni esordienti mi dicono: un pedone in apertura… cosa vuoi che sia… ho ancora tanti pezzi! Ab7+ partite come questa forniscono loro un eccessivo ottimismo! 17.Rb5 dopo Rxb7 il nero mattava con Rd7! 18. Dg4+ Rd6 e gli scacchi utili sono finiti! dopo 19. De6+ fxe6 segue il matto con Tfb8! Aa6+ non si scappa! 18.Rc6 obbligata! Ra4 perde dopo Ac4 e b5# Ab7+ condannando il bianco allo scacco perpetuo!

Posted in curiosità, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Anand Viswanathan – Vladimir Kramnik Bonn 2008

Posted by Arcobaleno su ottobre 19, 2008

Anand Vs. Kramnik

Anand Vs. Kramnik

Dopo i fuochi di artificio visti nella terza partita qualcuno pensava che la partita odierna sarebbe stata noiosa, ma anche in una breve partita come questa si colgono spunti interessanti, nel gioco tecnico Kramnik se la cava meglio di Anand, ma sembra difficile scalfire la difesa dell’indiano che nel gioco tattico sembra più efficiente e quando si sbilancia il gioco riesce a colpire in contropiede.

1. d4 Cf6 2. c4 e6 3. Cf3 Anand è il primo a deviare rispetto alla seconda partita, probabilmente ha in mente una novità che si riserva di giocare qualora lo score del match lo richieda, trovandosi in vantaggio preferisce giocare una apertura più tranquilla d5 Kramnik che è incline a seguire le regole d’oro della scuola russa, dopo una sconfitta sceglie di giocare una tranquilla partita ortodossa del gambetto di donna rifiutato per recuperare dal punto di vista psicologico 4. Cc3 Ae7 5. Af4 più alla moda della ben conosciuta 5. Ag5 O-O 6. e3
Cbd7
c5 è stata la linea principale per molti anni, Kramnik ci perse con Leko a Brissago, mentre i protagonisti di questo mondiale si erano già incontrati a Leon, nel 2002 e dopo 7.dxc5 Ac5 8.a3 Cc6 9.Dc2 Da5 10.0-0-0 Ae7 11.g4 la partita terminò patta dopo altre 38 mosse.7. a3 una scelta solida, Anand lascia intendere che non ha intenzione di prendere rischi in questa partita! c5 8. cxd5 Cxd5 9. Cxd5 exd5 10. dxc5 Cxc5 questa posizione con il pedone isolato è considerata soddisfacente per il nero dall’attuale teoria scacchistica 11. Ae5 da questa casa l’alfiere rinforza il controllo sulla casa d4 difendendo anche il pedone b2 Af5 la linea principale era Af6 Anand avrebbe potuto rispondere 12. Axf6 Dxf6 13. Dd4 Dxd4 14. Cd4 Ad7 e Kramnik non ebbe problemi a ottenere il pareggio contro il suo maestro a Mosca nel 2001 15.f3 Tfc8 16.Rd2 Ce6 17.Ad3 Cxd4 18.exd4 f6 19.h4 g6 20.Tac1 Rf7 21.Tc5 b6 22.Txc8 Txc8 23.h5 Rg7 24.f4 Af5 ½-½ Kasparov,G (2838)-Kramnik,V (2802) 12. Ae2 Af6! dopo l’inserimento di Ae2 e Af5 il bianco ha meno opzioni; un altro membro del team di Anand non riuscì a vincere questa posizione nonostante avesse un piccolo vantaggio 12…Tc8 13.0-0 Ae4 14.Tc1 a6 15.b4 Ce6 16.Db3 ½-½ Nielsen Peter (2642)-Matros Alexandre (2455) e la partita finì patta in 65 mosse. A livello di GM vi è un altro esempio tra  Sokolov Ivan e Topalov Veselin, dove il nero a Villarrobledo nel 2007 riuscì a pareggiare in 51 mosse con qualche sofferenza 12…Ae4 13.0-0 Ce6 14.Cd4 Db6 15.Ad2 Tac8 16.Tac1 h6 17.Ag4 Txc1
18.Txc1 Cc5 19.Ae2 a5 20.f3 Ag6 21.b4
axb4 22.Dxb4 Dxb4 23.axb4 Cd3 24.Axd3 Axd3
25.Tc7 Axb4 26.Txb7

13. Axf6 il bianco potrebbe provare a vincere con 0-0, ma il nero potrebbe migliorare la teoria con Axe5 14.Cxe5 Tc8 15.Tc1 Df6 piuttosto che giocare 13…Ae4 14.Axf6 Dxf6 15.Dd4 Dd6 16.Cd2 Tfd8 17.Cxe4 dxe4 18.Dxd6 Txd6 19.Tfd1 Tad8 20.Txd6 Txd6 21.Tc1 b6 22.b4 Ce6 23.Rf1 dove Tregubov Pavel riuscì a convertire il leggero vantaggio alla sessantesima mossa contro Goloshchapov Alexander a Muelheim nel 2008 Dxf6 14. Cd4 Ce6 il nero ha troppo fretta di pareggiare, non era necessario cedere l’alfiere che in questo finale è più importante del cavallo15. Cxf5 Dxf5 16. O-O è più facile giocare la posizione con il bianco Tfd8?! ora Anand potrà attaccare sul lato di donna era meglio giocare De5 attaccando il pedone b2 17. Ag4! De5 18. Db3! coordinando i pezzi contro b7 e d5 Cc5 secondo Anand era meglio attivarsi con d4
19. Db5 b6
qui Kramnik ha guardato la posizione con preoccupazione 20. Tfd1 Td6 21. Td4?! non la migliore era interessante Tac1!? con l’idea di giocare b4, se a6 il bianco può giocare De2 e se 21…h5 22.Af3 Tad8 23.b4 ; oppure 21…f5 22.Af3 Tad8 23.g3 Ce4 24.Ag2 ed il bianco ha un piccolo ma sicuro vantaggio  a6! ottima mossa che rompe il coordinamento dei pezzi bianchi, ora la regina non può andare in e2 a causa della forchetta di cavallo in b3! 22. Db4 h5 23. Ah3?! una strana decisione, Anand vuole mantenere il controllo della casa e6, ma Ae2 avrebbe messo il pedone a6 sotto pressione Tad8 24. g3 g5 ottima comprensione della posizione da parte di Kramnik, i pedoni del lato di re possono essere spinti senza preoccupazione, bisogna guadagnare spazio rinforzando il controllo sul centro 25. Tad1
g4 26. Ag2 Ce6
a questo punto Kramnik era visibilmente rinfrancato 27. T4d3 d4 28. exd4 Txd4 se Kramnik non avesse perso la partita precedente probabilmente avrebbe catturato in d4 con il cavallo, che non dovrebbe essere sufficiente per ottenere un vantaggio, ma renderebbe la vita del bianco più difficile 29. Txd4 Txd4 offrendo patta, immediatamente accettata dal Campione del Mondo di scacchi in carica.

Posted in Blogroll, curiosità, notizie, partite, scacchi | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »